Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Nuovi canali HDTV su DTT in Francia

di Emidio Frattaroli, pubblicata il 23 Maggio 2007, all 10:21 nel canale HT

“In Francia, il CSA ha intenzione di aprire entro un mese una gara per due nuovi canali ad alta definizione a cui si affiancheranno altrettanti canali HD di France Television”

Il consiglio superiore degli Audiovisivi francese (CSA) e ha intenzione di lanciare a breve una gara per due nuovi canali televisivi privati diffusi con il digitale terrestre in alta definizione. Secondo alcune indiscrezioni la competizione sarà tra Canal+, TF1 e M6.

A questi due nuovi canali ad alta definizione, presto si affiancherà un nuovo canale ad alta definizione dell'emittente pubblica France Television che nell'anno successivo avrebbe anche intenzione di aggiungere un altro canale, sempre in alta definizione.

Secondo le informazioni pubblicate da Digital-Sat, il canale France2 arriverà quindi entro la fine del 2007 mentre il nuovo canale France4 dovrebbe arrivare nel corso del 2008. Se venisse tutto confermato si tratterebbe di una vera e propria rivoluzione per un servizio pubblico che, fino ad oggi, non sembrava molto attento alla qualità e all'innovazione tecnologia.

Per approfondimenti: www.digital-sat.it/new.php?id=9467



Commenti (10)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: ARAGORN 29 pubblicato il 23 Maggio 2007, 11:06
E bravi i francesi.

Quando i ns. governanti (di qualunque colore...) si occuperanno di implementare le nuove tecnologie invece che litigare sulle poltrone (tipo quelle del cda RAI) e/o distribuire risorse in inutilissimi canali satellitari o terrestri (tipo IMHO RAI in-utile ) ??

Cosa costerebbe alla RAI sopprimere un pò di in-utili canali satellitari ed altrettanti in-utili canali DTT e prevedere almeno un canale HD in chiaro per piattaforma??

Possibile che l'iniziativa (ed il mercato) sull'alta definizione sia lasciata solamente - e per intero - al monopolista satellitare?
Si rendono conto delle immani quote di mercato che vanno a perdere, già oggi, ma ancor più in prospettiva di medio termine? Se uno fosse malizioso.... potrebbe pensare che se ne rendono conto e lasciano volutamente correre??

Mah....
Commento # 2 di: no_smog pubblicato il 23 Maggio 2007, 11:34
ce li vedo proprio...

...i nostri governanti che dicono a quei milioni di utonti (me compreso): cari concittadini se volete vedere l'alta definizione su digitale terrestre dovete comprare un nuovo decoder.
Inoltre causa scarsa lungimiranza scommetto sarà utilizzato l'mpeg2 che necessiterà di una banda enorme (rispetto al più efficiente mpeg4) e il risultato finale sarà l'alta definizione all'italiana, ossia una cacca piana di artefatti perchè i nostri provider la priam cosa che fanno è COMPRIMERE, sempre e comunque.
Vi piace il quadro prospettico???
Commento # 3 di: ARAGORN 29 pubblicato il 23 Maggio 2007, 11:42
Tempo fa si parlò di un dtt plus in uscita per fine 2007 primi 2008 che aveva come caratteristica anche la compatibilità con l'mpeg4. Non se ne è saputo più nulla....

Certo è che avrebbero dovuto implementare queste caratteristiche da subito su tutti i decoder DTT. Avrebbero potuto offrire immediatamente una qualità migliore persino trasmettendo solo in sd.... Ma sopratutto avrebbero risparmiato banda, potendo contare su molti canali in più... Se vogliamo esser cinici, ci avrebbero persino guadagnato di più....

Ma siamo al mondo dei sogni...., avrebbe richiesto una lungimiranza che nessuno dei ns. illuminati politici/dirigenti possiede



Tuttavia l'offerta satellitare pubblica potrebbe contemplare GIA' OGGI un canale HD in chiaro, perchè i decoder compatibili ci sono già.
Non sarà che non lo fanno per evitare di disturbare il (murdo)can che dorme ??
Commento # 4 di: kapooo pubblicato il 23 Maggio 2007, 11:49
Quoto e sottoscrivo in toto. Possibile che in italia non si riesca mai ad essere al pare con gli altri paesi??

La Rai che essendo servizio pubblico dovrebbe essere il motore del paese per quanto riguarda l'innovazione tecnologia è invece la rete più indietro. La7 e mediaset per qualità e contenuti sono superiori c'è poco da dire. E dire che paghiamo anche il canone per un serivizo del genere.

Se le risorse che ha la Rai fossero gestiti da imprenditori ed esperti e non da politici che non vedono più in la del loro naso avremo altro che HD a quest'ora.

Scusate lo sfogo
Commento # 5 di: maranello pubblicato il 23 Maggio 2007, 14:13
Sottoscrivo ache io. La Rai non ha nemmeno un po' di amor proprio. Invece di pensare all' interattività Mhp, che viene utilizzata da poche persone, potrebbe attivare una canale HD su DTT e uno su satellite. E' inutile che vengano a dirci di aver prodotto le serie Gente di mare e La squadra 7 interamente in HD, se poi noi telespettatori possiamo vederle solo in standard definition 4:3 letterbox. Mediaset ha attivato Rete 4 HD su DTT (codifica Mpeg-4) in Sardegna e Valle D' Aosta, però per adesso viene trasmesso soltanto materiale upscalato con le bande nere ai lati. Pochissime persone hanno la possibilità di vederlo, perchè è visibile soltanto con un tuner per pc abbinato ad un software di decodifica Mpeg-4/AVC (comunque non si può vedere a piena risoluzione), oppure, credo, con la nuova Videostation di Fastweb che è un decoder IPTV/DTT HD-Ready in grado di decodificare Mpeg-2 ed Mpeg-4. Altri decoder dtt hd-compatibili non se ne vedono. Mediaset ha attivato Rete 4 HD anche su satellite, però sullo scomodissimo Atlantic Bird 3 a 5 gradi Ovest, raggiungibile soltanto con impianti motorizzati e solo nel nord Italia. A Volte, a seconda del programma trsmesso, il canale è criptato in Mediaguard.
Questa è la misera situazione dell' HD italiana su DTT!!! Diciamo grazie al ministero perchè non si è mai minimamente pronunciato sull' HD!!!
Commento # 6 di: Straker62 pubblicato il 24 Maggio 2007, 11:31
Originariamente inviato da: maranello
Sottoscrivo ache io. La Rai non ha nemmeno un po' di amor proprio. Invece di pensare all' interattività Mhp, che viene utilizzata da poche persone, potrebbe attivare una canale HD su DTT e uno su satellite. E' inutile che vengano a dirci di aver prodotto le serie Gente di mare e La squadra 7 interamente in HD, se poi noi telespettatori possiamo vederle solo in standard definition 4:3 letterbox. Mediaset ha attivato Rete 4 HD su DTT (codifica Mpeg-4) in Sardegna e Valle D' Aosta, però per adesso viene trasmesso soltanto materiale upscalato con le bande nere ai lati. Pochissime persone hanno la possibilità di vederlo, perchè è visibile soltanto con un tuner per pc abbinato ad un software di decodifica Mpeg-4/AVC (comunque non si può vedere a piena risoluzione), oppure, credo, con la nuova Videostation di Fastweb che è un decoder IPTV/DTT HD-Ready in grado di decodificare Mpeg-2 ed Mpeg-4. Altri decoder dtt hd-compatibili non se ne vedono. Mediaset ha attivato Rete 4 HD anche su satellite, però sullo scomodissimo Atlantic Bird 3 a 5 gradi Ovest, raggiungibile soltanto con impianti motorizzati e solo nel nord Italia. A Volte, a seconda del programma trsmesso, il canale è criptato in Mediaguard.
Questa è la misera situazione dell' HD italiana su DTT!!! Diciamo grazie al ministero perchè non si è mai minimamente pronunciato sull' HD!!!

Prima di dare tutta la colpa alla RAI per avere scelto una piattaFORMA mhp ed in generale una piattaforma di trasmissione solo MPEG-2 farei una riflessione: tutta la operazione digitale terrestre fu promossa alla velocita della luce dal governo Berlusconi, spacciandola come la più avanzata in Europa, almeno come tempi di partenza. Il problema è proprio che si è voluti partire troppo presto, nel 2004, quando ancora nessuno trasmetteva in MPEG-4, neanche via satellite, e non ci si è per niente preoccupati degli sviluppi futuri di tale tecnologia e men che meno della ormai prossima alta definizione. Fu definito uno standard per i decoder con mhp, MPEG2 ed uscite SCART per un semplice motivo: Berlusconi e la sua Mediaset avevano una fretta del diavolo a far partire il calcio a pagamento su digitale terrestre per fare profitti e concorrenza a Sky. Probabilmente alla RAI fu detto stai buona e zitta che tanto si potrà sempre dire che il servizio pubblico adesso è interattivo e avrà una grande utilità per gli utenti. In realtà anche l'interattività è servita solo a Mediaset per le sue televendite sui canali DTT shopping.
Quindi a mio parere (opinione di cui me ne assumo l'intera e totale responsabilità la colpa della situazione attuale è interamente del governo Berlusconi che ha fatto una legge, uno standard televisivo DTT ad hoc (con relativi contributi statali che paghiamo tutti noi cittadini, quindi a nostre spese) che è andato ad esclusivo beneficio di quella ditta che lui ormai non segue più da anni che si chiama Mediaset.
Grazie Silvio per avere ancora una volta privatizzato i guadagni e socializzato i costi....Meditate gente, meditate, ma soprattutto non lamentatevi tanto con la RAI che è stata ridotta come è adesso da un governo non certo disinteressato.
Straker62
Commento # 7 di: kapooo pubblicato il 24 Maggio 2007, 12:33
Non per fare l'avvocato del diavolo ma non mi sembra che la Rai prima del governo Berlusconi andasse con il vento in poppa e non mi pare che neppure adesso vada con il vento in poppa. Chiarisco: era ed è tecnologicamente arretrata indipendentemente dal governo che comanda il paese.
Commento # 8 di: ARAGORN 29 pubblicato il 24 Maggio 2007, 15:46
Ehm, nel regolamento c'è scritto discussioni politiche vietate....

Comunque mi sa che la storiella dell'interattività fu cavalcata un pò da tutti (destra, sinistra e dirigenze reti nazionali al gran completo, LA7 inclusa). Ovvio che qualcuno abbia anche cercato il proprio tornaconto....(ed i canali a pagamento ce li ha anche LA7).... ma la fretta era bipartisan....

Sul satellite, altrimenti, ci andavano sia Rete 4 che Rai 3
Commento # 9 di: no_smog pubblicato il 24 Maggio 2007, 19:56
..perdete tempo...

ancora vi affannate a cercare differenze tra destra e sinistra. Qui le cose sono molto più semplici.
Quando a capo di un azienda che deve fare dell'innovazione (di mezzi e contenuti) la propria ragione di vita si mettono dei matusa che a malapena (ma non ci giurerei) sanno utilizzare l'email, come e dove cavolo volete che vada a finire???
Con tutto il rispetto per uno come Gentiloni, che ultimamemnte è ospite di qui e di là, non l'ho mai sentito affrontare argomenti di carattere tecnico, mai. Solo dichiarazioni di stampo legislativo.
Come diceva Moretti:Gentiloni, dì qualcosa di tecnico.
Commento # 10 di: NickOne pubblicato il 24 Maggio 2007, 23:24
I RAI sono più di 11.000 dipendenti!!!

Non serve aggiungere altro.

: (