AV Magazine - Logo
Stampa
 
Google TV rimandato in Europa
Gian Luca Di Felice - 20/01/2011, 09:51
“Al momento dell'introduzione in USA dei suoi primi TV e lettore Blu-ray "Google TV", Sony aveva annunciato che i primi modelli sarebbero arrivati in Europa ad inizio del 2011. Ora l'uscita è stata rimandata per "problemi tecnici"”

Che qualcosa in merito alla piattaforma "Google TV" non stia funzionando al meglio sembra ormai evidente: le vendite sia per quanto riguarda Sony che Logitech negli USA sono decisamente sotto le aspettative, la piattaforma ha incontrato aspre critiche da parte di alcune tra le principali emittenti televisive statunitensi e al CES - tranne un prototipo di set-top box di Samsung - nessuno ha presentato novità e l'azienda di Mountain View è stata la grande assente della kermesse di Las Vegas.

Dopo il lancio statunitense, Sony aveva annunciato l'arrivo dei primi televisori "Google TV" in Europa nel corso del primo trimestre del 2011, ma ora l'azienda nipponica ha fatto sapere tramite un responsabile della divisione francese che l'uscita dei primi modelli è stata rimandata per "problemi tecnici". Il direttore generale di Sony Francia Philippe Citroën ha dichiarato in proposito: "Dobbiamo stabilizzare i problemi tecnici, in quanto la piattaforma rappresenta una grande innovazione e abbiamo quindi bisogno di tempo per continuare a svilupparla al meglio".

Secondo alcune speculazioni circolate in queste ore, c'è chi ipotizza che Google stia addirittura decidendo di uscire totalmente da questo mercato, ma una nostra autorevole fonte (a capo di una delle più importanti multinazionali del settore, che per discrezione preferiamo non citare, n.d.r.) ci ha anticipato in occasione del CES che Google starebbe rivedendo completamente la piattaforma e l'approccio commerciale, rendendola molto più simile ad Android. Insomma, "Google TV" potrebbe diventare "Android TV" e ruotare - come per il sistema operativo per smartphone e tablet - intorno alle applicazioni. Scopriremo tutto ciò nei prossimi mesi...

Fonte: AFP