Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

NEC al Festival del Cinema di Venezia

di Emidio Frattaroli, pubblicata il 13 Settembre 2006, all 08:28 nel canale PROIETTORI

“E’ il NEC NC800C il proiettore digitale DLP utilizzato per l’anteprima mondiale del film “Il Flauto Magico”, presentato fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia”

Milano, Settembre 2006. Kenneth Branagh ha scelto Venezia per la presentazione del suo “Flauto Magico” che è stato inserito nella sezione Fuori Concorso nel cartellone della Mostra. E Venezia ha scelto NEC come sponsor tecnologico per questa straordinaria anteprima mondiale che si è svolta la sera del 7 settembre al Teatro La Fenice di Venezia.

Il libretto originale dell’opera, in tedesco di Schikaneder, è stato tradotto in lingua inglese dallo scrittore inglese Stephen Frey e le parti sono state affidate a veri cantanti lirici: Joseph Kaiser, nella ruolo di Tamino; Amy Carson, Pamina; Benjamin Jay Davis, Papageno; Lyubov Petrova, la Regina della Notte; Renè Pape, Sarastro. Al centro dell'opera un conflitto che Branagh ambienta nell'ambito della Prima guerra mondiale e che diventa metafora dell'aspirazione alla pace che, secondo il regista britannico, la musica potentemente evoca.

La proiezione delle immagini digitali del nuovo lavoro del regista inglese è stata affidata al NEC NC800C, un proiettore certificato D-Cinema con tecnologia DLP dotato di tre chip DMD con una risoluzione di 2048x1080 pixel e capace di riprodurre l’incredibile numero di 35 trilioni di colori! Il teatro La Fenice è un contesto affascinante e spettacolare, ma non essendo progettato come cinema, l’installazione delle apparecchiature di proiezione ha richiesto una particolare flessibilità, esigenza che si sposa perfettamente con le caratteristiche del NEC NC800C.

In particolare la problematica principale era legata alla posizione rialzata del punto di proiezione rispetto allo schermo, un tipo di installazione che rischiava di introdurre deformazioni nell’immagine a causa dell’inclinazione del proiettore richiesta per centrare correttamente lo schermo. Il NEC NC800C si è rivelato perfetto per questo tipo di installazione, grazie alla possibilità di lavorare in modalità “a soffitto”, ossia ribaltato di 180 gradi. Questa opzione ha consentito di limitare al minimo indispensabile l’inclinazione della macchina, ottenendo un’immagine precisa e priva di deformazioni sullo schermo, di 9 metri di larghezza, posizionato per l’occasione sul palco dello storico teatro veneziano.

La distanza di proiezione di 27 metri ha richiesto l’utilizzo di un’ottica NEC L2K-22ZM, una lente zoom motorizzata con un rapporto di proiezione massimo di 3,0:1, perfetta per sfruttare al meglio la superficie dello schermo con la proiezione del film il Flauto Magico, girato in formato 2,35:1. Dopo il lavoro di messa a punto iniziale, centratura schermo, messa a fuoco, regolazione del formato e correzioni dell’immagine, è stato caricato il profilo colore richiesto dalla produzione del film per rendere al meglio le immagini dell’opera di Kenneth Branagh, un’operazione facilitata dalla presenza di numerosi preset nel proiettore NEC NC800C.

L’ultima operazione di messa a punto ha riguardato l’impostazione del proiettore NC800C per la gestione dei sottotitoli elettronici presenti sul server utilizzato per la proiezione. Per ricevere le informazioni sui sottotitoli, presenti non sull’immagine ma generati direttamente dal proiettore, il proiettore e il server devono dialogare direttamente tramite protocollo IP, un’impostazione tipicamente informatica che dimostra come il mondo del Cinema Digitale comprenda l’utilizzo della tecnologia digitale in tutte le sue forme.

Per maggiori informazioni: www.nec.it



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: sasadf pubblicato il 13 Settembre 2006, 12:20



E alla fine come è andata?


é stato un successo?!!?

walk on
sasadf