Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Cresce l'offerta di backlight LED

di Luke Silver, pubblicata il 22 Maggio 2006, all 10:49 nel canale DISPLAY

“A margine del nuovo rapporto sul mercato delle tecnologie per la retroilluminazione dei display LCD, Insight Media anticipa una forte crescita delle tecnologie LED molto più di quanto immaginato fino ad ora”

Delta Electronics è azienda che produce alimentatori ma che è molto attiva anche nella produzione di lampade CCFL (cold-cathode fluorescent lamp) per display LCD con più di 6 milioni di unità al mese. Entro la fine del prossimo anno, Delta Electronics ha intenzione di triplicare la produzione, attivando 12 nuove linee di produzione.

Vista l'impennata della richiesta sui display con tecnologia LCD, le strategie di Delta appaiono più che opportune in questo momento, con qualche piccola precisazione. La stessa Delta ha già avviato un dipartimento di ricerca e sviluppo sui backlight con tecnologie LED ed ha già prodotto i primi campioni che sono stati già inviati ai clienti.

Visto l'alto costo per i pannelli LED, Delta all'inizio concentrerà la produzione soprattutto per pannelli LCD con diagonale da 7" per applicazioni "automotive" e "mobile" ma l'interesse dell'azienda per i display con diagonale più generosa è molto elevato ed è destinato a salire notevolmente nei prossimi anni.

A tal proposito, segnaliamo l'ultimo rapporto di Insight Media sul mercato e sulla tecnologia dei pannelli di retroilluminazione per display LCD in cui vengono proposte previsioni nettamente più aggressive sulla penetrazione dei nuovi backlight LED che prendono spunto dalla notevole attività di ricerca (e notevoli investimenti) sulle nuove tecnologie LED.

In pratica, secondo Insight Media, l'inizio della produzione di massa dei backlight per pannelli LCD con diagonale di 32" o superiore è dietro l'angolo e le dichiarazioni della maggior parte delle aziende coinvolte direttamente nella produzione sarebbero molto più che "caute", probabilmente per non destabilizzare l'attuale produzione di CCFL.

Fonte: Insight Media: www.insightmedia.info



Commenti