Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

OLED: LG triplica la capacità produttiva

di sabatino pizzano, pubblicata il 22 Aprile 2010, all 14:11 nel canale DISPLAY

“Il produttore coreano ha annunciato l'intenzione di investire circa 225.7 milioni di dollari per triplicare la propria capacità produttiva di pannelli OLED. L'obiettivo è abbassare il costo medio di produzione ed introdurre sul mercato display OLED di medio/grandi dimensioni”


Ogni qualvolta viene introdotta sul mercato una nuova tecnologia, il prezzo che ne contraddistingue i rispettivi prodotti è spesso caratterizzato da un valore tuttosommato elevato rispetto al medesimo che si registra negli anni a seguire. La motivazione di questa dinamica discendente del prezzo va ricercata essenzialmente in due cause: da un lato, le case fanno pagare agli early adopter ("utenti precoci") il "prestigio" di possedere una nuova tecnologia; dall'altro, invece, la ragione va ricercata negli elevati costi fissi unitari. Per costi fissi si intendono tutti quei costi che non variano al variare delle unità prodotte. Tra questi figurano, in particolar modo, i costi di ricerca e sviluppo e i costi di impianti e macchinari.

Facendo una semplicissima deduzione matematica, è facile ricostruire la dinamica dei prezzi pocanzi anticipata: aumentando le unità prodotte, il costo fisso andrà suddiviso su più unità. Ciò vuol dire che il costo medio unitario si ridurrà con l'aumentare della produzione. Questo è, molto sommariamente, il concetto di "economie di scala".

Alla luce di ciò, LG ha annunciato l'intenzione di voler investire oltre 225 milioni di dollari al fine di triplicare la capacità produttiva di pannelli OLED. L'obiettivo del produttore coreano è proprio quello di abbassare l'attuale elevato costo di produzione. Il fine ultimo, inoltre, è quello di introdurre sul mercato display di medio/grandi dimensioni a prezzi ragionevoli, rispettando la road-map che durante la scorse settimane la stessa LG aveva annunciato. I nuovi stabilimenti entreranno in funzione entro la fine del 2011.

Fonte: Tech Connect Magazine



Commenti