Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

AVplay - Anonymous

di Alessio Tambone, pubblicata il 28 Settembre 2011, alle 10:13 nel canale CINEMA

“Primo trailer italiano per l'imminente nuovo progetto di Roland Emmerich, che abbandona i disaster movie per rifugiarsi nell'Inghilterra elisabettiana con una domanda: chi ha scritto le opere attribuite a William Shakespeare?”

William Shakespeare torna sul grande schermo, prodotto e diretto da un regista che finalmente deve necessariamente tenere a freno le proprie tendenze distruttive. Roland Emmerich dirige Rhys Ifans, Vanessa Redgrave e Rafe Spall in questo particolare film in costume realizzato con tanta computer grafica, almeno per quanto si vede nel primo trailer.

Il film è ambientato durante i disordini politici dell'Inghilterra elisabettiana e affronta una questione che per secoli ha affascinato studiosi e brillanti intellettuali come Mark Twain, Charles Dickens, e Sigmund Freud, ossia: chi ha realmente scritto le opere attribuite a William Shakespeare? Gli esperti hanno dibattuto, vari libri sono stati scritti e molti studiosi hanno dedicato la loro vita per proteggere o sfatare teorie che circondano la paternità delle opere più famose della letteratura inglese. Anonymous offre una possibile risposta, concentrandosi su un momento in cui gli scandalosi intrighi politici e le illecite storie d'amore alla Corte Reale vengono portati alla luce nel luogo più inaspettato: il teatro di Londra. Edward de Vere, conte di Oxford, era un poeta e un drammaturgo affermato alla corte della regina Elisabetta nel XVI secolo. Alcune teorie letterarie del XX secolo ritengono che sia lui in realtà l'autore dei lavori attribuiti a Shakespeare.

Anonymous sarà distributo in Italia da Sony Pictures a partire dal prossimo 18 Novembre.



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: jubee_fs pubblicato il 30 Settembre 2011, 16:17
...forse un film di Emmerich che può risultare interessante (per me, sia chiaro). probabilmente lo andrò a vedere