AV Magazine - Logo
Stampa
 
ITU Rec.2100 per le trasmissioni TV in HDR
Riccardo Riondino - 06/07/2016, 09:36
“L'Unione internazionale delle telecomunicazioni ha pubblicato la nuova raccomandazione basata sulle norme UHD Rec.2020, aggiungendo due formati per l'HDR: le specifiche PQ, adottate negli standard HDR-10 e Dolby Vision e le nuove HLG, sviluppate dalla BBC e dalla NHK”

L'International Telecommunication Union, organismo che raduna gli esperti di 193 nazioni, ha pubblicato le specifiche BT.2100, basate sulla precedente BT.2020/Rec.2020. La nuova raccomandazione, giunta dopo uno sviluppo di tre anni, si può considerare un ampliamento della normativa per il video Ultra HD, che include anche le specifiche High Dynamic Range.

La BT.2100 definisce due opzioni per l'HDR: la già conosciuta PQ (Perceptual Quantization) EOTF, la curva del gamma utilizzata nei formati HDR-10 e Dolby Vision, e lo standard HLG (Hybrid Log-Gamma), sviluppato congiuntamente da BBC e NHK.


- click per ingrandire -

Oltre a poter adattare il gamma alle specifiche del display e all'intensità della luce in ambiente, il formato HLG ha il vantaggio di mantenere la compatibilità con i televisori SDR. Le norme BT.2100 definiscono anche un semplice processo di conversione tra le curve PQ e HLG. Lo standard include le risoluzioni Full HD (1920x1080), Ultra HD 4K (3840x2160) e 8K (7680x4320), con frequenza di aggiornamento di 24, 25, 30, 50, 60, 100 e 120 fotogrammi/sec.

Combinando nello stesso segnale le informazioni SDR e HDR, il formato HLG sembra il più adatto per abilitare l'HDR nelle trasmissioni TV, visti anche i limiti di banda a disposizione delle emittenti. Le dimostrazioni di contenuti HLG su televisori già in commercio, suggeriscono inoltre la possibilità di aggiungere il supporto tramite un semplice upgrade del firmware da parte dei vari costruttori.

Fonte: Flatpanels HD