Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Sony taglierà 10.000 posti di lavoro

di Emidio Frattaroli, pubblicata il 23 Settembre 2005, alle 08:23 nel canale HT

“Sony taglierà 10.000 posti di lavoro e 11 impianti produttivi con l'obiettivo di ridurre i costi attuali fino a 200 miliardi di Yen in un piano finanziario triennale che durerà fino all'anno fiscale 2007.”

Tokyo, settembre 2005. Il nuovo piano finanziario triennale di Sony Corporation, partito nel corrente anno fiscale, è stato rivelato in una conferenza questa settimana dal presidente Ryoji Chubachi e da Howard Stringer, il nuovo, primo CEO non giapponese del gigante dell'elettronica di consumo.

Il nuovo piano prevede un taglio complessivo di 200 miliardi di Yen in tre anni che sarà perseguito con un taglio di 10.000 posti di lavoro, la chiusura di 11 impianti produttivi che passeranno dagli attuali 65 a 54 e il recupero di 120 miliardi di Yen da alcune cessioni non meglio precisate.

Tra gli effetti derivanti dalle nuove strategie, ci sarà l'abbandono dello sviluppo del progetto QUALIA e l'azzeramento degli investimenti sui robots. In più, Sony sta considerando anche il ritiro da 15 aree di business considerate non sufficientemente redditizie.

Stringer inoltre ha tra gli obiettivi un aumento della velocità delle decisioni con l'abolizione dell'attuale sistema interno, consegnando maggiori poteri nelle mani di Chubachi che si occupa attualmente del segmento dell'elettronica.

A fronte di un profitto netto di circa 164 miliardi di Yen dello scorso anno, e contro le precedenti previsioni di un profitto di 10 miliardi di Yen per l'anno fiscale in corso, Stringer e soci hanno dichiarato che in realtà per questo anno è prevista un perdita di 20 miliardi di Yen. Secondo queste previsioni, sarebbe la prima perdita netta dell'azienda giapponese degli ultimi 11 anni. 

Fonte: Nihon Keizai Shimbun



Commenti (15)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: sasadf pubblicato il 23 Settembre 2005, 12:11
terz'ultima riga anno senza l'h......


detto questo, visto l'abbandono del progetto di punta QUalia(era quello che permetteva ricerche avanzate, come ad es. l'SXRD..)e di altre aree, sta a significare solo una cosa: ridimensionamento.....

E pensare che ero un fan sfegatato del marchio: c'è stato un periodo che a casa mia si comprava solo SONY, di qualunque cosa di attaccasse alla corrente....

Da quando CHubaki sta alla guida con la morte del grande capo......


walk on
sasadf
Commento # 2 di: Alberto Pilot pubblicato il 23 Settembre 2005, 12:31
era un pezzetto che Sony latitava ....

forse adesso vogliono concentrarsi sulle royalties derivate da PS3, PSP, UMD e dalle varie Majors Hollywodiane che possiede ....

mandi

Alberto
Commento # 3 di: matrix2 pubblicato il 23 Settembre 2005, 13:03
l'errore di sony è non offrire prodotti completi

ancora non esiste un tv al plasma HD ready
e fino a settembre neanche un lcd hd ready (ora li ha presentati)

non esiste un lettore divx su tutti i suoi letori e registratori (solo alcuni modelli)

fa una politica di prezzo eccessiva , mediamente un prodotto sony costa di più solo perchè si chiama SONY senza offrire qualcosa in più rispetto alle concorrenti

persino il vecchio sito italiano era abbandonato , io compravo dei prodotti e dopo un mesetto apparivano sul web

senza aprlare del cagnolino elettronico ,chi se lo è comprato? costerà quanto una ferrari

poi il marketing sbagliato come presentare la psp a pochi mesi dalla ps3
Commento # 4 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 23 Settembre 2005, 14:29
matrix2 ha scritto:
l'errore di sony è non offrire prodotti completi...
... Per il mercato Europeo.

In USA e Giappone è tutta un'altra cosa. Cosa dire infatti dei meravigliosi TV Color CRT in formato 16:9 con ingresso DVI/HDMI?

www.avmagazine.it/articoli/videoproiettori/31/2.html

D'altra parte la leadership di Sony in alcuni dei settori più importanti dell'elettronica di consumo secondo me non è ancora in discussione, ad iniziare dalle nuove videocamere HDV, caratterizzate da un rapporto qualità prezzo estremamente favorevole.

Sono inoltre molto ottimista sul successo della PSP, sulla scia di quanto successo in USA e in Giappone. E infatti il segmento sotto Sony Computer credo sia atttualmente il più redditizio per l'azienda giapponese.

Emidio
Commento # 5 di: stazzatleta pubblicato il 23 Settembre 2005, 14:33
Emidio Frattaroli ha scritto:
[I]... Per il mercato Europeo.

In USA e Giappone è tutta un'altra cosa. Cosa dire infatti dei meravigliosi TV Color CRT in formato 16:9 con ingresso DVI/HDMI?

www.avmagazine.it/articoli/videoproiettori/31/2.html

D'altra parte la leadership di Sony in alcuni dei settori più importanti dell'elettronica di consumo secondo me non è ancora in discussione, ad iniziare dalle nuove videocamere HDV, caratterizzate da un rapporto qualità prezzo estremamente favorevole.

Sono inoltre molto ottimista sul successo della PSP, sulla scia di quanto successo in USA e in Giappone. E infatti il segmento sotto Sony Computer credo sia atttualmente il più redditizio per l'azienda giapponese.

Emidio [/I]


anche i ragazzini italiani 10-15 anni stanno impazzendo per la PSP.
Commento # 6 di: tino.k pubblicato il 23 Settembre 2005, 14:57
matrix2 ha scritto:

poi il marketing sbagliato come presentare la psp a pochi mesi dalla ps3


Be pochi mesi la ps3 non uscirà prima dell'autunno prossimo(2006)....
Commento # 7 di: Alberto Pilot pubblicato il 23 Settembre 2005, 16:08
Emidio Frattaroli ha scritto:[I]www.avmagazine.it/articoli/videoproiettori/31/2.html
[/I]


Mi sono accorto adesso che c'è un errore nell'articolo.
La foto fa riferimento ad un 34 CRT Sony, ma la didascalia invece cita un 36 ... poco male ... ma dato che sbavavo guardando il pannello posteriore di questo TVC ... me ne sono accorto

Mandi !

Alberto

P.S. http://www.sonystyle.com/is-bin/+IN...ntThisPage=true

300$ drop ... list price 1899.99$

P.P.S. http://www.sonystyle.com/is-bin/INT..._Compare-Paging

Alla faccia di chi diceva che non esistno TVC consumer che visualizzano 720 linee ...
Commento # 8 di: Paoric pubblicato il 23 Settembre 2005, 18:03
uhm Samsung ha presentato il nuovo CRT con le entrate component......manca la presa HDMI peccato che in USA sia già disponibile sullo stesso tv... certo che il prezzo è ottimo poco + di 700€.

Per quanto riguarda Sony si è soffermata troppo sulle stronzate dai cani ai robot da compagnia, dopo accese discussioni tempi indietro con un accanito sostenitore Sony posso dire che in molte cose avevo ragione. ciao Paolo
Commento # 9 di: happymau pubblicato il 23 Settembre 2005, 19:05
Spero che quanto accaduto serva di lezione alla Sony, che da un po' di anni in qua, in certi settori (TV) ha vissuto sui passati allori, sfornando addirittura prodotti esteticamente orrendi, ma sempre a prezzo.. sony! Chi sarà il prossimo? Panasonic? Avete notato il ribasso notevole dei plasma che ha effettuato nelle nelle ultime settimane?

Un grazie lo si deve dire a certi produttori Coreani, che con una politica aggressiva di prezzi e un buon marketing, stanno contribuendo ad un calo generale dei prezzi, anche da parte di certe marche blasonate.. non ci fossero stati loro, i Jap avrebbero fatto cartello (sono molti bravi in quello), e noi saremmo ancora qua a pagare un plasma 42 SD 3000 euro
Commento # 10 di: gian de bit pubblicato il 24 Settembre 2005, 16:42
happymau ha scritto:
Spero che quanto accaduto serva di lezione alla Sony, che da un po' di anni in qua, in certi settori (TV) ha vissuto sui passati allori, sfornando addirittura prodotti esteticamente orrendi,



Purtroppo l'azienda non la fa' il MARCHIO..... ma le PERSONE che ne fanno parte

Detto questo, si capisce che Sony in questi anni e' stata mal gestita a cominciare dalla casa madre.

Chi e' imprenditore, a capo di una M.N. cosi grossa, dovrebbe metterci anche un po' di cuore in cio' che fa', e non solo pensare di avere la pretesa di fare vendere, solo perche' si chiama SONY ...non funziona cosi.

Prima viene la testa, poi i guadagni..... ed ora chi ci rimette sono 10.000 persone che perdono il lavoro.

Daltronde si raccoglie cio' che si semina.... e SONY non ne esce con una bella immagine da questa cosa..... ma tanto a quanti importa? Sony continuera' ad andare avanti, ricominciando da zero se necessario, ma sulla pelle di quei 10.000 licenziati...
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »