Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

BenQ LCD 19" da soli 2ms

di Emidio Frattaroli, pubblicata il 26 Gennaio 2006, all 09:15 nel canale DISPLAY

“BenQ presenta il nuovo monitor LCD FP 93GX con diagonale di 19", spessore ridotto a 13mm, ingressi DVI-D e una strepitosa velocità di risposta di soli 2 ms (grey to grey).”

Milano, Gennaio 2006 – Ieri BenQ ha annunciato il monitor LCD FP 93GX da 19 pollici tra i più veloci sul mercato. Caratterizzato dall’incredibile tempo di risposta di 2 ms GTG e dall’ ottimo contrasto di 700:1, il nuovo display, è destinato a giocatori professionisti e va incontro all’esigenza di perfetta visualizzazione. Inoltre, ha un'elevata luminosità di 320 cd/m2, spessore ultra-sottile di soli 13 mm e design molto accattivante.

Il BenQ FP 93GX utilizza la tecnologia originale AMA (Advanced Motion Acceleration), che accelera la velocità dei cristalli liquidi all’aumentare del voltaggio, ottenendo così, un minor tempo di risposta. Grazie a questa tecnologia d’ultima generazione, le prestazioni del BenQ FP 93GX sono migliorate ottenendo immagini più profonde chiare, nitide, e senza ritardi durante il gioco o la visione di film d’azione.

Caratteristiche dichiarate

modello FP93GX
dimensione 19”
risoluzione 1280 x 1024
area 376.3x301.1(mm)
dot pitch 0,294mm
contrasto 700:1 (800:1 max)
tempo di risposta (rise+fall) 2ms GTG
angolo di visuale (CR>=5)160;160
luminosità 300 cd/mq (320 cd/mq max)
frequenza orizz. 31 – 81 KHz
frequenza vert. 56 – 76Hz
larghezza banda 25 - 135Hz
connettori 15 pin D-Sub / DVI
consumo 40W max
dimensioni 410x422x168
peso Kg. 5

Il nuovo schermo è dotato anche della tecnologia di elaborazione delle immagini Senseye e di una doppia connessione analogica/digitale D-Sub/DVI-D per il massimo della versatilità. BenQ FP93GX è disponibile nel colore Black - Silver ed ha una garanzia di 3 anni on-site con sostituzione a casa del cliente.

Per maggiori informazioni: www.benq.it



Commenti (14)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: AlbertoPN pubblicato il 26 Gennaio 2006, 11:29
ancora due soli ms ... e saremmo arrivati all'analogico !
Commento # 2 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 26 Gennaio 2006, 11:35
Quello da un solo ms dichiarato l'hanno mostrato a Las Vegas

Dobbiamo cominicare a sbrigarci ad ultimare il setup per la misura...

Hihhihhihhi


Emidio
Commento # 3 di: giapao pubblicato il 26 Gennaio 2006, 11:41
Originariamente inviato da: AlbertoPN
ancora due soli ms ... e saremmo arrivati all'analogico !


ah ah ah! ora rispondo cosi' a quelli della BenQ che mi hanno mandato la news qualche giorno fa'...
Commento # 4 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 26 Gennaio 2006, 12:51
Gianni, Alberto: ma la tecnologia LCD è già analogica



Emidio








P.S.

Seriamente
Commento # 5 di: AlbertoPN pubblicato il 26 Gennaio 2006, 15:09
Originariamente inviato da: Emidio Frattaroli
Gianni, Alberto: ma la tecnologia LCD è già analogica
Emidio
P.S.Seriamente


Ciao Emidio,

è vero, anche se non è per tutti così. Difatti la cella elementare LCD che forma il pixel e' un dispositivo analogico perche' la variazione continua del grigio viene ottenuta applicando una tensione variabile con continuita'
Questo e' vero, però, per gli LCD TFT.
Esistono anche LCD ferroelettrici (ma non sono usati per fare display video) dove la cella permette solo due stati (trasparente / opaca) e quindi il grigio lo si puo' fare solo mediante modulazione PWM, come nel DMD. In questo senso questi LCD ferroelettrici si possono dire digitali.
Anche se non era questo il nocciolo del contendere.

Dato che stiamo arrivando a latenza zero per il tempo GTG degli ultimi pannelli LCD, ho fatto la battuta paragonandoli al sistema analogico per antonomasia, difatti un CRT accende il pixel velocemente (microsecondi) ma poi lo spegnimento non e' un tempo nullo per effetto del decadimento della fluorescenza del fosforo. Comunque si tratta di tempi uguali o inferiori al millisec.

Dato che in generale occorre che la velocita' di commutazione dei pixel sia sufficientemente alta confrontata con la velocita' di refresh del quadro e con il metodo di indirizzamento e con la risoluzione del pannello ( perche' comunque entro il periodo di quadro devo scrivere tutti i pixel del pannello), più e' veloce il pixel, tanto meno grado di parallellismo mi e' richiesto nell' elettronica che scrive il pannello e cio' si traduce in una semplificazione della stessa.

Per cui ho scritto quella cosa ... non per altro ..... nun se pò più manco scherzà !!

Mandi!

Alberto
Commento # 6 di: Mike5 pubblicato il 26 Gennaio 2006, 15:16
Originariamente inviato da: AlbertoPN
.... Difatti la cella elementare LCD che forma il pixel e' un dispositivo analogico...


Non lo sapevo

Quante cose interessanti si imparano leggendo questo forum

Michele
Commento # 7 di: AlbertoPN pubblicato il 26 Gennaio 2006, 15:24
Originariamente inviato da: Mike5
Non lo sapevo

Quante cose interessanti si imparano leggendo questo forum

Michele


me stà a pijaa pao culx ???

Commento # 8 di: Mike5 pubblicato il 26 Gennaio 2006, 16:45
Originariamente inviato da: AlbertoPN
me stà a pijaa pao culx ???



Assolutamente no!

Io ero convinto che i TFT fossero digitali al 100%, come quelli che tu chiami ferroelettrici. Ora ho capito anche perchè quando si parla di tecnologia Pulse Width Modulation si dice sempre utilizzata nei DLP e nei plasma, ma non negli LCD.

Quindi, non usando PWM, i TFT dovrebbero essere immuni dal dithering. E' così ?

Michele
Commento # 9 di: AlbertoPN pubblicato il 26 Gennaio 2006, 16:47
Originariamente inviato da: Mike5
Quindi, non usando PWM, i TFT dovrebbero essere immuni dal dithering. E' così ?


Dovrebbero, si !
Commento # 10 di: Pistolpete pubblicato il 26 Gennaio 2006, 22:47
lo sapete vero che questi 2ms sono fasulli?
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »