Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Blu-ray: La Bella Addormentata nel Bosco

di Edoardo Ercoli , Luca Carosi , pubblicato il 05 Novembre 2008 nel canale SOFTWARE

“La Bella Addormentata nel Bosco è il primo classico Disney ad approdare nel formato Blu-ray grazie ad un eccellente lavoro di restauro che ripropone il formato originale 2.55:1, dona nuovo splendore ai colori originali e si arricchisce di una valanga di contenuti speciali”

Le edizioni cinematografiche e il rapporto d'aspetto


Immagini del film in formato 35mm scope ottico; a destra ingrandimento di un fotogramma
che abbiamo elaborato per rendere più visibili la traccia ottica (a sinistra) e le perforazioni

- click per ingrandire -

Il negativo Technirama 70mm è stato usato per stampare tutte le edizioni e riedizioni positive che si sono susseguite negli anni. Il formato 35mm Cinemascope magnetico (con 4 piste magnetiche) usava un’area maggiore rispetto a quello ottico ed aveva lo stesso rapporto 2,55:1 del negativo originale. Le edizioni in 35mm Cinemascope ottico (il più comune e quello usato ancora oggi) veniva stampato con rapporto 2,35:1, mentre il 70mm veniva stampato con rapporto d'aspetto pari a 2,20:1.



Comparativa tra le tre stampe positive del film: in alto (1) il 35mm ottico e (2) il 35mm magnetico
Più in basso (3) l'enorme 70mm con il rapporto d'aspetto ridotto a 2,2:1 a causa delle piste magnetiche
- click per ingrandire -

Solo la prima edizione in 35mm Cinemascope magnetico conservava tutte le informazioni presenti nel negativo in termini di particolari. Negli altri invece, per adattare al formato mantenendo le dovute proporzioni degli oggetti, erano inevitabili dei tagli. Come mai tutti questi formati diversi? Una scelta obbligata per venire incontro agli allestimenti più comuni delle sale. I film 35mm magnetici richiedevano una particolare testina di lettura, e quindi un costo aggiuntivo non indifferente per gli esercenti, il più diffuso era il 35mm ottico che, per lasciare il posto alla colonna ottica, riduceva il rapporto d'aspetto a 2,35:1.


Comparativa tra i tre rapporti d'aspetto in cui è stato distribuito il film
- click per l'immagine a risoluzione full HD -

Il formato 70mm era grande, con elevata risoluzione ma aveva l’audio su 6 piste magnetiche che rubavano molto spazio riducendo il rapporto addirittura a 2,20:1. Sarebbe allora lecito chiedersi: quale di questi è il vero rapporto di immagine del film? Il formato che consente di vedere il maggiore numero di particolari presenti sul negativo è il 2,55:1 , la logica conclusione, adottata poi anche dai realizzatori dell’edizione Blu-ray, è che è quello che gli animatori intendevano venisse usato, mentre gli altri sono da considerarsi come degli adattamenti per gli altri sistemi presenti all’epoca.