Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter
Quattro benchmark per i diffusori
Quattro benchmark per i diffusori
Quando il Direttore mi ha chiesto di trovare dei benchmark che caratterizzassero i diffusori dal punto di vista strumentale in maniera chiara e netta, ho preso tempo. Forse c'è bisogno soltanto un modo per poter esprimere in numeri una valutazione che da sempre è a metà tra il soggettivo e l’oggettivo...
Andoer 4K 16MP Action Camera
Andoer 4K 16MP Action Camera
Che tipo di qualità video e audio è lecito attendersi da una action-cam a risoluzione 4K, con una montagna di accessori, custodia subacquea e dal prezzo di circa 60 Euro? Cerchiamo di scoprirlo in questa prova anche con alcune misure oggettive
Tutorial: AE vs. Fusion. Nodi o livelli?
Tutorial: AE vs. Fusion. Nodi o livelli?
In questo quarto tutorial dedicato al compositing, affronterò un'analisi comparativa tra il software "After Effects" di Adobe e "Fusion" di Blackmagic Design, soprattutto per quanto riguarda i vantaggi che offre l'impostazione generale del lavoro a nodi rispetto a quella tradizionale a livelli
Tutti gli articoli Tutte le news

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1

    Link alla notizia: http://www.avmagazine.it/news/7074.html

    Sony presenta a Barcellona, in occasione di CineEurope un nuovo proiettore DCI 4K dedicato a sale con schermi fino a 12 metri di base, con ingresso HDMI, sei lampade con tecnologia UHP e compatibile HFR 48p e 60p

    Click sul link per visualizzare la notizia.


  2. #2
    Data registrazione
    May 2011
    Messaggi
    1.000
    Bel proiettore. Però, a mio avviso, il futuro è rappresentato da sale non troppo grandi, diciamo 80-100 posti a sedere, con uno schermo ridotto, ma con immagine di qualità migliore.

  3. #3
    Data registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    524
    L'aspetto più interessante è senza dubbio la sorgente luminosa. Una normale Xenon da 3kW montata su Christie o Barco fa più o meno 15.000 lumen, è garantita per 1500 ore e la sostituzione non è poi così difficile... un array di UHP deve essere *sensibilmente* più economico per avere senso. E' comunque una soluzione innovativa, spero sia possibile vederlo (aperto) da vicino a Riccione.

  4. #4
    Data registrazione
    Apr 2003
    Località
    Reading, UK
    Messaggi
    3.251
    io sinceramente mi preoccupo per la resa delle UHP. Sappiamo tutti che la colorimetria varia sensibilmente con l'uso e che a vita media raggiunta l'output scende al 50%. Le Xenon non variano la colorimetria e l'output, almeno quelle da 35mm, scende al 70%.
    Non vorrei che il tutto si risolva con un "si raccomanda la calibrazione ogni 500 ore" perché non la farà mai nessuno.
    Oppure magari è dotato di sensore per calibrazione automatica, so che Christie lo sta implementando, ma servirà sempre qualcuno che prema il bottone!

  5. #5
    Data registrazione
    May 2003
    Messaggi
    1.157
    e' una discussione vecchia ma e' giusto riprenderla ora dopo avere visto il proiettore all'opera ed esserci resi conto che queste lampade non variano ne' la luminosita ne' la colorimetria ed un software proprietario decide lui quando e' il caso di sostituire la lampada ancora quando non da visibili segni di perdite , io dico che in un prodotto professionale che costa quanto una fuori serie e' veramente il minimo , quanto alla non perdita delle xenon nel caso dei proiettori 35 alcune perdono la trasparenza nel vetro e i centri ottici sballano , peggio di cosi ci manca pure che ti esplodano in faccia ... nei digitali recenti e' ovvio pensare che alla stessa stregua delle altre anche le xenon abbiano il loro bravo contatore che blocca il proiettore quando la lampada da lo stop , evitando in questo modo la vecchia assurda moda di farle andare fino a quando esplodono in lanterna rischiando di rovinare lo specchio e di mandare fuori fase l'otturatore ed altri delicati meccanismi
    Ultima modifica di lus; 21-01-2014 alle 21:57

  6. #6
    Data registrazione
    May 2003
    Messaggi
    1.157

    per quanto riguarda il mantenimento della colorimetria nel tempo anche in questo caso la differenza tra un proiettore digitale consumer ed uno professionale e' enorme , nel professionale la luce che raggiunge il percorso ottico e' assolutamente fredda questo fa si che non vi siano stress termici sulla matrice e relativo ingiallimento del percorso ottico e negli obbiettivi , il fatto poi che i dmd siano separati per colore e senza nessuna ruota colore quindi nessuna parte imeccanica in movimento , rende queste macchine affidabili e fatte per funzionare senza problemi e senza obblighi di ritarature annuali o mensili

Permessi di scrittura

  • Tu NON puoi inviare nuove discussioni
  • Tu NON puoi inviare risposte
  • Tu NON puoi inviare allegati
  • Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi
  •