Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Epson e BenQ scelgono HQV

di Emidio Frattaroli, pubblicata il 16 Giugno 2006, all 11:25 nel canale PROIETTORI

“Epson e BenQ hanno scelto di implementare la tecnologia HQV di Silicon Optics in modi differenti nei due nuovi videoproiettori che saranno disponibili nel corso dell'ultimo quadrimestre dell'anno”

San Jose, California, Giugno 2006. La lotta per la leadership nel mercato dei processori video continua inarrestabile e si contano già due nuovi prodotti che hanno scelto la soluzione Realta HQV di Silicon Optics, anche se in modi totalmente differenti.

Il primo produttore è Epson con il suo nuovo videoproiettore 3LCD PowerLite Pro Cinema 800 con risoluzione di 1280x800 punti. La soluzione di elaborazione con tecnologia Realta HQV TX3 sarà disponibile in un box separato già da questo mese e con un prezzo di listino totale (processore + proiettore) di 7.000 US$.

BenQ ha scelto una soluzione diversa e integrerà direttamente il chip di fascia più bassa HQV Reon-VX in un nuovo videoproiettore con tecnologia DLP e con il nuovo DMD con risoluzione WXGA (1280x768) già utilizzato da altri produttori come Sharp e Mitsubishi. Il nuovo BenQ sarà nei negozi solo negli ultimi mesi dell'anno ad un prezzo che si annuncia estremamente aggressivo.

Per maggiori informazioni: www.siliconoptix.com

 



Commenti (7)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: luca pubblicato il 16 Giugno 2006, 11:42
beh tutto sta nella parola implementazione.

Certo che ipotizzandone una corretta con il BENQ e uno switch, molta gente sarebbe a posto.


Cosa ne pensate ?

Luca
Commento # 2 di: cobracalde pubblicato il 16 Giugno 2006, 11:47
Originariamente inviato da: luca
Cosa ne pensate ?


Preferisco di gran lunga la separazione dei componenti... e in questa direzione mi muovo ormai da tempo..
Commento # 3 di: luca pubblicato il 16 Giugno 2006, 12:02
Certo Stefano.

Ragionando con i grandi numeri invece penso che il discorso sia differente.


Comunque è facile parlare quando si ha un vantage fra le mani...

Luca
Commento # 4 di: sasadf pubblicato il 16 Giugno 2006, 19:19
IO vedo che stiamo messi proprio male....

.....mi viene da ridere a pensare a quegli iperottimisti che già ai tempi del panasonic PT-Ae500, aspettavano a prendere il 700 perchè dicevano che da lì a poco si sarebbero avuti i vpr lcd full hd allo stesso prezzo!!!

Ed invece , anche le mie più fosche previsioni, che prevedevano uno step intermedio a 1450x900 pixel(la butto così, sull'onda di un JVC LCOS che aveva tale risoluzione), ad oggi sembravano, ahimè , anche esse ottimistiche.

MA avete letto che razza di risoluzioni AD MINKIAM?!?!

1280x800( ) questa è assolutamente inedita!
1280x768.....

Insomma se andiamo avanti di questo passo i FULL HD li vedranno i nostri pronipoti!!!

walk on
sasadf

p.s.:contraltare della situazione, è allora che almeno il mio portafogli, nemmeno a questa tornata, si apre!!
Commento # 5 di: sasadf pubblicato il 16 Giugno 2006, 22:11
Eppoi dico un'altra cosa: ma con tutti questi formati ad minkiam, i produttori di schermi, come diamine fanno a non impazzire?!
se continuano a vendere teli predisposti per il formato 16/9, quante lamentele dovranno tollerare in un anno?!!?!?

walk on
sasadf
Commento # 6 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 18 Giugno 2006, 01:01
Mi permetto di dissentire.

Il formato 1280x768 scelto da Texas Instruments per il nuovo chip DMD è estremamente utile e va verso la stessa direzione del primo esperimento di DMD Dual Mode con risoluzione 848x600 utilizzato in passato da Sim2, InFocus e Plus e altri costruttori di proiettori.

Con il nuovo DMD 1280x768 si prendono i classici due piccioni con una fava:

1- possono essere visualizzati segnali VESA con risoluzione di 1280x768, sempre più utilizzati nelle presentazioni e con PC con display wide che con chip 1280x720 venivano tagliate o riscalate (le presentazioni).

2- Anche le applicazioni HT ne trovano giovamento. Possono essere visualizzati segnali 1280x720 in modo nativo ma quando si tratta di riprodurre segnali in 4:3 la risoluzione aumenta rispetto ai chip 1280x720 poiché si ha a disposizione la stessa area di un DVD XGA (1024x768).

In pratica lo stesso DMD può essere utilizzato sia per proiettori business, sia per proiettori home theater. E questa è un ottima notizia per il contenimento dei costi. Il basso prezzo dei nuovi proiettori (come il Mitsubishi HC3000) deriva anche da questo tipo di discorsi.

Emidio
Commento # 7 di: sasadf pubblicato il 18 Giugno 2006, 01:55
Si, ma è un compromesso!! e come tale comporta rinunce!!!
(che nel nostro ambito significa qualità inferiore rispetto a quanto uno si aspetterebbe!! )

walk on
sasadf