Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Sky-Rai: TAR contro oscuramento canali

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 13 Luglio 2012, alle 15:48 nel canale DISPLAY

“Ieri il Tribunale Amministrativo del Lazio ha accolto positivamente il ricorso di Sky contro la delibera dell'AGCOM che consentiva alla Rai di criptare alcune programmazioni televisive sulla piattaforma satellitare di Sky”

Dopo il ricorso di Sky Italia, il TAR del Lazio ha stabilito l'illegittimità da parte della Rai ad oscurare alcune programmazioni sulla piattaforma satellitare del gruppo Murdoch. La sentenza depositata ieri dal tribunale amministrativo spiega che "la scelta Rai di non rendere più disponibile la propria programmazione attraverso la piattaforma satellitare Sky ha costretto tutti i cittadini abbonati Sky, o comunque in possesso di un decoder Sky, per la ricezione in via satellitare della programmazione del servizio pubblico, all'acquisto di un nuovo diverso decoder quale quello Tivusat (...); con le conseguenti ricadute negative sul piano dell'attuazione del principio di effettiva universalità della diffusione della programmazione del servizio pubblico, particolarmente rilevanti specie in un periodo temporale caratterizzato da una fase di avvio difficoltoso dell'offerta Tivusat".

Il Tar sostiene anche che "l'impegno di Rai a promuovere la diffusione di Tivusat, sia pure nei limiti indicati (per il periodo del passaggio dall'analogico al digitale e con particolare riguardo alle zone del territorio nazionale non raggiunte dal digitale terrestre) si risolve (...) indubbiamente in un vantaggio di rilevanza economica nei confronti di soggetti terzi rispetto al concessionario pubblico" e ci scorge "un aiuto di stato illegittimo in quanto non comunicato preventivamente alla Commissione europea".

Il contratto tra Rai e Sky risale a luglio 2009 con un'offerta della Tv satellitare di 350 milioni in 7 anni a Raisat. Gli oscuramenti da parte della Rai sono iniziati poco dopo; spesso hanno riguardato partite di calcio e programmi sportivi, anche in occasione degli ultimi Europei. A dicembre 2009 l'AGCOM aveva confermato l'operato della Rai e sostenuto la promozione di Tivusat. "La sentenza del TAR è una vittoria per tutti gli abbonati Sky e rappresenta un richiamo importante al rispetto degli obblighi di servizio pubblico che la Rai ha nei confronti di tutti i cittadini italiani. Il TAR ha riaffermato un principio di giustizia e di non discriminazione nei confronti degli abbonati Sky che, pur pagando il canone Rai, in questi anni hanno visto purtroppo ingiustamente oscurare programmi sul loro decoder Sky, come è successo di recente anche in occasione degli Europei di Calcio'', ha commentato Andrea Zappia, Amministratore Delegato di Sky Italia. La Rai, dal canto suo, ha già annunciato che presenterà ricorso contro la sentenza.

Fonte: Reuters



Commenti (43)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: valesusu pubblicato il 13 Luglio 2012, 16:50
mi sembra giusto visto che se sono un abbonato sky (e quindi sono possessore di una tv) devo pagare anche il canone RAI
Commento # 2 di: Koy pubblicato il 13 Luglio 2012, 17:02
Considerando che ogni 3*2 i canali digitali in alcune zone NON si vedono..... Bella fregatura il digitale!!!!!
Commento # 3 di: Neros22 pubblicato il 13 Luglio 2012, 17:17
La questione è controversa, non saprei nemmeno cosa pensarne perchè effettivamente ognuno ha le sue valide ragioni... non avendo Sky, ma solo il DTT non mi riguarda più di tanto e credo che siano davvero pochi coloro i quali hanno Sky ma non il DTT.
Tra questi pochi i miei genitori che avendo solo un tv catodico non hanno il DTT e mio padre non è mai riuscito a vedere, dal momento dello switch-off, un GP di Formula 1... ora sarà possibile? Almeno per quello che resta di questa stagione, poi passerà tutto a sky.

Ad ogni modo vi prego, non tiriamo fuori il discorso Canone. E' una quantità di denaro che viene utilizzata per finanziare la tv pubblica, potrebbe essere utilizzata per altre spese dello Stato, e viene richiesta perchè si possiede un apparecchio atto a ricevere trasmissioni audio-video. Se qualcuno non è soddisfatto poi di come siano spesi questi soldini, lo faccia presente a chi di dovere... una persona o 100 non cambierà nulla, ma magari qualche milione... se ve ne fossero.

Cmq da me il DTT si prende ovunque benissimo, sarò fortunello?
Commento # 4 di: valesusu pubblicato il 13 Luglio 2012, 17:50
Il mio riferimento al canone non era per polemizzare se sia cosa giusta oppure no.
Il ragionamento è che visto che se ho sky pago anche il canone, non c'è motivo per cui la rai, che è servizio pubblico, debba oscurare i suoi canali sulla piattaforma sky costringendomi ad acquistare un altro decoder.
Mediaset ovviamente essendo privata può fare come meglio crede.
Commento # 5 di: Neros22 pubblicato il 13 Luglio 2012, 18:12
Messa in questi termini non saprei che pensare.

Ho sempre creduto che la Rai oscurasse certe trasmissioni, come gli eventi sportivi, su media diversi dal DTT perchè non avesse i diritti per trasmetterli. Ad esempio i GP di Formula 1 non mi risulta sia possibile vederli da Rai.tv durante la diretta.

Questa causa mi era del tutto sconosciuta.
Commento # 6 di: seba93 pubblicato il 13 Luglio 2012, 18:47
Originariamente inviato da: Neros22;3575735
Ho sempre creduto che la Rai oscurasse certe trasmissioni, come gli eventi sportivi, su media diversi dal DTT perchè non avesse i diritti per trasmetterli.

Però agli inizi, quando sky pagava la rai per la visione, semplicemente il canale rai veniva codificato oltre che con la codifica rai, con una chiave che solo i decoder sky riconoscevano.. quindi sì è vero che in free-to-air non può trasmettere alcuni eventi, ma semplicemente utilizza una tecnica di multicrypt: tutto nero, tranne tivùsat e sky che continuano a vedere (se nel breve tempo riattiveranno la visione).
Un po' come La 7 ed MTV: se hai una tessera sky anche vecchia e disattivata, decodifica ancora questi canali correttamente.
D'altra parte sky, anche se richiesta la copertura digitale, aveva introdotto la digital key, che collegata ai decoder compatibili via usb permette di ricevere sul decoder di sky il segnale digitale.
Commento # 7 di: simontech pubblicato il 13 Luglio 2012, 18:53
il discorso di valesusu non fa una piega
Commento # 8 di: valesusu pubblicato il 13 Luglio 2012, 19:26
Originariamente inviato da: Neros22;3575735
Ho sempre creduto che la Rai oscurasse certe trasmissioni, come gli eventi sportivi, su media diversi dal DTT perchè non avesse i diritti per trasmetterli


questo è vero ma se io sono abbonato devo poterli vedere
Commento # 9 di: nordata pubblicato il 13 Luglio 2012, 20:20
Intendi abbonato alla RAI o a SKY?

Nel primo caso puoi vedere tramite il DTT (gratis) credo nel 90% del territorio italiano, se sei in un'area disagiata (tecnicamente parlando in merito al ricevimento del segnale DTT) puoi vedere tramite Tivusat (pagando mi pare 17 € una tantum per ricevere l'apposta tessera), per cui credo che i diritti dell'abbonato siano salvi.

Se sei un abbonato SKY non vedo perchè si debba automaticamente avere il diritto di vedere i programmi RAI, che non hanno nulla a che fare con SKY.,

In effetti mi sembra una sentenza strana.

Credo che la RAI potrebbe risolvere la questione non concedendo più i diritti di ripetere i propri segnali tramite i transponder di SKY, essendoci appunto l'alternativa di Tivusat, che sino ad un anno fa circa non c'era, per cui il discorso era stato fatto per agevolare alcuni utenti.

Ricordo che i segnali RAI erano contemporaneamente trasmessi liberamente su HotBird e si potevano ricevere con qualsisi vecchio decoder, rimaneva il problema dei diritti per alcuni programmi (sport, film) per cui il segnale veniva oscurato; la RAI si era guindi appoggiata a SKY per evitare questo inconveniente, ora con la nascita di Tivusat la cosa non dovrebbe più avere motivo di esistere.

Personalmente ritengo che RAI e SKY non dovrebbero proprio avere nulla a che fare e da spartire.

la RAi ha il dovere di servire il più possibile del territorio italiano e credo che tra DTT e SAT (Tivusat) la copertura sia praticamente totale, ogni abbonato può pertanto ricevere i suoi programmi senza bisogno di ricorrere ad altri fornitori o decoder, se poi si vogliono vedere anche i programmi di SKY ci si attrezzerà opportunamente.

Ciao
Commento # 10 di: molochgrifone pubblicato il 13 Luglio 2012, 22:17
Ciao nordata, è vero quello che dici, però è anche vero che in teoria in Italia se hai un TV sei per forza un abbonato rai (e se non lo sei sei automaticamente fuorilegge). Quindi, partendo da questo presupposto, un abbonato RAI non vedo perché non possa avere la scelta di vedere i canali per cui paga il suo abbonamento via satellite piuttosto che via cavo, avendo un apparecchio atto a riceverli come il decoder SKY, senza per forza doversi dotare di un secondo apparecchio o anche solo della digital key. Sono inesperto nel settore, quindi se ho detto qualche inesattezza me ne scuso e chiedo a chi ne sa più di me di approfondire il discorso perché lo trovo interessante.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »