Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Fabbrica "ecologica" Panasonic in Europa

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 28 Luglio 2009, all 16:46 nel canale DISPLAY

“Panasonic Corporation annuncia l'apertura della sua prima fabbrica "Eco Ideas" a basso impatto ambientale in Europa. Si tratta dello stabilimento di Plzen nella Repubblica Ceca dedicato alla produzione di televisori”

Panasonic ha annunciato l’apertura della sua prima fabbrica "Eco Ideas" in Europa, precisamente a Plzen, nella Repubblica Ceca. In realtà lo stabilimento di Plzen ha iniziato la produzione di TV nel marzo 1997, producendo sino ad oggi più di 16 milioni di apparecchi: giocherà un ruolo sempre più importante quale capogruppo nel progetto di riduzione di CO2, contribuendo allo sviluppo eco-compatibile della città di Plzen e di tutta la sua regione.  Già nell’Ottobre 2008, Panasonic ha annunciato il piano di sostenibilità ambientale a medio e lungo termine quale parte integrante della propria strategia "Eco Ideas". Da allora Panasonic ha accelerato tutte le iniziative tese a raggiungere gli obiettivi dichiarati in ambito ambientale, primo fra tutti la riduzione del 10% di CO2 (pari a 6.000 tonnellate), nei siti di produzione europea. Su base globale questo impegno è ancor più importante: una riduzione di 300.000 tonnellate di CO2 entro il prossimo Marzo 2010, l’equivalente delle emissioni annuali prodotte da 50.000 abitazioni europee.

La fabbrica "eco ideas" della Repubblica Ceca è uno stabilimento modello e particolarmente efficiente: opererà sempre più in collaborazione con le istituzioni governative e in armonia con la comunità locale. In questo senso l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 di 6.000 tonnellate è stato già superato, con l’abbattimento di 10.600 tonnellate raggiunto nel Marzo 2009. "La conversione in termini ambientali della nostra prima fabbrica Europea, è un passo importante per raggiungere i target di riduzione di CO2 prefissati", ha dichiarato Laurent Abadie, CEO di Panasonic Europe. "Forte di una gamma prodotto sempre più ecologica, la nostra strategia ‘eco ideas’ prevede una riduzione dell’impatto ambientale anche nell’ambito delle attività industriali e produttive, per una migliore integrazione con la società e l‘ambiente".

Per contribuire allo sviluppo ecologico della città di Plzen e della sua regione, lo stabilimento Panasonic parteciperà a un programma di rivitalizzazione dei parchi locali, tramite una piantumazione programmata di alberi e un intervento attivo anche nello smaltimento di materiali dannosi illegalmente accumulati da altri produttori. La fabbrica, in accordo con istituzioni scolastiche e associazioni ambientali governative, sarà inoltre promotrice di eventi mirati all’educazione ambientale per favorire la nascita di una coscienza ecologica fra studenti e ragazzi. Tutti i dipendenti hanno parimenti siglato un accordo nel quale si impegnano ad impostare ogni azione lavorativa all’insegna dell’efficienza energetica, con particolare attenzione al riciclaggio dei materiali utilizzati.

In primo piano anche il tema del risparmio energetico, con un sistema automatizzato per la gestione e il mantenimento di una corretta temperatura all’interno degli ambienti di lavoro. In caso di un aumento di produttività è stato inoltre previsto un piano triennale per una ulteriore riduzione di CO2, pari al 10%. La fabbrica perfezionerà le proprie capacità di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni di CO2 installando ulteriori sistemi di misurazione e controllo per raggiungere gli obiettivi “3R” (Ridurre, Riutilizzare e Riciclare) e minimizzare lo scarto di prodotti, componenti, e materiali: ad oggi il 91% dei materiali di scarto è stato di fatto riciclato o riutilizzato.

Fonte: Panasonic Italia



Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: blasel pubblicato il 28 Luglio 2009, 20:22
..gia ', nella repubblica Ceca la mano d'opera costa meno che in paesi come l'Italia, la Francia, la Germania ed altri...
Commento # 2 di: Sergio65 pubblicato il 28 Luglio 2009, 20:58
blasel@: Idem per lo stabilimento in Slovacchia a Krompachy dove vengono prodotti lettori Blu-ray e Blu-ray-Recorder HDTV,ma penso anche che i nostri temibili gruppi sindacali sono da deterrente per loro .
Commento # 3 di: Picander pubblicato il 29 Luglio 2009, 15:15
beppe grillo diceva che per risolvere i nostri problemi e quelli della cina bisognerebbe spostare i nostri sindacati da qua e là

in ogni caso lo stabilimento ceco non produce lo stesso materiale che produceva quello italiano chiuso di recente