Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Lytro Illum: nuova Light Field Camera

di Nicola Zucchini Buriani, pubblicata il 23 Aprile 2014, all 14:37 nel canale MOBILE

“Il marchio statunitense ha presentato la seconda generazione di fotocamere, dotate della capacità di catturare l'angolazione da cui proviene la luce, ed equipaggiata con un sensore da 40 megaray da 1”, zoom ottico 8x, apertura costante f/2.0 e display touch-screen orientabile da 4””

Lytro ha ufficialmente presentato la sua nuova fotocamera, la seconda dopo l'uscita dell'originale Lytro, circa due anni e mezzo fa. Il nuovo modello prende il nome di Illum e si presenta come una Light Field Camera, ovvero un prodotto in grado di catturare anche l'angolazione da cui proviene la luce. Questa caratteristica è ciò che distingue le Lytro dalle altre fotocamere: una volta effettuato lo scatto è infatti possibile variare sia la messa a fuoco, selezionando un punto differente all'interno dell'immagine, sia la prospettiva, agendo di fatto, su una sorta di post-produzione. Il design della Illum è molto originale: tutto il corpo macchina, realizzato con costruzione in magnesio unibody, è leggermente inclinato in avanti, in modo da spezzare la continuità delle linee rispetto all'ottica frontale.

Passiamo ad analizzare le caratteristiche tecniche: il sensore ha dimensioni pari ad 1” e dispone di una risoluzione pari a 40 megaray (corrispondenti a circa 5 megapixel, se si traduce la misura in termini “bidimensionali”), ovvero della capacità di catturare 40 milioni di raggi di luce. L'obiettivo ha un'apertura costante f/2.0, con uno zoom ottico 8x (30 - 250 mm equivalente), mentre la velocità dell'otturatore è di circa 1/4000s. Sul retro troviamo lo schermo LCD, un'unità da 4” orientabile, con una risoluzione pari a 800 x 480 pixel e touch-screen. Quest'ultimo è utile per tutte le regolazioni di cui abbiamo parlato in precedenza: è sufficiente toccare l'immagine visualizzata per regolare fuoco, prospettiva ed anche per zoomare. Il funzionamento è del tutto similare a quello riportato nell'immagine (interattiva) sottostante:

Rispetto al precedente prodotto di Lytro, Illum dispone di una risoluzione quasi 4 volte superiore (40 megaray contro 11 megaray). Il corpo macchina pesa circa 940 grammi, mentre l'impugnatura è in silicone, per facilitare una salda presa. Le funzioni presenti sono numerose: si spazia da una modalità macro a quella per generare immagini 3D, comprendendo anche controlli manuali piuttosto approfonditi. A gestire tutte le funzioni è un SoC Snapdragon 800, un chipset potente, necessario ad elaborare il flusso dati catturato dalla fotocamera.

La connettività è piuttosto completa: troviamo il Wi-Fi integrato ed una porta USB 3.0, con un singolo slot SD per le memorie e la possibilità di utilizzare flash standard. Una particolarità della Lytro è la costruzione dell'obiettivo: la tecnologia utilizzata, permette, infatti di impiegare un numero notevolmente inferiore di elementi in vetro, solo 13 sulla Illum, mentre in media sono oltre 20 su un obiettivo Canon da 70 - 200 mm.

Illum sarà disponibile a partire da luglio, al prezzo di 1.599 dollari. Chi prenoterà la fotocamera riceverà uno sconto di 100 dollari, che porterà il costo a 1.499 dollari, mentre i possessori del primo modello di Lytro potranno usufruire di una decurtazione di 200 dollari.

Fonte: Lytro



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Doc_zero pubblicato il 23 Aprile 2014, 18:46
ultrasupermegaiperfigata