Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Rio

di Alessio Tambone , pubblicato il 21 Aprile 2011 nel canale CINEMA

“20th Century Fox distribuisce il nuovo film di animazione dei Blue Sky Studios. Abbandonati ghiacciai e dinosauri, ci si trasferisce a Rio de Janeiro per seguire le avventure dell'ara macao Blu. Il film è disponibile anche in versione 3D ”

Blu è un ara macao spaventosamente addomesticato: non vola, si lava il becco con il dentifricio, prepara la colazione e convive con la sua padrona Linda. Scampato per caso ai bracconieri in giovanissima età, Blu si è abituato alle comodità di città e ha creato la sua vita in simbiosi con quella di Linda. Un ornitologo abbastanza imbranato comunica però a Linda che il suo Blu è l'ultimo esemplare maschio della specie e che l'ultima femmina è nel suo laboratorio a Rio de Janeiro.

Dopo qualche indecisione, Linda decide di portare Blu in Brasile per dar seguito alla specie. Ma i due preziosi uccelli vengono rapiti da altri trafficanti di animali. Comincia così una disperata ricerca da parte degli umani, mentre i due uccelli riescono a scappare dalla loro gabbia con l'aiuto di altri simpatici protagonisti. Sullo sfondo la meravigliosa città di Rio e l'affascinante momento del Carnevale.

Rio è un importante tassello per i Blue Sky Studios. I creatori della trilogia de L'era glaciale abbandonano le ghiacciate sponde di Scrat&Co. per realizzare un film ricercato e ambizioso, una sfida per non restare troppo indietro rispetto ai colossi di animazione Pixar e Dreamworks. Certo, lo studio aveva già relizzato Ortone e il mondo dei chi e Robots, ma la sensazione avuta è che Rio sia decisamente un passo avanti a questi progetti.

Regista del film è Carlos Saldanha, già impegnato come regista o co-regista della trilogia de L'era glaciale, che ha fornito allo studio l'idea di Rio e l'amore incondizionato per la sua città natale. Rio inoltre si differenzia rispetto ai precedenti progetti perchè teatro dell'azione non è un luogo fantastico e ricostruito con l'immaginazione. Rio de Janeiro è una città viva, colorata e visivamente accattivante, stilizzata ma allo stesso tempo riconoscibile nei tratti reali e conosciuti di grande metropoli brasiliana.

Oltre ai splendidi ambienti, il film si caratterizza anche per la bontà di rendering delle piume, realizzato con un nuovo strumento proprietario chiamato Ruffle Deformer, che ha permesso un preciso controllo di piume e resa dei personaggi. Modifiche positive anche nei tecnici che hanno lavorato al film, come ormai insegnano gli altri studi con i costanti crossover tra artisti specializzati in animazione e film live action. Il reparto di illuminazione ha potuto utilizzare un nuovo sistema di rendering della pelle, mentre il direttore della fotografia Renato Falcão ha suggerito per la macchina da presa movimenti più fluidi e ricercate profondità di campo simulando lenti e attrezzature realmente esistenti.

Alla fine Rio soddisfa i più grandi per l'estrema bontà tecnica dimostrata (con animazione spesso slapstick), mentre i più piccoli saranno attirati dai colori sfavillanti (attendiamo già con ansia il Blu-ray) e una storia in stile Disney con momenti di crescita per i personaggi, la necessità di un distacco più o meno marcato per le esigenze di indipendenza di ogni individuo e la presenza di personaggi secondari estremamente divertenti e ben realizzati. Questi ultimi in definitiva sono uno dei successi della pellicola, che distribuisce i comprimari lungo tutto l'arco di durata, con continue novità e fughe e senza momenti stancanti di pausa.

Segnaliamo soltanto qualche problema nell'animazione degli umani - amore e odio di tutti i tecnici - che appaiono per la prima volta in un film realizzato dai Blue Sky Studios con emozioni e personalità, dopo il brevissimo passaggio ideato nelle fasi iniziali del primo L'era glaciale.

Non possiamo chiudere la nostra recensione positiva senza citare la musica di Rio, colonna portante e caratteristica di una pellicola fortemente brasiliana nei colori e nei suoni. In lingua originale will.i.am (Black Eyed Peas), Jamie Foxx, Bebel Gilberto, Taio Cruz, Ester Dean, Siedah Garrett e Jemaine Clement cantano e sorprendono, guidati dalla leggenda Sergio Mendes (anche produttore esecutivo delle musiche), che si tira dietro anche il celebre percussionista brasiliano Carlinhos Brown. Nel club musicale anche il compositore John Powell, mentre Mendes realizza una nuova registrazione della classica bossa nova realizzata con Brasil '66 Mas Que Nada.

Nel passaggio italiano purtroppo qualcosa si perde, come spesso accade quando si punta più al nome del doppiatore che alla sua filmografia. Infastidisce Victoria Cabello (che doppia l'ara femmina) mentre strappa un sette Fabio De Luigi con la voce del protagonista. Accanto a loro gli ottimi Pino Insegno, Mario Biondi e Josè Altafini.

Voto finale 8

 

Articoli correlati

Tutti al cinema: Aprile 2011

Tutti al cinema: Aprile 2011

Suggerimenti e calendario completo per le uscite nei cinema italiani nel mese di Aprile. Una rubrica di AV Magazine per essere sempre aggiornati su quello che succede all'interno dei cinema italiani, con info sul film e trailer. A voi la scelta!



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: GIANGI67 pubblicato il 22 Aprile 2011, 19:39
Dal trailer pare davvero carino...