AV Magazine - Logo
Stampa
 
Intel pronta ad acquisire Nvidia?
Gian Luca Di Felice - 14/12/2012, 11:52
“Secondo indiscrezioni, Intel potrebbe presto acquisire il colosso delle GPU e soluzioni SoC ARM Nvidia. Le due parti si sarebbero giÓ sedute a un tavolo per discutere l'accordo che se andasse in porto sarebbe fondamentale per consentire ad Intel di continuare a competere nei prossimi anni”

L'indiscrezioni è di quelle grosse e proprio in considerazione dell'importanza, vi invitiamo a raccoglierla con la massima cautela. Secondo quanto pubblicato dai colleghi di Bright Side News, Intel e Nvidia si sarebbero sedute intorno a un tavolo per discutere di una possibile acquisizione da parte dell'azienda di Santa Clara del colosso delle GPU. Attualmente i due gruppi sono già legati da un accordo di condivisione dei brevetti della durata di 6 anni che porterà nelle casse di Nvidia 1,5 miliardi di dollari e Intel avrebbe già tentato (senza successo) di siglare un accordo con Nvidia per utilizzare le sue GPU all'interno delle architetture CPU Sandy Bridge, Ivy Bridge e Haswell.

Per mandare in porto l'operazione, Nvidia avrebbe però messo sul piatto le sue condizioni: l'attuale amministratore delegato di Nvidia Jen-Hsun Huang dovrebbe diventare il nuovo amministratore delegato di Intel, che porterebbe con sé anche altre figure chiave all'interno dell'organigramma del colosso dei processori. Una condizione non certo facile da accogliere, ma è anche vero che l'attuale AD di Intel, Paul Otellini, ha già annunciato il suo ritiro a capo di Intel a partire da maggio 2013.

Intel starebbe valutando molto attentamente l'operazione, che potrebbe avere un costo complessivo di circa 15 miliardi di dollari, ma che le consentirebbe di accedere alle numerose tecnologie di Nvidia, brevetti e soprattutto know-how in termini di schede grafiche, nonché soprattutto chip SoC ARM, che con l'espansione di tablet e smartphone stanno erodendo progressivamente le quote di mercato di Intel sul fronte PC e processori x86 (core business attuale di Intel). Sarà vero o trattasi solo di una grande bufala? Lo scopriremo nei prossimi mesi!

Fonte: THN