Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

La guerra dei mondi

di Alessio Tambone , pubblicato il 06 Luglio 2005 nel canale CINEMA

“In uscita mondiale contemporanea il 29 giugno, Steven Spielberg e Tom Cruise ci presentano una Terra che si ritrova improvvisamente in guerra. Questa volta però la minaccia arriva dallo spazio. Ecco la recensione di AV Magazine de 'La guerra dei mondi'”

Introduzione

Il 30 ottobre 1938, nel corso della trasmissione radiofonica settimanale Mercury Theatre on the Air, Orson Welles spaventò l'America raccontando "in diretta" l'invasione della Terra da parte di un gruppo di marziani. La reazione fu di proporzioni immani: la gente cominciò a scappare per le strade, mentre le chiese si riempivano sempre più. Nel libro Io, Orson Welles, scritto da Peter Bogdanovich in base ad un'intervista fatta a Welles, il regista di Quarto potere racconta: "Da Nashville a Minneapolis la gente alzava invocazioni e si lacerava gli abiti. Cominciammo a renderci conto, mentre stavamo distruggendo il New Jersey, che avevamo sottostimato l'estensione della vena di follia della nostra America".


Orson Welles al lavoro
- click per ingrandire -

In realtà durante quella trasmissione Welles leggeva solo alcune pagine di famosi romanzi e quella settimana toccò al romanzo La guerra dei mondi, scritto nel 1898 dal genio inglese H. G. Wells. Nel 1953 la Paramount produsse La guerra dei mondi, un lungometraggio basato proprio sull'omonimo romanzo di Wells. Il film, diretto da Byron Haskin ed interpretato da Gene Barry e Ann Robinson, vinse il premio per i Migliori effetti speciali nella 26° edizione degli Oscar, conquistando anche le nomination nella categoria Miglior montaggio e Miglior sonoro.

Gli eredi di Wells furono molto soddisfatti di questa prima trasposizione cinematografica e proposero al produttore George Pal di realizzare un altro film partendo da un altro romanzo di H. G. Wells. Nacque così (siamo nel 1960) il film L'uomo che visse nel futuro, ispirato al libro di Wells del 1895 La macchina del tempo. Qualche anno fa il regista Simon Wells (pronipote proprio di H. G. Wells) ha diretto il remake di quel film, distribuito nel mondo con il titolo The time machine.


Due momenti del film The time machine
- click per ingrandire -

In questa catena di romanzi e remake è caduto anche il regista Steven Spielberg. Il suo nuovo film La guerra dei mondi è uscito nelle sale in contemporanea mondiale il 29 giugno. L'interesse di Spielberg per questo romanzo iniziò già qualche anno fa, quando il regista americano comprò l'unica copia rimasta dello scherzo radiofonico di Orson Welles (la trascrizione integrale della trasmissione si trova all'indirizzo internet http://members.aol.com/jeff1070/script.html). Questa copia apparteneva a  Howard Koch, lo sceneggiatore che lavorò con Orson Welles al progetto. Durante la trasmissione radiofonica Koch (con la sua copia) rimase a casa ed evitò così che fosse confiscata dalla polizia, cosa che avvenne invece per tutte le altre.