AV Magazine - Logo
Stampa
 
AT&T cede WarnerMedia a Discovery
Riccardo Riondino - 18/05/2021, 15:56
“Grazie a una maxi operazione da circa 43 miliardi di dollari, WarnerMedia e Discovery Channel si fonderanno per formare la seconda media company statunitense, pronta a sfidare anche Netflix, Amazon, Disney e gli altri colossi del settore streaming ”


- click per ingrandire -

WarnerMedia si fonderà con Discovery Channel, dando vita alla seconda media company americana dopo Disney. Fanno parte di WarnerMedia CNN, HBO e Warner Bros., mentre Discovery Channel controlla la piattaforma streaming HGTV (Home & Garden TV), Own Tv di Oprah Winfrey e canali molto popolari in tutto il mondo come Animal Planet e Food Network. La nuova compagnia sembra avere le carte in regola per fare concorrenza a Netllix, Amazon Prime Video e Disney+ nel settore streaming. Al momento tuttavia non è ancora chiaro se ci sarà un'unica piattaforma streaming o HBO Max e Discovery+ rimarranno separate. AT&T cederà WarnerMedia per una cifra di circa 43 miliardi di dollari. AT&T controllerà il 71% della nuova società, mentre il restante 29% andrà agli azionisti di Discovery.


- click per ingrandire -

Il servizio VOD HBO Max ha raggiunto 20 milioni di abbonati, mentre Discovery Channel ne conta 15 milioni, in maggior parte tramite l'app Discovery+, disponibile anche in Italia da gennaio. A dirigere la nuova compagnia sarà David Zaslav, numero uno di Discovery fin dal 2007. Zaslav ha specificato che la nuova compagnia si accollerà anche un debito di ben 55 miliardi di dollari, prevedendo di tagliare i costi di almeno 3 miliardi di dollari l'anno tramite le sinergie. Se l'antitrust statunitense darà la sua approvazione, la trattativa dovrebbe essere finalizzata verso la metà del 2022. Per la nuova compagnia si prevedono entrate per 52 miliardi di dollari e utili per 14 miliardi entro il 2023. In Italia WarnerMedia è l'editore dei canali Cartoon Network, Boomerang, Boing e Cartoonito (gli ultimi due insieme a Mediaset). HBO Max sbarcherà entro la fine del 2021 anche in Europa, ma nel nostro paese bisognerà attendere più a lungo.

Fonte: Digital-News