Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Nuova etichetta energetica per i TV

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 02 Dicembre 2011, alle 10:35 nel canale DISPLAY

“Da qualche giorno è entrata in vigore la nuova etichetta energetica europea dedicata ai TV (e altri prodotti - elettrodomestici) che consente di verificare l'efficienza dei consumi di un prodotto nel rispetto delle ultime normative UE. Per i TV sono previste 7 classi di consumo”

La nuova etichetta energetica europea è diventa obbligatoria per tutti i produttori e importatori di TV che immettono prodotti sul mercato europeo a partire dal 30 novembre 2011. La nuova etichetta è stata concepita per fornire ai consumatori informazioni riconoscibili, accurate e comparabili sul consumo energetico, le performance e caratteristiche essenziali nel rispetto delle ultime normative UE. Sono state introdotte nuove classi energetiche, che arrivano ora fino alla categoria A+++ e per i TV ogni etichetta riporta 7 classi di consumo, partendo dalla classe D (la peggiore) fino ad arrivare, appunto, alla classe A+++ (la migliore in termini di efficienza).

La nuova etichetta riporta, inoltre, altre informazioni da poter cogliere al volo nel punto vendita: la presenza di un tasto di spegnimento, il consumo in Watt del dispositivo in funzione, il consumo annuale in kWh (considerando un media di 4 ore al giorno per 365 giorni) e la diagonale in pollici e centimetri.

Per maggiori informazioni: Nuova Etichetta Energetica Europea

Fonte: THG



Commenti (17)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: ais001 pubblicato il 02 Dicembre 2011, 15:00
... direi:
- finalmente era ora;
- ottima;
- chiara;
- utile;
- così spariscono leggende e paranoie;


... ma: 4 ore per 365??? c'è gente (anziani in primis) che vivono con la tv accesa 12-14 ore al giorno. Non è che 4 ore sono un pò pochine come media??? (oltre al fatto che la gente poi non sa farsi i conti e quindi non capisce lo stesso, come già accade per il resto degli elettrodomestici casalingUi )
Commento # 2 di: davidthegray pubblicato il 02 Dicembre 2011, 15:22
Certo che chi ha pensato queste etichette (intendo in origine) è un vero genio. Possibile non aver pensato prima che, usando la A come classe top, non si sarebbe più potuto andare oltre?

Ora c'è l'espediente dei più.
Ma quando arriveremo alla A++++++++ ci capiremo ancora qualcosa?
Commento # 3 di: ais001 pubblicato il 02 Dicembre 2011, 15:35
... la A+++ è il top di classe e rimarrà tale.

... se si andasse oltre, ovviamente le precedenti classi vederebbero declassate automaticamente (perchè significherebbe che la classe D è aumentata di qualità, quindi una ipotetica A++++ sarebbe sempre A+++ e la A+++ diventerebbe una A++


... non è difficile da capire
Commento # 4 di: bianconiglio pubblicato il 02 Dicembre 2011, 16:21
sarà la mazzata finale per i plasma purtroppo .

la gente non li comprerà più per consumare 10 euro all'anno in meno in bolletta, pagare 500€ di più un LCD e vedere peggio.
Commento # 5 di: frittomisto pubblicato il 02 Dicembre 2011, 16:24
declassare un prodotto creerebbe ancora più confusione.
un prodotto B non puo' diventare C, non esiste.
paradossalmente se io oggi vinco una medaglia d'oro ad una gara e il livello medio degli atleti fra 20anni si alza, la mia medaglia sempre d'oro rimane, non vengo declassato, non mi viene ritirata per poi ricevere una medaglia d'argento.
e poi chi aggiornerebbe i prodotti sugli scaffali con le nuove etichette?
più concepibile invece un aumento delle classi verso l'alto senza modificare le precedenti. come stanno facendo.

ciao ciao
Commento # 6 di: ais001 pubblicato il 02 Dicembre 2011, 17:08
... si che esiste, il momento che C non esisterà più perchè tutta la filiera si è evoluta, che te ne fai di un C che è vecchio e stravecchio???
... sarebbe come dire che tu allora vorresti tenerti i crt e gli lcd 1° generazione perchè tanto vanno catalogati pure quelli.... folle!!!!


... la medaglia ha un valore intrinseco dell'oro, cosa centra una medaglia fatta in oro (che è sempre quello e non cambia mai) con una tv fatta di plastica (che dentro ha elettronica che di anno in anno cambia)??? ... solo tu sai che assurdità stai dicendo

... ti informo che i prodotti sugli scaffali già li aggiornano (vatti a vedere se un frigo di 3 anni fa ha lo stesso cartellino di uno moderno prodotto dalla stessa casa e della stessa famiglia di prodotto ma con codice e seriale diverso ).... praticamente da sempre visto che quando finiscono un prodotto, solitamente, ne esce un'altro che va a sostituirlo... ed avendo questo caratteristiche diverse, è ovvio che i cartellini dovranno essere aggiornati secondo specifiche nuove




... con questi discorsi.... quel nick inizia a starti giusto
Commento # 7 di: SydneyBlue120d pubblicato il 02 Dicembre 2011, 20:05
Originariamente inviato da: bianconiglio
sarà la mazzata finale per i plasma purtroppo .


I maggiori consumi dei plasma sono una leggenda metropolitana
Commento # 8 di: ilbeppe pubblicato il 02 Dicembre 2011, 21:46
leggenda o non leggenda quando è arrivato il mio plasma qualche settimana fa e ho visto che era un classe c, confesso che ho provato un senso di fastidio, quasi come aver fatto una sciocchezza....sensazione che ovviamente è passata non appena l'ho acceso, pero' credo che l'affermazione di Bianconiglio sia da prendere sul serio.
Commento # 9 di: rpr.win pubblicato il 03 Dicembre 2011, 17:48
Originariamente inviato da: bianconiglio
sarà la mazzata finale per i plasma purtroppo .

la gente non li comprerà più per consumare 10 euro all'anno in meno in bolletta, pagare 500€ di più un LCD e vedere peggio.

ma che 500, forse 50 euro/anno, confusione su tutti i livelli, indicano solo il valore medio del consumo, non la qualità del prodotto e non il prezzo che, in Italia cambia da città a città, grazie alle tasse locali, nessuno ci capisce niente realmente. figurati chi va a comprare un tv se sa quanto paga realmente il Kw/h
Commento # 10 di: bianconiglio pubblicato il 04 Dicembre 2011, 14:23
Il plasma consuma di piu' di un LCD led. Solo che il consumo del plasma e' variabile in base alla scena che si sta vedendo.
E' per questo che hanno fatto i consumi nominali e i valori medi: il mio x20 viene dichiarato 265W nominali e 158W di media.
Non sono affatto pentito di aver preso un tv con questi consumi in quanto ne ho guadagnato molto in prezzo di acquisto e moltissimo in qualita'.
Il mio discorso vale per tutti i consumatori che vedranno la targa energetica esposta e non sapendo distinguere la qualità di un buon plasma in un centro commerciale saranno propensi a lasciarlo nello scaffale abbindolati dal solito venditore che dice:prenda questo led. Costa 2000 euri pero' e' classe A e si vede meglio. E addio plasma.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »