Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

LCD: con Mitsubishi più luminosi

di Emidio Frattaroli, pubblicata il 20 Luglio 2005, all 07:36 nel canale DISPLAY

“Mitsubishi Rayon ha sviluppato un foglio speciale che può amplificare la luminosità delle lampade usate per retroilluminare i pannelli del display LCD e permette un aumento dell'efficienza luminosa fino al 35%.”

Gli schermi LCD sono costituiti da molti componenti. Oltre lo schermo vero e proprio, fatto di transistor e celle piene di cristalli liquidi, l'altro componente fondamentale è la lampada che genera la fonte luminosa. Tra la lampada ed il pannello LCD c'è un foglio che permette di sfruttare al meglio il flusso luminoso generato dalla lampada.

In questo momento, il mercato di questo tipo di fogli è dominato da 3M che detiene il 90% del mercato dei cellulari e circa l'80% per i notebook. Mitsubishi Rayon ha sviluppato un foglio speciale che riesce ad aumentare sensibilmente l'efficienza luminosa rispetto al concorrente 3M, fino a circa il 35% in più.

Il nuovo foglio utilizza principi molto simili alle lenti di Fresnel utilizzate nei retroproiettori. In questo modo il fascio luminoso può essere indirizzato meglio in senso perpendicolare, verso lo schermo anteriore, attraverso lo strato LCD.

I fogli convenzionali sono costituiti da una serie di prismi che riescono a modificare la direzione dei fasci luminosi. Il nuovo foglio proposto da Mitsubishi è formato anch'esso da una serie di prismi ma con superficie legger,mente parabolica che garantisce una minore dispersione. 

Una delle applicazioni più interessanti sarà proprio nel campo della telefonia cellulare e dei piccoli palmari. In questo caso, per l'illuminazione dei display con il nuovo foglio Mitsubishi sarebbero necessari un numero minore di diodi LED con un sostanziale risparmio di energia elettrica.

Con il nuovo prodotto Mitsubishi mira a conquistare almeno il 25% del mercato dei telefoni cellulari e il 50% dei notebook nei prossimi due anni.

Fonte: Nikkei Business Daily Tuesday edition



Commenti