Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

TV 3D "attivo-passivo" Samsung nel 2012

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 17 Maggio 2011, all 09:10 nel canale DISPLAY

“RealD e Samsung hanno siglato un accordo di partnership che poterà alla sviluppo congiunto di display con tecnologia 3D di nuova generazione. La commercializzazione dei primi modelli è prevista nel corso del 2012”

Samsung è stata fino ad oggi tra le più agguerrite sostenitrici dei TV 3D con tecnologia ad occhialini attivi ma, in virtù del nuovo accordo siglato con RealD, sembra che le cose stiano per cambiare. La nuova partnership prevede infatti lo sviluppo congiunto di nuovi display 3D che saranno compatibili e ottimizzati per la visione con gli occhialini 3D che RealD utilizza attualmente nei cinema (quindi passivi). Ma questo non significa che i nuovi display saranno di tipo passivo: in pratica, l'otturatore viene spostato dagli occhialini attivi e integrato direttamente nei pannelli LCD (che saranno due sovrapposti? n.d.r.).

Questo consente di assicurare una visione 3D sempre in vero Full HD (con frame 1080p che vengono inviati sia all'occhio sinistro che quello destro), ma al contempo di poter percepire la stereoscopia con semplici occhialini passivi a polarizzazione circolare. In una prima fase verranno commercializzati due monitor per PC da 23 e 27 pollici e successivamente un TV da 55 pollici. Il tutto dovrebbe avvenire nel corso del 2012.

Per maggiori informazioni: comunicato stampa (in inglese)

Fonte: RealD - Samsung



Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Kralin pubblicato il 17 Maggio 2011, 13:23
il classico uovo di colombo
Commento # 2 di: gg74 pubblicato il 17 Maggio 2011, 15:31
Uovo di colombo?

Come minimo raddoppiera' il prezzo se devono mettere due pannelli...

Comunque non capisco bene come possa funzionare. Gli occhialini passivi funzionano in base al principio che un filtro polarizzato permette ad un occhio di vedere solo certe linee ed all'altro di vederne solo altre. Da quello che ho capito quindi non c'e' nessun otturatore e dovrebbe venire meno anche il requisito dei 200hz (non ho ancora avuto modo di provare un LG, quindi le mie ipotesi sono basate su quello che ho letto).


L'affaticamento della visione attiva e' invece principalmente dovuta all'otturatore, che chiude gli occhi a turno a 200hz, facendo la sequenza nero -> sx -> nero -> dx. Se si guarda fuori dallo schermo il flickering e' evidente e fastidioso (qui non parlo per ipotesi, ho un tv3d attivo samsung). Se si e' abituati alla visione 3d l'affaticamento e' molto ridotto, tendente a 0 direi con le condizioni di luce ideali.

Se mettono un otturatore nel televisore, non rischiano di mantenere la visione faticosa e di ottenere il solo obbiettivo di diminuire il costo degli occhiali? (e al limite diminuire i problemi di sincronizzazione tra occhiali e tv che quest'anno li hanno fatti passare da infrarossi a bluetooth?)
Commento # 3 di: MUtLEY pubblicato il 20 Maggio 2011, 12:45
Non credo...

Non credo si tratti di una soluzione con doppio pannello LCD, quanto piuttosto con filtro polarizzatore (trattandosi di una tecnologia sviluppata in sinergia con RealD ipotizzerei a polarizzazione circolare) a polarizzazione alterna a frequenza multipla rispetto al contenuto video riprodotto.

Sostanzialmente il filtro polarizzatore dovrebbe (se possibile) alternare la polarizzazione oraria a quella antioraria. Pannello LCD e filtro polarizzatore ovviamente dovrebbero lavorare a frequenze sincrone (entrambi a 100Hz, oppure 120, o 200...)
Se non fosse possibile invertire la polarizzazione allora comunque dovrebbe esserlo l'attivazione: sarebbero quindi necessari due filtri polarizzatori sovrapposti a polarizzazione l'uno antioraria e l'altro oraria ad attivazione alterna. Una soluzione analoga a questa è stata presentata da LG a fine 2010 e questa testata ne riportava la notizia qui:
http://www.avmagazine.it/news/5926.html

Sarebbe infine interessante capire se sia possibile anche interlacciare i fotogrammi, in modo da alternare quadri con linee dispari per l'occhio sinistro e linee pari per l'occhio destro a quadri con linee dispari per il destro e pari per il sinistro. Ovviamente il filtro polarizzatore (o i filtri) dovrebbero avere polarizzazione interlacciata ed alternabile. Non credo sia impossibile in quanto i primi display 3D consumer per PC distribuiti da Zalman erano dotati proprio di filtro polarizzatore a righe alterne (ma statico, ossia una riga era sempre con una sola polarizzazione).

Comunque questa tecnologia diventa davvero appetibile... un pensierino ce lo farei!