Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Priest – Paul Bettany impressionante!

di Michele Addante, pubblicata il 24 Dicembre 2009, all 08:43 nel canale CINEMA

“Ci fa già capire di che genere di film stiamo parlando, questo primo poster di Priest con un primo piano di Paul Bettany (l’albino Silas de 'Il codice Da Vinci'). Un consiglio: non guardatelo troppo da vicino!”

La croce tatuata sulla fronte di Paul Bettany e le fiamme dell’inferno alle sue spalle mettono subito in chiaro che Priest di Scott Stewart non è un film per quei cristiani magari un po’ "fondamentalisti". Del resto Paul non è nuovo a questi ruoli legati alla religione se pensiamo alle sue interpretazioni in Il codice Da Vinci, The reckoning - Istinti criminali e Legion.

Priest, seconda collaborazione di Paul Bettany con il regista Scott Stewart dopo Legion, racconta la storia di un prete guerriero (Paul Bettany), che mette da parte i precetti della sua fede per unirsi ad un giovane sceriffo (Cam Gigandet) e ad una giovane sacerdotessa (Maggie Q), al fine di rintracciare una banda di vampiri che gli ha rapito la nipote.

Un misto tra film d’azione e horror-thriller, Priest esordirà nelle sale italiane a partire dal 17 settembre 2010.



Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Glass141 pubblicato il 24 Dicembre 2009, 09:18
Certo che il ruolo gli calza a pennello...
Commento # 2 di: prunc pubblicato il 24 Dicembre 2009, 14:31
Gia'....piuttosto inquietante il ragazzo
Commento # 3 di: Alessandro Pecorelli pubblicato il 24 Dicembre 2009, 14:48
mi incuriosisce molto, le qualità del protagonista poi sono fantastiche!
Commento # 4 di: MauMau pubblicato il 25 Dicembre 2009, 18:36
personalmente adoro il Paul Bettany di Master & Commander in coppia (strepitosa) con Russel Crowe.
Al di là del manifesto, spero che questo film non sia un'altra offesa alle convinzioni più profonde di qualsiasi persona (come Il codice da vinci".
Mi piacciono i film che fanno riflettere e magari criticano alla radice le ragioni di vita di altri, ma senza raccontare baggianate e stravolgere la verità storica.

Anche perchè se si osa difendere le proprie ragioni ed i propri valori, si viene immediatamente tacciati di essere fondamentalisti ...
Commento # 5 di: Spaccaossa pubblicato il 26 Dicembre 2009, 18:05
Quoto totalmente Mau Mau!!