Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

TV LCD: Corea stabile, Giappone giù

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 24 Luglio 2012, alle 12:14 nel canale Display e TV Color

“Gli analisti di iSupply hanno rilasciato i dati di vendita di TV LCD per il primo trimestre 2012. Mercato globalmente in calo del 35% rispetto all'ultimo trimestre 2011, con Samsung che rimane in testa, seguita da LG e Sony. I marchi nipponici continuano però a perdere quote di mercato”

Nel primo trimestre 2012, Samsung rimane leader del mercato TV LCD con il 19% delle quote mondiali, seguita da LG al 13%, Sony al 8%, Toshiba al 6% e Sharp al 5%. Un mercato però complessivamente in calo del 35% a livello mondiale, rispetto all'ultimo trimestre 2011, con 44 milioni di pezzi venduti ad inizio 2012, rispetto ai quasi 69 milioni della fine dello scorso anno. Tutti i principali marchi hanno quindi subito ribassi in linea con la flessione generale, ma svettano negativamente il -50% subito da Toshiba e positivamente (in proporzione) il -23% segnato da LG.

I due marchi coreani leader del mercato (Samsung ed LG) sono, inoltre, gli unici ha registrare margini operativi positivi con Samsung che segna un + 5%, mentre tutti gli altri (giapponesi) continuano ad accusare perdite. Se poi vediamo i dati anno su anno (primo trimestre 2011 contro lo stesso del 2012), notiamo che solo Samsung e LG continuano a crescere segnando rispettivamente un + 6% e un +2%, mentre Sony (-13%), Toshiba (-19%) e soprattutto Sharp (-26%) vedono le vendite in calo. Dei 44 milioni di TV LCD venduti, più del 50% è rappresentato dai 5 marchi top della classifica.

Fonte: iSupply



Commenti (6)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: darjo pubblicato il 24 Luglio 2012, 14:11
Sarebbe davvero interessante però capire come i vari produttori vendano. Se uno vende 10 lcd da 300 euro ed un altro invece ne vende due da 3000 allora il peso specifico dei vari marchi non è per me lo stesso.
Perciò dati e tabelle come questi creano solo effetti quali impressionare lettori più superficiali . Sarebbe bello promuovere resoconti con specifiche su polliciaggi più venduti e prezzo medio di acquisto e poi fare anche tabelle generali.
E'normale che si vendano 1000 fiat punto e solo 100 audi A3...però tu cosa vorresti!
Usciamo dalla logica supermercato....
Commento # 2 di: Kust0r pubblicato il 24 Luglio 2012, 15:15
concordo, forse p però er l'economia la logica supermercato è l'unica che conta...
Commento # 3 di: Koy pubblicato il 24 Luglio 2012, 17:15
quello che conta sono solo i numeri.... purtroppo
Commento # 4 di: sbuzzo pubblicato il 24 Luglio 2012, 17:24
@darjo

Seguendo il tuo ragionamento bisognerebbe guardare solo il margine di guadagno: non conta se vendo 1000 fiat o 100 audi--> dipende che ci guadagna di più...
Ma dall'articolo si evince che solo Lg e Sam hanno dei margini operativi positivi.
Cosi si esce dalla logica supermercato e si entra nella logica azienda.
A mio parere, naturalmente
Commento # 5 di: darjo pubblicato il 24 Luglio 2012, 18:58
ERRATO...IO DICO PROPRIO L'OPPOSTO!
prima di tutto non è un discorso di marchio specifico .
Ripeto che a mio parere se una azienda punta a vendere pochi tv ma con caratteristiche specifiche (elevato target di mercato, grandi schermi, tv multimediali, caratteristiche tecniche spinte) mentre un'altra cerca di entrare su tutti i range di prezzo vendendo ovviamente di più allora non è corretto fare un discorso tabellare generico. Poiché puoi fare i fatturati sui tv più scadenti e con questa politica attirare clienti sui prodotti di punta che altrimenti avrebbero altra visibilità.

Ad esempio sarebbe bello dire che il marchio X ha venduto 500 prodotti sui 500 messi in commercio.Tali prodotti erano relativi ai tv di altissima gamma con local dimming ad esempio.
In quel target quali sono state le performance dei vari marchi?
Chi ha avuto redditività migliori?L'azienda in quali settori ha fatto margini operativi???

Quindi mi piacerebbe guardare il mercato dell'elettronica come tale...come si faceva 15 anni orsono...semplicemente questo...e mi farebbe piacere che le tabelle ne rendano conto così che chi per lavoro fa qualcosa che non ha a che fare niente con l'elettronica possa non scegliere in base a tabelle generiche.
Ora non è detto che chi sta a primi posti di questa tabella sia meno virtuoso di altri...vuol dire semplicemente che sicuramente ne giova in termini di marketing agli occhi di un inesperto.
Commento # 6 di: simontech pubblicato il 25 Luglio 2012, 12:03
E' vero, quello che conta sono solo numeri