Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Preview Flir One Android e iOS

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 01 Aprile 2015 nel canale MOBILE

“In occasione di Showstoppers, a margine del Mobile World Congress 2015, abbiamo potuto testare un nuovo prodotto per l'analisi della temperatura dell'americana Flir, dedicato al settore consumer ma dotato di un eccellente rapporto qualitą prezzo”

Introduzione

A Barcellona, il giorno prima dell'apertura del Mobile World Congress, abbiamo partecipato anche a Showstoppers, uno degli eventi organizzati a margine delle più importanti fiere di settore e in cui le principali aziende incontrano i giornalisti. In quell'occasione abbiamo avuto il tempo e la tranquillità necessarie per effettuare un breve test su un nuovo prodotto che reputiamo molto interessante per le innumerevoli possibilità di applicazione. Si tratta di una termocamera, ovvero camera a infrarossi per l'analisi della temperatura che è quasi borderline rispetto al settore "mobile", se non fosse per le peculiarità che ci apprestiamo ad analizzare: il Flir One Android e iOS.

 
Un piccolo esempio di termocamera a bassa risoluzione con display
- click per ingrandire -

Le due termocamere sono prodotte da FLIR, azienda leader a livello internazionale con base a Wilsonville in Oregon (U.S.A.). Per le termocamere, FLIR produce sia i sensori che le termocamere complete. L'azienda realizza anche prodotti nel settore della sicurezza industriale e domestica, strumenti di misura per la cantieristica e anche per la navigazione marittima, il tutto con un fatturato di circa 1,5 miliardi di Dollari (2013) e una forza lavoro che conta 2.800 persone a livello internazionale. Più recentemente FLIR è entrata anche nel settore consumer, con termocamere per la visione faunistica e prossimamente anche con videocamere WiFI.

La produzione di termocamere FLIR è piuttosto eterogenea. Si parte dai modelli di fascia più elevata che utilizzano sensori ad alta risoluzione (fino a 640x480 punti) e ad alta precisione, per scendere man mano a risoluzioni più basse (320x240, 160x120 e 120x90) fino ai modelli entry level con risoluzione più bassa, pari a 80x60 pixel. Al di là della risoluzione, dell'incertezza di misura e di tutte le altre caratteristiche che distinguono i vari prodotti, c'è da segnalare che la maggior parte delle termocamere FLIR - sopratutto quelle a bassa risoluzione - sono dotate di tecnologia MSX che permette di aumentare "virtualmente" la risoluzione.

La tecnologia MSX di FLIR utilizza una seconda camera tradizionale a risoluzione più elevata, posta nelle immediate vicinanze di quella termica, che riprende la stessa immagine. Il DSP interno crea una specie di effetto "emboss" prendendo le informazioni ad elevato contrasto dell'immagine "visibile" della camera ad alta risoluzione e riesce a missare le due immagini, sovrapponendo le informazioni sul dettaglio a quelle della termocamera vera e propria. Il risultato è notevole e riesce a fornire un ottimo compromesso per le preziose informazioni sulla morfologia di quello che viene misurato o inquadrato.

L'utilizzo di una termocamera può spaziare in diversi campi, da quello ludico a quello professionale. Anche nella propria casa una termocamera può essere molto utile. Può essere utilizzata per scoprire un problema di sovraccarico di corrente all'interno di un circuito o in un elettrodomestico, per evidenziare una perdita d'acqua all'interno di un muro, oppure per oppure per risolvere problemi legati al risparmio energetico, come l'efficienza dell'isolamento termico, sia dell'intera casa o di alcuni elementi (tetto, mura, porte, finestre) o singoli elettrodomestici come il frigorifero. Per avere un'idea delle possibilità di utilizzo vi consigliamo una visione del "simulatore" a questo indirizzo. www.flir.com/flirone/simulator

Segue : Flir One Pagina successiva