Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Samsung accelera per gli OLED flessibili

di Nicola Zucchini Buriani, pubblicata il 15 Novembre 2012, all 11:20 nel canale DISPLAY

“Ingenti investimenti dovrebbero portare il colosso coreano ad arrivare sul mercato entro la prima metà del 2013 con display OLED flessibili”

I display OLED rappresentano ormai un segmento chiave per Samsung: oltre ad essere tra i pionieri (insieme ad LG) nella ricerca e sviluppo di pannelli di grandi dimensioni da utilizzare sulle tv, ne è anche una tra le maggiori promotrici in ambito mobile, tramite una pletora di dispositivi portatili dotati di questa tipologia di schermo. Proprio per poter competere con la sempre crescente concorrenza nel mercato dei display per smartphone e tablet, è stata stabilita un'accelerazione nello sviluppo di esemplari dotati di tecnologia OLED e materiali plastici, in luogo del tradizionale vetro.

La scelta del materiale non è casuale: i pannelli OLED, per via della struttura che non include la retroilluminazione, sono molto sottili, ed è quindi possibile produrli anche con materiali non più rigidi, come il vetro, ma flessibili, come quelli in plastica. Oltre alla capacità di realizzare dispositivi più versatili, vi sono altri due vantaggi in questo tipo di soluzione: il peso diminuisce ed aumenta di molto la robustezza, il che comporta un netto miglioramento, trattandosi di un componente utilizzato su oggetti che fanno della portabilità la loro ragion d'essere.

Lo sviluppo di schermi OLED flessibili sarà utile a Samsung per consolidare la sua posizione sul mercato, permettendo la realizzazione di prodotti che avranno maggiori possibilità di differenziarsi rispetto a quelli offerti dagli altri produttori. Un ulteriore scopo è quello di aumentare il livello di competitività rispetto ad LG e Sharp, due dei soggetti maggiormente attivi nella produzione di display per il mercato mobile. Al momento non è stata definita una data ufficiale per il rilascio sul mercato, ma secondo voci di corridoio l'obiettivo sarebbe fissato entro i primi sei mesi del 2013

Fonte: The Wall Street Journal



Commenti