Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube
Xgimi Aura: un nero che non ti aspetti
Xgimi Aura: un nero che non ti aspetti
A corollario di un evento dedicato alla proiezione e ai nuovi prodotti Xgimi che si terrà a Roma sabato 28 maggio, ho avuto modo di fare qualche misura preliminare al nuovo Laser TV Aura, con sistema ottico ALPD e un rapporto di contrasto decisamente elevato, soprattutto nel confronto con i migliori prodotti...
Welcome back, High End Munich!
Welcome back, High End Munich!
Un primo assaggio e qualche breve considerazione iniziale sulla più grande rassegna internazionale di alta fedeltà del globo terracqueo che torna dopo tre anni di stop a causa della pandemia; a Monaco quest'anno per AV Magazine eravamo davvero in tanti e vi sorprenderemo con tanti approfondimenti e interviste
ISE 2022: le novità Panasonic
ISE 2022: le novità Panasonic
Tour dello stand Panasonic ad ISE 2022 in compagnia di Stefano Tura, Project Sales Manager - Visual System Business Unit presso Panasonic, tra le novità nel settore della videoproiezione, con modelli laser, 4K anche fino a 240Hz di frame-rate e una innovativa soluzione per videoconferenze.
Tutti gli articoli Tutte le news

Risultati da 1 a 14 di 14
  1. #1

    Link alla notizia: http://www.avmagazine.it/news/softwa...sony_8911.html

    Dopo 2L, Universal Music e Warner Music, anche Sony Music propone i suoi primi titoli Pure Audio Blu-ray. Si comincia con i Requiem di Mozart e Verdi, mentre il catalogo dovrebbe raggiungere i 20 titoli disponibili entro l'estate

    Click sul link per visualizzare la notizia.

  2. #2
    Data registrazione
    Jan 2013
    Messaggi
    60

    Le solite minestre riscaldate... NO Grazie!

    Purtroppo simili operazioni non aggiungono nulla a chi possiede " e sono in tanti " le suddette versioni in Vinile/CD/ SACD ecc..
    Perché riproporre sempre i soliti titoli nel formato del momento e non CAMBIARE con titoli con registrazioni più recenti...
    NON si lagnino gli addetti dei settori vendite se poi i dischi non si vendono!
    Una profonda riflessione è d'obbligo!

    Cordiali saluti

  3. #3
    Data registrazione
    Oct 2008
    Località
    Bologna
    Messaggi
    3.591
    Non è tanto il riproporre i soliti dischi, ma riproporli dai medesimi master compressi ed equalizzati. Fossero almeno presi dal primo master "unmastered" come questi:
    http://www.cdjapan.co.jp/detailview.html?KEY=UICY-40043
    Inoltre lettori BR audiophile non esistono, per cui è un operazione totalmente inutile, imho.

  4. #4
    Data registrazione
    Dec 2001
    Località
    Roma
    Messaggi
    2.296
    Citazione Originariamente scritto da nano70 Visualizza messaggio
    Inoltre lettori BR audiophile non esistono, per cui è un operazione totalmente inutile, imho.
    A parte che ne esistono (leggi Cambridge Audio, Oppo 105, Macintosh, ecc...), ma comunque se cerchi prestazioni "audiophile", di soluzioni pre-processori + finali di altissimo livello ne esistono diverse!...la decodifica non la deve mica fare per forza il lettore!

    Gianluca

  5. #5
    Data registrazione
    Sep 2002
    Località
    Frosinone=Sonnifero
    Messaggi
    18.256

    Effettivamente...

    ...il catalogo così come è, è davvero carente!

    Anche solo i DAFT PUNK che hanno dominato ai Grammy meriterebbero un simile trattamento.

    Ma tutte le rock band storiche? E i pochi cantanti pop di oggi che meritano?
    Ma soprattutto le voci che potrebbero far risaltare le loro doti proprio su detti supporti? (a es. Bocelli, Bublè, Mario Biondi).

    E tutti i BIG della canzone italiana?

    Uscissero questi dischi, allora per questo formato ci sarebbe qualche speranza che i pochi prodotti non languiscano su uno scaffale!

    walk on
    sasadf

  6. #6
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Varesotto
    Messaggi
    248
    Rock band storiche? Big italiani? Bocelli e Bublé? Ma per piacere, sistemi del genere per ascoltare spazzatura per adolescenti e vecchi rintronati non hanno senso!

    Che si mettano a registrare con tutti i crismi la musica seria, un po' come sta facendo la 2L. Di musicisti validi ce n'è molti (cantanti, solisti, formazioni cameristiche, orchestre); sprecarsi con cantantucoli da strapazzo come Michael Jackson, Cyndi Lauper e Bob Dylan, che vanno più che benissimo in CD, fa sorridere. Vanno giusto bene per pagarsi le spese, ma il pubblico esigente cerca ben altro.

  7. #7
    Data registrazione
    Feb 2007
    Località
    Salerno
    Messaggi
    206

    davidthegray

    ...capisco (ma a volte lo trovo fine a sé stesso) lo snobbismo da audiofilo medio per quel che riguarda sorgenti,cavi,ecc ma per piacere non iniziamo a fare gli snob anche su ciò che si ascolta.

    Devo per forza ascoltare jazz o classica (e lo dico da musicista/jazzista) per avere un master decente?

    Non chiudiamoci in un mondo fatto di contatti dorati,biwiring,alimentatori toroidali e solo classica e musica """"colta"""" per piacere,anche perché più di nicchia diventa questo settore più i costi salgono.

    Ben vengano cd ben suonanti anche dei Metallica volendo

  8. #8
    Data registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    197
    Qualcuno possiede il bluray Mozart/Verdi Requiem in oggetto per consigliarne o meno l'acquisto?
    Consigli su altri bluray audio sono ben accetti
    Ultima modifica di maxscience; 28-01-2014 alle 14:31

  9. #9
    Data registrazione
    Oct 2008
    Località
    Bologna
    Messaggi
    3.591
    Citazione Originariamente scritto da Gian Luca Di Felice Visualizza messaggio
    A parte che ne esistono (leggi Cambridge Audio, Oppo 105, Macintosh, ecc...)
    McIntosh ci può anche stare, almeno come fascia di prezzo, gli altri (Oppo, Cambridge ecc...) non sono lettori audiophile (il Cambridge ce l'ho per cui so cosa dico e ho provato anche l'Oppo 105). Inoltre le codifiche le dovrebbero proprio fare solo ed esclusivamente i lettori mentre non ha senso duplicare le circuitazioni anche nei pre (intesi quelli hi-end) con inutili costi di progettazione e realizzazione aggiuntivi. Una volta era d'obbligo perchè non si poteva fare altrimenti, ma oggi per avere la massima qualità i pre HT dovrebbero essere solo ed esclusivamente analogici (senza DAC e schede video). Lo scopo dell'hi-end è offrire la massima qualità e questo è possibile solo separando le sezioni. Se ad esempio uno vuole una qualità video superiore non opta per la scheda video integrata di un pre ma si compra un processore esterno come il Lumagen Radiance (giusto per fare un nome). Credimi che il settore "audiophile" è ancora esclusivamente relegato al mondo del due canali anche, ma forse soprattutto, per una questione di costi. L'unico che fa un vero pre HT audiphile attualmente è Viola con il suo "Spirito" (si chiama così, non è colpa mia...), purtroppo però la versione base costa un leasing. Anni fa ARC fece l'MP1 ma al tempo dei DVD era una macchina praticamente inutile visto che non faceva codifiche (che come detto al tempo era d'obbligo) e infatti non ebbe gran successo, mentre invece, imho, ne potrebbe avere oggi.

  10. #10
    Data registrazione
    Dec 2001
    Località
    Roma
    Messaggi
    2.296
    Citazione Originariamente scritto da nano70 Visualizza messaggio
    McIntosh ci può anche stare, almeno come fascia di prezzo, gli altri (Oppo, Cambridge ecc...) non sono lettori audiophile (il Cambridge ce l'ho per cui so cosa dico e ho provato anche l'Oppo 105). Inoltre le codifiche le dovrebbero proprio fare solo ed esclusivamente i lettori mentre non ha senso duplicare le circuitazioni anche nei pre (intesi que..........[CUT]
    Ho capito cosa vuoi dire...ma stiamo pur sempre parlando di Blu-ray (anche se Pure Audio)... è solo un'alternativa distributiva alla musica in alta risoluzione e multicanale. Se cerchi una soluzione davvero audiophile ci sono i SACD (non a caso 2L li include proprio nelle sue edizioni "Pure Audio" - un esempio) e relativi player "audiophile"

    Gianluca

    P.S. Anche l'italiana AM Audio produce dei pre multicanale di un certo "spessore"

  11. #11
    Data registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    97
    Senza parlare dei master (eventualmente diversi) da cui sono stati prodotti i SACD, fa un specie considerarli a priori superiori ai pure audio bluray

  12. #12
    Data registrazione
    Oct 2008
    Località
    Bologna
    Messaggi
    3.591
    Il supporto ha cmq importanza relativa. E' di fondamentale importanza quello che ci viene messo dentro. SHM sta facendo una bella operazione con Universal così, almeno sembra, Linn Records che sta masterizzando da bobine in HR diverse etichette fra le quali Decca e DG. Questi Pure BR a quanto ho capito riutilizzano invece master che hanno avuto già un certo lavoro di compressione ed equalizzazione, non sono presi dagli unmastered originali, cioè quelli del primissimo mixaggio. In pratica per il solo Giappone SHM fa CD (e qualche SACD) presi dagli unmastered originali Universal, mentre qui in Europa la Universal stessa propone su Pure BR non un riversamento da quegli stessi master ma da quelli di qualche anno fa elaborati. Sigh...

  13. #13
    Data registrazione
    Jul 2005
    Località
    Utinum
    Messaggi
    1.126

    avete dimenticato la naxos

    Anche lei produce BDaudio.

    Ne ho ordinato uno..."Complete overtures" di Rossini, vedremo come è...


  14. #14
    Data registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    197

    Aggiornamenti sui consigli per gli acquisti?


Permessi di scrittura

  • Tu NON puoi inviare nuove discussioni
  • Tu NON puoi inviare risposte
  • Tu NON puoi inviare allegati
  • Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi
  •