Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Biancaneve e il cacciatore

di Alessio Tambone , pubblicato il 16 Luglio 2012 nel canale CINEMA

“La celebre fiaba dei fratelli Grimm torna sul grande schermo in versione decisamente dark: azione e fantasy vedono Charlize Theron nei panni della regina cattiva Ravenna e la giovane Kristen Stewart in quella della 'dolce' Biancaneve. Distribuzione nelle sale italiane curata da Universal Pictures”

L'operazione resta interessante: prendere una fiaba e rileggerla in chiave decisamente differente. Meno interessante è il risultato, che parte male già dalla sceneggiatura. Il soggetto principale è stato ideato da Evan Daugherty, praticamente un esordiente, al quale sono stati affiancati in fase di sceneggiatura John Lee Hancock (The Blind Side e Alamo) e il più esperto Hossein Amini, nominato all'Oscar per Le ali dell'amore e autore anche dello script de Le quattro piume. Nella prima parte la trama si concentra sulla regina cattiva, tratteggiando in maniera anche riuscita il carattere 'particolare' del personaggio e la sua ricerca della bellezza eterna. Dopo questa introduzione - anche un po' troppo lunga - il filo si perde. Non per complessità, ma al contrario per mancanza di idee originali, dialoghi accettabili, assenza di un chiaro percorso narrativo e personaggi lasciati in balia di pochi eventi scollegati tra loro. Sbagliata anche la partecipazione effettiva dei nani (sono otto, non sette), relegati a poche scene nelle parte centrale, che invece avrebbero potuto arricchire di molto il film grazie alla riuscita interpretazione di attori come Ian McShane, Bob Hoskins, Ray Winstone e Nick Frost.

Deludente anche la regia di Rupert Sanders, esordiente arrivato dal mondo degli spot TV, che stecca la prima grande occasione e si arena per la mancanza di esperienza. Ottima nei singoli momenti (alcune scene all'interno del castello con la regina e la doppia sequenza nella Foresta Nera e nel Santuario delle Fate), la regia di Sanders si perde nelle scene di battaglia, dove non basta muovere freneticamente la macchina da presa per creare concitazione sullo schermo. Abbiamo avuto inoltre l'impressione che il regista e il suo staff abbiano lasciato allo sbando attori e comparse sul set, spesso non precisi nelle tempistiche e nel 'tenere' una scena, dando per buono un ciak che magari sarebbe stato meglio rifare. Sono numerosi infine gli errori di continuità, realizzati nelle varianti sceneggiatura, costumi, riprese e montaggio, che infastidiscono non poco durante la visione del film. Una regia che nel complesso delude parecchio.

Capitolo attori. Sublime la regina Ravenna messa in scena da Charlize Theron, violenta, patetica e dannatamente seducente, che alterna sguardi languidi, occhi rossi e disperati con imperdibili momenti di vanità e isterismo. Attendiamo l'uscita in home video per gustare la recitazione originale, anche perché questa volta il doppiaggio di Roberta Pellini ci è sembrato non all'altezza alla strepitosa interpretazione dell'attrice sudafricana. Indubbiamente inferiore - e di molto - la performance di Kristen Stewart, accettabile in versione piccola ragazza indifesa ma insostenibile come condottiera di un esercito in battaglia. Buona la prova di Chris Hemsworth, che lascia il martello di Thor a favore di una più comoda ascia da guerra, sicuramente più utile quando ci si deve districare in un bosco, specie se incantato.

Solo sufficienti i tanti effetti CGI, che vacillano nell'integrazione di fondali con riprese live action e in alcune mutazioni nella pelle di un paio di personaggio, tra cui la regina cattiva. Eccellente la colonna sonora di James Newton Howard, che regala ancora una volta uno score ricco di pathos, classico nell'alternanza di archi e timpani ma in linea con l'adattamento moderno dell'operazione. A conferma, sui titoli di coda il compositore lascia il posto al gruppo inglese Florence + The Machine, che accompagnano l'uscita del pubblico in sala sulle note di Breath of Life (link al video ufficiale su You Tube).

Prima di entrare in sala avevamo molte aspettative, convinti che quel poco visto nel trailer avrebbe trovato giusto compimento nei 127 minuti di durata. Siamo usciti invece delusi, classificando questo Biancaneve e il cacciatore come una grande occasione persa per realizzare un film imperdibile. Durante la visione inoltre è fastidiosa la continua sensazione di déjà vu, quando i protagonisti sullo schermo e la costruzione delle scene richiama - plagia? - film come la Principessa Mononoke, il recente Robin Hood, La storia infinita o, perché no, la serie TV di successo Il trono di spade.

Siamo curiosi di capire cosa combineranno con il probabile sequel.

Voto finale 6

Link al trailer: http://youtu.be/gAMzMkpTuZA

 

Articoli correlati

Top Vendite HD: Giugno 2012

Top Vendite HD: Giugno 2012

Classifica dei 10 Blu-ray più venduti nel mese di Giugno, una puntuale elaborazione Univideo su dati GFK che racchiude le maggiori vendite in alta risoluzione dello scorso mese



Commenti (15)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Alberto Pilot pubblicato il 16 Luglio 2012, 19:55
Ciao Alessio,

sono totalmente d'accordo con te e la tua lucida analisi.
Ieri sera mi hanno praticamente costretto a vederlo (e partivo anche un filo curioso, dato che l'alternavita era il reboot di Spiderman ....) ma già alla fine del primo tempo non attendevo altro che la conclusione di questo pastrocchio.

Charlize è meravigliosa, come sempre, e si, credo che questa volta il doppiaggio l'abbia un pochino castrata, soprattutto in alcuni frangenti, togliendo pathos e drammaticità alla scena, aumentandone nel contempo l'isterismo. Da rivedere.

La morosa del vampiro è inqualificabile .... praticamente vittima inconsapevole degli eventi per tre quarti del film, e poi condottiera in battaglia con un cipiglio alla Giovanna D'Arco ? Ma quando mai ... su su ... ed il discorso che poi fa per motivare la truppa ? Guardatelo (ascoltatelo) se ne avete il coraggio, senza chiedervi: Perché ?? Mah ....

Gli 8 nani (OTTO ?) arrivano ad un punto in cui poi pensi fra te e te ahhh già, era Biancaneve ed i 7 nani ecco chi sono ..... e direi che non ci siamo .....

Concordo anche sugli effetti e sui vari errori commessi sul set ..... il film è un incompiuto dall'ottimo potenziale ... spero davvero che NON ci pensino neppure al sequel.

Come giudizio globale il 6 è (per me) di almeno un punto e mezzo troppo generoso.
Bocciato senza appello.


Ciao


Alberto
Commento # 2 di: Franco pubblicato il 16 Luglio 2012, 21:17
Diciamo che è la prima volta che sono d'accordo nella recensione di un film in tutto e per tutto. visto ieri sera ed è riuscito a deludere tutte le aspettative del trailer. Film troppo lento e noioso. Il movimento della macchina si avverte anche nelle scene statiche, davvero da mal di mare.per quanto riguarda il voto sono d'accordo con Alberto
Commento # 3 di: SydneyBlue120d pubblicato il 16 Luglio 2012, 22:15
Mi accodo ai commenti. Potremmo sintetizzare nel commento che ci facevano a scuola E' bravo ma potrebbe fare di più. Molte tematiche non sviluppate, un vero peccato
Commento # 4 di: IukiDukemSsj360 pubblicato il 16 Luglio 2012, 23:23
tanta carne al fuoco, ma senza raggiungere meta..?
Commento # 5 di: Rhydas pubblicato il 17 Luglio 2012, 08:33
la regina cattiva è infinitamente più GNOCCA di biancaneve
Commento # 6 di: sigpilu pubblicato il 17 Luglio 2012, 12:01
Mi dispiace moltissimo per Charlize: un'interpretazione eccezionale in un film ridicolo è la cosa peggiore che possa accadere a un attore.
Commento # 7 di: simontech pubblicato il 17 Luglio 2012, 16:10
Un vero peccato davvero, non è che mi aspettassi molto da questo film ma sicuramente di più.. E anche a me dispiace per Charlize (sempre bella e bravissima comunque).
Commento # 8 di: gg74 pubblicato il 17 Luglio 2012, 16:19
Film di una bruttezza indegna.

La bella fotografia e' l'unica cosa decente del film. Pure Charlize fatica con uno script con piu' buchi della gruviera.

I dialoghi sono demenziali, la qualita' della recitazione della Stewart e di Hemsworth e' indegna.

Dopo 40 minuti speri che Biancaneve mangi quella mela per tornartene a casa... e devi aspettare ancora quasi due ore (di cui oltre mezza dopo che ha mangiato la mela).
Commento # 9 di: skynet82 pubblicato il 18 Luglio 2012, 00:46
potete dire quello che volete ma a me questo film non è dispiaciuto affatto... non sarà un capolavoro ma mi ha fatto passare due ore tranquille e se faranno un sequel come è già stato deciso cmq andrò a vederlo
Commento # 10 di: mr.mau pubblicato il 19 Luglio 2012, 13:54
Assolutamente da perdere! Se un bambino di 5 anni avesse scritto la sceneggiatura, avrebbe fatto di meglio. Charlize non ha potuto fare di peggio...peccato...tutti quei soldi spesi...
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »