Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Nuovo stabilimento LCD Grundig

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 09 Luglio 2008, all 18:10 nel canale DISPLAY

“La tedesca Grundig ha rilevato lo stabilimento di produzione di TV LCD della turca Koç e punta a diventare tra i più importanti produttori di display "flat" in Europa”

Norimberga, Luglio 2008 – Il nuovo stabilimento di produzione delle TV LCD del gruppo turco Koç - secondo maggiore produttore in Europa di TV LCD - da oggi si chiama Grundig Elektronik, una nuova realtà nel settore dell’elettronica di consumo che si candida a divenire uno dei leader nel panorama internazionale. Il nuovo stabilimento opera in totale sintonia con i criteri di qualità sviluppati da Grundig: "Non vi è dubbio che il brand Grundig sia la punta di diamante nella divisione elettronica di Koç" - afferma Michael Peterseim, Managing Director di Grundig. "L’integrazione con il gruppo turco è per noi una sfida importante:Grundig Elektronik rappresenterà presto l’eccellenza nella produzione di TV LCD".

L’intero stabilimento lavora secondo le direttive di qualità delineate da Grundig, quali l’accuratezza nei controlli e nelle prove prodotto che vanno ben oltre gli standard consueti e una stretta connessione fra il management, lo sviluppo, la produzione e le vendite. Lo stabilimento Grundig di Istanbul è il secondo in Europa, con oltre 300 dipendenti che gestiscono 10 diverse linee di prodotto. Il laboratorio e la produzione sono certificati da tutte le normative ISO nel rispetto dei criteri di sostenibilità e di responsabilità sociale. 

L’integrazione nel gruppo Koç porta a Grundig benefici che vanno oltre la sua produzione: l’azienda di Norimberga può contare oggi sia sull’expertise dei colleghi di Istanbul per lo sviluppo dei progetti che sull’eccellente rete di vendita garantita dal gruppo turco in paesi in cui Grundig non vanta ancora una capillare presenza sul mercato. Grundig Elektronik, sarà funzionale al processo di sviluppo e crescita internazionale del gruppo Grundig che punta a diventare un brand sempre più competitivo.

Fonte: Grundig Italia



Commenti (8)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: sasadf pubblicato il 09 Luglio 2008, 18:20
Potevano venirsi a comprare lo stabilimento della Videocon ad Anagni, dove non so quante centinaia di operai nostrani stanno andando a casa per colpa della Indiana Videocon, che prima l'ha acquistata, ha preso tutti i finanziamenti possibili ed immaginabili, e poi è scappata,

walk on
sasadf
Commento # 2 di: maurino72 pubblicato il 09 Luglio 2008, 18:35
e la mivar ? e' un'azienda che mi piace, avrebbe bisogno di aiuto
Commento # 3 di: Hell83 pubblicato il 09 Luglio 2008, 18:49
Originariamente inviato da: maurino72
e la mivar ? e' un'azienda che mi piace, avrebbe bisogno di aiuto


all italia lasciamo fare le auto (quelle di un certo livello), la moda, e la pasta
l hi-tech lasciamolo ai giapponesi...
Commento # 4 di: no_smog pubblicato il 10 Luglio 2008, 01:09
ai giapppo...

si, l'hi tech di massa.
Ma produzioni di nicchia e di qualità possiamo tranquillamente permettercele.
Se lo fanno i tedeschi, perchè noi no?
Commento # 5 di: Mech pubblicato il 10 Luglio 2008, 08:22
Infatti potrebbero aiutare la Mivar...invece i precedenti al Governo hanno preferito dare i soldi ad un gruppo cinese per fargli aprire ex-novo uno stabilimento in Sicilia...
Sappiamo già come finirà:
-la Mivar chiuderà, purtroppo
-il gruppo cinese, finiti i soldi dei finanziamenti, se ne tornerà a casa
-le organizzazioni malavitose ringrazieranno per il giro di denaro

...la terra dei cachi!
Commento # 6 di: TheRaptus pubblicato il 10 Luglio 2008, 09:11
all'Italia lasciamo fare le auto (quelle di un certo livello)

Al mercato dell'auto non interessa forse l'HI-Tech?

l' hi-tech lasciamolo ai giapponesi...

Se lo fanno i tedeschi, perchè noi no?

Lavoro nel settore Hi.Tech: ti assicuro che non abbiamo NULLA da invidiare ai giapponesi e tantomeno ai tedeschi (condivido!).
Nell'azienda dove lavoravo prima (prodotti per TV poi Automotive, mi spiace ma non posso mettere LINK) vendevamno a BMW e Mercedes (e gruppo VW). Per non parlare dei trasformatori di riga: SONY, B&O, Panasonic. Ma anche Mivar, che (era) è una buona azienda.
L'unica cosa che dovremmo guardare all'estero è il governo ...

Scusate l'OT, ma mi sono sentito punto nel vivo.

(Edit ...)
Commento # 7 di: Gian Luca Di Felice pubblicato il 10 Luglio 2008, 09:16
Originariamente inviato da: TheRaptus
vendevamno a BMW e Mercedes (insomma gruppo VW).


Giusto per correttezza: BMW e Mercedes non fanno assolutamente parte del gruppo VW....In Germania, VW non è mica come la FIAT da noi che possiede tutti i marchi di automobili italiane

Cmq voleva solo essere una precisazione, torniamo In Topic!

Gianluca
Commento # 8 di: provolonesiculo pubblicato il 14 Luglio 2008, 08:54
Originariamente inviato da: Mech
-le organizzazioni malavitose ringrazieranno per il giro di denaro

...la terra dei cachi!


Certo, perchè se la fabbrica veniva costruita al Nord allora li non ce ne sarebbero state di organizzazioni malavitose?

... a volte non riesco a capire come nel 2008 si possa avere ancora così tanto prosciutto davanti agli occhi.