Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

3D auto-stereoscopico domani in Giappone

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 21 Dicembre 2010, all 12:37 nel canale DISPLAY

“Toshiba darà il via da domani in Giappone alla commercializzazione dei primi display 3D senza occhialini. La nuova serie Regza GL1 sarà composta da un modello con diagonale da 12 pollici e dal più grande da 20 pollici”

Da domani comincia ufficialmente l'era dei TV 3D auto-stereoscopici. E' solo un primo - piccolissimo - passo verso l'evoluzione che quasi tutti attendiamo. La nuova serie Regza GL1 di Toshiba sarà per ora disponibile esclusivamente in Giappone e composta da un modello da 12 pollici marchiato 12GL1 e da un 20 pollici siglato 20GL1. Per creare la percezione tridimensionale, questi piccoli display utilizzano entrambi la tecnologia con barriera di parallasse, con tutti i limiti in termini di angolo di visione, risoluzione, cross-talking. A proposito di risoluzione, il 12 pollici utilizza un pannello 466x350 punti, mentre il 20 pollici arriva a 1280x720 punti.

Insomma, siamo ancora ben lontani dalle aspettative e anche i prezzi di questa novità non sono di certo popolari: 120.000 Yen (poco più di 1.000 Euro) per il 12 pollici e ben 240.000 Yen (2.100 Euro) per il 20 pollici. Forse se non arriveranno mai da noi, nessuno griderà allo scandalo! :-)

Fonte: Engadget



Commenti (26)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: StarKnight pubblicato il 21 Dicembre 2010, 12:46
Come volevasi dimostrare tanto fumo e poco arrosto...
Piccoli, costosi e ancora molto limitati sia in risoluzione (che per via della barriera di parallasse va dimezzata quindi 1280x720=640x720 in 3D) che per angoli di visione e difetti vari.

Gli occhialini come non mi stancherò mai di ripetere sono e saranno ancora per qualche anno il solo sistema per garantire una visione discreta di film ed immagini 3D (soprattutto su plasma e DLP) da parte di tutti gli spettatori presenti in sala.
Commento # 2 di: jpjcssource pubblicato il 21 Dicembre 2010, 16:51
2.100 euro, tonnellate di difetti della parallasse, diagonale ridicola e design ripugnante per non mettersi dei benedetti occhialini, un affarone .

Quasi quasi vado di import
Commento # 3 di: Riky Ray pubblicato il 21 Dicembre 2010, 18:35
esercizi di stile e marketing..
crederete mica che ci vogliono guadagnare.. produzione limitata, li compreranno in quattro gatti, così come è stato per il primo OLED di Sony.
Commento # 4 di: Beralios pubblicato il 21 Dicembre 2010, 18:41
Ed è giusto che sia così!!! Brava Toshiba, qualcuno deve pur cominciare...
2100 euro? Saranno tanti per noi poveracci italiani malfidenti, ma per un giapponese medio consumista è un prezzo più che ragionevole.
Penso inoltre che i gatti a comperarlo non saranno solo 4, questa in fondo è un' innovazione più interessante di un OLED...
Commento # 5 di: Riky Ray pubblicato il 21 Dicembre 2010, 18:51
sarà una innovazione quando ci saranno diagonali meno ridicole, a partire da 32..
Non so quanto sia gratificante guardare un film di 2ore su un 12 o 20, con risoluzione dimezzata, sulla sedia a 1 metro ,forse meno, di distanza! da qui non credo farà così clamore da spingere al boom delle vendite, non saranno in 4, saranno in 5.
Commento # 6 di: Beralios pubblicato il 21 Dicembre 2010, 18:54
Credo sia una questione di mentalità: potessi permettermelo ad occhi chiusi (o quasi) io lo comprerei... anche se sono pienamente d'accordo che con simili misure ci fai ben poco.
Commento # 7 di: kellone pubblicato il 21 Dicembre 2010, 19:59
Il 3D mi avrà quando questa tecnologia sarà matura.

Nel mentre lascio agli altri il divertimento dell'attuale 3D.
Commento # 8 di: robertocastorina pubblicato il 21 Dicembre 2010, 22:30
Originariamente inviato da: Beralios
Credo sia una questione di mentalità: potessi permettermelo ad occhi chiusi (o quasi) io lo comprerei...

Anche questione di gusti: potessi permettermi cifre pazze io comprerei il VPR 8k che 2 anni fa utilizzarono a Bellinzago per proiettare hancock e lascerei ai giapponesi quella miseria...
Commento # 9 di: jpjcssource pubblicato il 22 Dicembre 2010, 01:21
Originariamente inviato da: Beralios
2100 euro? Saranno tanti per noi poveracci italiani malfidenti, ma per un giapponese medio consumista è un prezzo più che ragionevole.
Penso inoltre che i gatti a comperarlo non saranno solo 4, questa in fondo è un' innovazione più interessante di un OLED...


Più importante di un OLED? Hanno riproposto una tecnologia trita e ritrita (la tecnica della parallasse esiste dalla notte dei tempi) ad un prezzo folle.

Non si tratta di un fatto di prezzo, quello è giustificato se c'è un'innovazione che porta chiari vantaggi a chi la compra.

L'OLED 15 LG costa uno sproposito, ma pur nei limiti che comporta la sua diagonale e risoluzione, offre delle immagini di qualità elevatissima.
Questi prodotti non sono solo una spesa folle, ma pure un'acquisto sensa senso perchè non offrono nulla di meglio di un televisore 3D che costa la metà.
Non vi è un solo vantaggio tangibile ad usare questi televisori rispetto a quello che già abbiamo tranne il poter togliere gli occhialini, cosa piuttosto trascurabile.
Addirittura la qualità è ben peggiore.

Si sbrighino a far uscire i CEVO TV invece di queste baggianate, peccato che in quel caso ci vadano piano perchè quella si che è roba di qualità e per quanto la vendano ad un prezzo alto i loro margini sono sicuramente minori di queste carnevalate spacciate per prodotti innovativi.

Se ho soldi da buttare mi piazzo in casa due proiettori Sim2 in staking, altro che questi giocattoli inutili.
Commento # 10 di: kellone pubblicato il 22 Dicembre 2010, 09:41
Originariamente inviato da: jpjcssource
Non vi è un solo vantaggio tangibile ad usare questi televisori rispetto a quello che già abbiamo tranne il poter togliere gli occhialini, cosa piuttosto trascurabile.


Piuttosto trascurabile?

La quasi totalità degli amici che ho e che rifiutano l'acquisto dell'attuale 3D lo motivano in primis proprio per la schiavitù dell'occhialino ed in subordine con il clamoroso calo della qualità in termini di contrasto e luminosità.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »