Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Apple iPhone Xr, Xs, Xs Max fino a 1.700€

di Riccardo Riondino, pubblicata il 13 Settembre 2018, alle 13:19 nel canale MOBILE

“Arriva la nuova trilogia di terminali Apple più potenti e costosi di sempre, con display LCD fino a 6,1", AMOLED fino a 6,5", fino a 512 GB di RAM e prezzi da 889 a 1.689 Euro”


- click per ingrandire -

Nel keynote di ieri è stata presentata la nuova generazione di iPhone, con SoC A12 Bionic con processo litografico a 7 nm e con prodotti disponibili in tre differenti versioni: iPhone Xs, iPhone Xs Max e iPhone Xr. Come il precedente top di gamma iPhone X, i primi due impiegano uno schermo AMOLED definito "Super Retina Display", con angoli arrotondati e densità di 458 PPI (punti per pollice). Il nuovo modello Xr è basato invece su un display con tecnologia LCD IPS, sempre con angoli arrotondati e densità di 326 PPI.

Per iPhone Xs la grandezza resta di 5,8" e risoluzione massima di 2.436 x 1.125 (agli angoli ovviamente è leggermente inferiore), mentre il phablet iPhone Xs Max impiega un display da 6,5" con risoluzione di 2.668 x 1.242. Il picco di luminosità dichiarata è di 625 NIT, copertura dello spazio colore DCI-P3 e viene garantito il supporto sia ad HDR10 che al Dolby Vision. Il display del modello Xr ha una diagonale di 6,1", una risoluzione massima di 1.792 x 828 punti, luminosità massima di 625 NIT e copertura dello spazio colore DCI-P3.


- click per ingrandire -

Per tutti i terminali c'è il sistema di sblocco biometrico con riconoscimento facciale (Face ID), i cui elementi chiave (flood illuminator, dot projector e infrared camera) sono integrati nel notch nella zona superiore.La controversa "tacca" contiene allo stesso modo la fotocamera TrueDepth da 7MP (f/2,2:1), in grado di riprendere in Full HD/60 fps. Nei modelli Xs le due fotocamere principali hanno una risoluzione di 12MP (grandangolo f/1,8, medio-tele f/2,4) con una differenza in lunghezza focale pari a 2x, illuminatore con 4 LED per adattare il bilanciamento del bianco alla luminosità ambientale (True Tone) e doppio OIS. Il modello Xr ha solo la camera grandangolare, con le stesse caratteristiche. La videocamera principale registra in Ultra HD 4K a 24, 30 e 60 fps anche in HD mentre per il 720p ci si ferma a 30fps.

Il nuovo A12 Bionic è il primo processore con litografia a 7 nm del settore. La tecnologia di intelligenza artificiale Neural Engine è in grado di elaborare 5 miliardi di operazioni al secondo, mentre la CPU quad core migliora del 50% le prestazioni dell'A11 Bionic. I due "performance core" sono invece fino al 15% più veloci, mentre i quattro "efficiency core" consentono fino al 50% di consumi in meno. L'autonomia di tutti i nuovi terminali è superiore rispetto ad iPhone X e iPhone 8, rispettivamente con 12, 13 e 15 ore di navigazione internet per Xs, Xs Max e Xr. Per quanto riguarda la memoria interna, sono previste versioni da 64GB, 256GB e 512GB.


- click per ingrandire -

La scocca di Xs e Xs Max è realizzata in acciaio inox di grado chirurgico e vanta una resistenza all'acqua e alla polvere certificata IP68. Per il modello Xr la certificazione è "solo" IP67. Tutti e tre i terminali sono dotati di ricarica wireless che promette tempi inferiori rispetto a iPhone X. I nuovi smartphone Xs e Xs Max potranno essere prenotati a partire da domani con disponibilità effettiva dal 21 settembre; il nuovo Xr potrà essere prenotato dal 19 ottobre, con disponibilità per il 26 ottobre. I prezzi di partenza di tutti e tre i terminali sono decisamente elevati in assoluto.

Per i modelli Xs i prezzi sono di 1.189 € , 1.359 € e 1.589 € rispettivamente con 64GB, 256GB e 512GB di ROM; per i modello Xs Max i prezzi sono di 1289€, 1.459 € e 1.689 € rispettivamente con 64GB, 256GB e 512GB di ROM. I colori disponibili sono tre: oro, grigio siderale e argento. Per chi volesse "risparmiare qualcosa", i prezzi per i modelli Xr sono di 889 €, 949 € e 1059 € rispettivamente con 64GB, 128GB256GB di memoria interna.

Per maggiori informazioni: www.apple.it



Commenti (6)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Bebez pubblicato il 13 Settembre 2018, 13:43
Direi che c'è un refuso...
Per 512GB di RAM non sarebbe poi così costoso
Commento # 2 di: adslinkato pubblicato il 13 Settembre 2018, 13:54
Insomma, Apple - come sempre - vuole differenziarsi da tutti gli esemplari della famiglia Androdid, ma ora lo fa anche in termini di prezzo...
Commento # 3 di: Riccardo Riondino pubblicato il 13 Settembre 2018, 14:16
Originariamente inviato da: Bebez;4886101
Direi che c'è un refuso...
Per 512GB di RAM non sarebbe poi così costoso


Decisamente...grazie per la segnalazione
Commento # 4 di: AlbertoPN pubblicato il 13 Settembre 2018, 15:29
Originariamente inviato da: adslinkato;4886106
Insomma, Apple - come sempre - vuole differenziarsi da tutti gli esemplari della famiglia Androdid, ma ora lo fa anche in termini di prezzo...


Vero, ma non occorre assolutamente prendere il terminale più grande, capiente e quindi costoso ...
Ho notato una pandemia in rete per questa cosa ..... insomma, è una eventuale scelta, non certo un obbligo.
Commento # 5 di: Walkiria pubblicato il 13 Settembre 2018, 17:20
Io ho da 6 mesi l’X ed è una macchina da lavoro fantastica. Speravo nella doppia sim pubblicizzata da Apple, ma alla fine la seconda è una esim non ben definita... per il resto cambia praticamente nulla
Commento # 6 di: AlbertoPN pubblicato il 13 Settembre 2018, 18:10
Devo ammettere che anche per me la doppia SIM rappresentava un plus non indifferente.

La eSim al momento è appannaggio solo Vodafone in Italia (vedi anche il Watch4 e l’introduzione del Watch3 Cellular proorio per questo accordo che non esisteva fino .... a ieri) e sarà sbloccata durante l’anno con un rilascio di un aggiornamento di iOS12 ad hoc.
Sembra gestirà telefonate e messaggi da entrambe in contemporanea ma la rete dati solo di una di esse (in alternativa, immagino).

Sono curioso di capire i costi di questa operazione (Vodafone notoriamente regala i suoi piani tariffari, anche con Ho) e soprattutto la bontà della cosa.