Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Anteprima Samsung UE55HU8500

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 25 Giugno 2014 nel canale 4K

“In occasione di una visita alla sede di Samsung Italia, ho avuto l'opportunitą di fare qualche test e una breve calibrazione sul nuovo TV Ultra HD serie HU8500 con schermo curvo e risoluzione Ultra HD, il tutto rivelando numerose piacevoli sorprese...”

Introduzione

Non bastavano le diatribe tra full HD e Ultra HD e neanche quelle tra LCD, OLED e AMOLED. Con l'arrivo dei primi display "curvi" gli argomenti di discussione iniziano ad essere numerosi e sempre più interessanti, anche se c'è sempre il rischio che l'effetto sui consumatori sia di tipo contrario. Per quanto mi riguarda, sono sempre più convinto che la disponibilità di schermi a risoluzione Ultra HD 4K (3840x2160 pixel), con qualità elevata e prezzi sempre più bassi, porterà numerosi vantaggi in questo settore, ad iniziare da una più veloce crescita della "fame" di qualità da parte dei consumatori che, specialmente in Italia, sono abituati davvero troppo male.

Approfitto per ricordare che alcune delle trasmissioni più importanti della TV di Stato, come alcuni telegiornali, sono ancora a definizione standard, con rapporto d'aspetto in 4:3 e - cosa peggiore - con numerosi errori di formato quando vengono trasmessi servizi con rapporto d'aspetto in 16:9 come quelli sportivi. La quantità di contenuti ad alta definizione sono ancora in quantità modesta e qualità ancora più bassa. In linea teorica, l'arrivo dei contenuti Ultra HD 4K a scansione progressiva da 414,7 Mega Pixel/sec porteranno un aumento di risoluzione che sarà fino a 8 volte superiore rispetto all'HD (51,8 MP/sec) e fino a 40 volte di più rispetto alle immagini a definizione standard (10,4 MP/sec).

In attesa di contenuti Ultra HD 4K, che dovrebbero arrivare entro il 2015, al momento ci possiamo consolare solo con pochi contenuti nativi, disponibili soprattutto via web (Youtube, Netflix et cetera) oppure "autoprodotti" con smartphone come il Samsung Note 3 oppure il Galaxy S5, oppure ancora con videocamere come la nuova Panasonic FZ1000 che promette una qualità d'immagine che molti appassionati non riuscirebbero neanche ad immaginare in relazione al prezzo d'acquisto.

Tornando a bomba, in questo momento così effervescente e di pseudo-transizione tra full HD e Ultra HD (che probabilmente durerà almeno 10 anni), con la tecnologia al plasma ormai abbandonata - anche da Samsung Italia - e quella AMOLED che inizia a muovere i primi passi concreti, piombano sul mercato anche gli schermi curvi, con argomenti sicuramente più estetici che tecnici ma e che in un primo momento mi avevano lasciato piuttosto indifferente. Dopo i primi contatti con prodotti reali e definitivi, quindi ben lontano dalle fiere di settore, devo ammettere che l'estetica in sé mi ha conquistato anche se i vantaggi tecnologici sbandierati dai vari produttori saranno anche tanto veri quanto trascurabili.

In ogni modo, nella mia personalissima esperienza, ho dovuto ammettere che il TV in oggetto sembra un po' più più grande di quello che è in realtà. Tanto più grande da scambiarlo per un 60" e non per un 55". Merito della curvatura? Questo è altamente probabile ma potrebbe anche essere merito della scelta delle finiture e dei particolari. Per analizzare eventuali vantaggi servirebbe un vero confronto ed è proprio quello che faremo giovedì prossimo, 26 giugno, alla presenza di una piccola rappresentanza di iscritti al nostro forum di discussione. Se siete curiosi, giovedì prossimo avete qualche ora di tempo e siete disposti a fare una passeggiata a Milano, se volete partecipare potete dare un'occhiata ai particolari in questo focus.