Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Samsung: stop app Smart TV a pagamento

di Nicola Zucchini Buriani, pubblicata il 22 Aprile 2014, alle 15:37 nel canale DISPLAY

“Il produttore coreano ha annunciato di aver cessato la distribuzione di applicazioni a pagamento per le proprie Smart TV, rimborsando i clienti per le eventuali applicazioni rimosse”

Samsung ha annunciato un cambiamento che riguarda la distribuzione di applicazioni sulla piattaforma Smart TV (e quindi anche alcuni lettori Blu-ray): da ora in poi non saranno più disponibili applicazioni a pagamento. Il focus si sposterà, quindi, sulle applicazioni gratuite, che però potranno prevedere un pagamento per la fruizione dei contenuti. Samsung ha già contatato gli utenti che hanno acquistato applicazioni a pagamento, per comunicare i cambiamenti: per i software non più disponibili verrà offerto un rimborso, mentre altri continueranno ad essere utilizzabili anche in futuro, ma non potranno più essere scaricati (se cancellati).

Le ragioni che hanno portato a questa decisione sono sostanzialmente due: la prima riguarda proprio il modello di distribuzione, che non ha mai riscontrato successo presso il grande pubblico, sia per motivazioni inerenti alla quantità e qualità delle applicazioni, sia per la rapidissima obsolescenza cui vanno incontro le varie piattaforme. Se non consideraiamo gli Smart Evolution Kit, infatti, è molto facile che le applicazioni per una nuova versione non girino sui TV usciti negli anni precedenti. E' quindi chiaro che molti consumatori saranno sempre restii ad investire denaro, seppure in quantità molto modeste, in applicazioni che potrebbero non poter riutilizzare su altri modelli.

Ovviamente non vi saranno problemi per applicazioni gratuite, ma che prevedono la sottoscrizione di un abbonamento per l'utilizzo. Questo significa che Netflix, VUDU, Hulu Plus, Spotify, Pandora, ecc... saranno sempre utilizzabili senza alcun problema, rientrando in pieno nella nuova “policy” Samsung, che ha semplicemente spostato l'oggetto del pagamento dalle applicazioni ai contenuti.

Fonte: Sam Mobile



Commenti