Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Addio a Flash su TV, tablet e cell

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 11 Novembre 2011, all 12:09 nel canale DISPLAY

“Adobe annuncia l'abbandono dello sviluppo della tecnologia Flash per TV connesse, smartphone e tablet. Da oggi in poi spazio ad Adobe AIR (sotto forma di applicazioni) e ci piace immaginare che Steve Jobs stia sorridendo sornione da là su”

Dopo anni di contrapposizioni con Apple e Steve Jobs (che aveva sempre rifiutato di rendere i suoi dispositivi mobili compatibili Flash, n.d.r.) e altri marchi che avevano invece puntato sul supporto Flash per aumentare l'appeal dei propri prodotti, ecco che Adobe spiazza tutti annunciando l'abbandono dello sviluppo della tecnologia Flash per le "Smart TV", tablet e smartphone. Adobe non ha spiegato ufficialmente il motivo di tale scelta, ma evidentemente intravede più un futuro "App" che non di browsing vero e proprio e a tal proposito un portavoce del gruppo ha dichiarato: "Adobe continuerà ad assicurare il supporto per le licenze esistenti che richiedano l'uso di Flash Player per la navigazione su Internet dei dispositivi portatili e TV, ma riteniamo che il miglior approccio per fruire di contenuti web sia di usare e sviluppare applicazioni dedicate."

A tal proposito, Adobe invita chiaramente gli editori di contenuti ad utilizzare gli strumenti messi a disposizione dalla suite Adobe AIR. Questa scelta storica non sarà purtroppo senza conseguenze ed è già in vista una ristrutturazione del gruppo che porterà al licenziamento di circa 750 dipendenti in tutto il mondo.

Fonte: All Things Digital



Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: MOLTIBASSI pubblicato il 11 Novembre 2011, 15:25
Ciao ciao Flash

Adobe spazia tutti....forse spiazza tutti?
Cmq adottare linguaggi che rendano la navigazione web più snella e veloce ci si guadagna tutti.
Commento # 2 di: OXO pubblicato il 14 Novembre 2011, 20:15
Ovvio che Steve se la rida: ancora una volta, c'aveva visto parecchio più lungo degli altri.

Peccato solo che a pagare le conseguenze siano sempre i soliti...