Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Sorpasso del "liquido" sul CD nel 2012?

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 31 Marzo 2011, all 12:33 nel canale SOFTWARE

“Secondo un'analisi di mercato di "Stategy Analytics" nel 2012 avverrà il sorpasso storico delle vendite di "musica liquida" nei confronti del tradizionale CD. Gli Stati Uniti dovrebbero essere il primo paese in cui avverrà la "sverniciata"”

"Elementare, Watson!", direbbe Sherlock Holmes al suo amico medico. Nel 2012 potrebbe arrivare la fine del mondo :-), così come lo storico sorpasso delle vendite di "musica liquida" (la musica acquistata e scaricata da internet) nei confronti dei tradizionali CD. Secondo quanto pubblicato da un'analisi di "Strategy Analytics" le vendite di supporti fisici crolleranno del 40% nel periodo 2010 - 2012, con un fatturato che rischia di scendere dai 3,8 miliardi dollari del 2010, a 2,7 miliardi di dollari.

Il mercato online (con iTunes in testa) continuerà invece la sua inesorabile crescita, raggiungendo i 2,8 miliardi di dollari nel 2012, momento in cui dovrebbe avvenire appunto lo storico sorpasso, che vedrà protagonista in primis il mercato statunitense, per poi coinvolgere il resto del mondo. Il tutto in un contesto di complessiva contrazione del mercato musicale, visto che nel 2011 è previsto un fatturato globale di 6,2 miliardi di dollari, mentre nel 2012 non si dovrebbe andare oltre i 5,5 miliardi. Insomma, brutte notizie per le major discografiche che in tutto ciò non sembrano ancora avere le idee chiare sul futuro e continuano a perseverare con strategie e approcci al mercato (vedi ad esempio la questione delle licenze e dei diritti d'autore ancora protette a livello nazionale) a dir poco anacronistici!

Fonte: Strategy Analytics



Commenti (22)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: leddlazarus pubblicato il 31 Marzo 2011, 13:35
bene...

cosi' l'autore potrà essere in grado di vendere autonomamente le clip senza allungare la filiera ed i costi.

dal produttore al consumatore.
Commento # 2 di: the_real_redeagle pubblicato il 31 Marzo 2011, 13:37
Brrr, rabbrividisco.
Per me la musica, così come i film e i videogiochi, è un qualcosa da COLLEZIONARE: io GODO nel possedere il CD originale, il DVD (o BluRay) e la confezione (magari in edizione Collector) di quei pochi giochi che mi interessano...

Il digital delivery è sicuramente comodo, ma non mi piace che rimpiazzi completamente i media fisici.
Commento # 3 di: Notturnia pubblicato il 31 Marzo 2011, 13:48
terrificante come sia facile accettare questo scempio che viene fatto della musica..

se parliamo del digital delivery per i programmi dei pc ok.. anche dei giochi.. ma non della musica e dei film..

continuerò a comprare BD e CD perchè non è solo bello vederli li.. ma per la qualità di quello che c'è dentro..

paragonare un MP3 con un CD è .. osceno.. idem un BD collectors edition con un filmato scaricato dalla rete.. il signore degli anelli in BD e il suo omologo MP4 ? -.-

sob.. come è facile accettare compromessi sempre peggiori in virtù di.. cosa ?.. maggior semplicità nel rubare online ? -.-

vabbè.. continuo con i miei supporti fisici..

p.s. anche i giochi che mi piacciono (CIV V per esempio) li ho con le loro belle scatole da collezione.. sarò vecchio.. ma mi piace vedere qualcosa sugli scaffali.. e non solo NAS e HDD :-D
Commento # 4 di: cicico pubblicato il 31 Marzo 2011, 15:15
Non vedo cosi drammatica la cosa, anche perchè probabilmente,per molte persone la qualità liquida attuale è sufficiente. Sarebbe auspicabile invece ci fosse la possibilità, per chi lo apprezza,anche ad un prezzo leggermente più alto, di avere tracce lossless, che anzi se fossero da master originali potrebbero avere qualità anche superiori all'attuale CD. Certo che con la velocità delle reti attuali....
Commento # 5 di: Notturnia pubblicato il 31 Marzo 2011, 15:44
beh.. se ci fosse la possibilità di avere tracce lossless sarebbe carino.. ma il supporto fisico resta una cosa speciale..

diciamo che ne sentirei meno la mancanza se potessi avere la stessa qualità su una chiavetta usb.. ma...

ora come ora un lettore CD legge un CD meglio di quanto un ampli legga la sua chiavetta usb..
Commento # 6 di: Gian Luca Di Felice pubblicato il 31 Marzo 2011, 16:01
Originariamente inviato da: Notturnia
ora come ora un lettore CD legge un CD meglio di quanto un ampli legga la sua chiavetta usb..


Su questo non sono assolutamente d'accordo!!!...anche se semplificare con ampli che legge la chiavetta usb non è proprio corretto...visto che serve sempre e comunque un DAC
La musica liquida (non parlo di MP3, ma di codifiche lossless) ha - tanto per cominciare - due grandi vantaggi: scompare la variabile meccanica + si può avere maggiore risoluzione rispetto al CD (ovvero siamo a livelli di SACD e DVD Audio). Ancora poca roba disponibile in tal senso, ma sta man mano crescendo l'offerta: https://www.hdtracks.com/

Ovviamente andrebbe approfondito il discorso, ma posso assicurarvi che sono anni ormai che non uso più i CD per l'ascolto (ne acquisto ancora, ma la prima cosa che faccio è ripparli e codificarli in FLAC per poi riporli nell'armadio) e non rimpiango minimamente la cosa sia in termini di praticità che di qualità!

Gianluca
Commento # 7 di: the_real_redeagle pubblicato il 31 Marzo 2011, 21:43
Anche io faccio come te, Gianluca. Compro il CD, lo estraggo con EAC in WAV + CUE (non compresso, non ho problemi di spazio) e successivamente lo estraggo/converto in AAC 128Kbps per ascolto su iPod...
Ciò non toglie che sono IO a decidere di muovermi in questo modo, ma il supporto fisico lo voglio sempre e lo tengo in bella mostra nelle colonnine porta CD.
Commento # 8 di: Ziggy Stardust pubblicato il 31 Marzo 2011, 22:45
C'è ancora molta confusione commerciale e mentale riguardo la liquida, molti sono ancora convinti che la 'liquida' si fermi agli mp3 mentre invece si viaggia su risoluzioni del calibro dei 192/24 rispetto ai 'semplici' 44,1/16 del classico cd con performance ineguagliabili anche per i SACD e XRCD (per me superiori ai SACD).
C'è poi da considerare il 'come' riprodurre questi file e qui entrano in gioco i DAC (con entrate USB, Ana, Coax) da collegare ai tradizionali cdp...e i music server tipo Olive (che è una macchina a se ed è un ibrido tra lettore cd e music server), Marantz NA7004, Linn che si collegano anche in wi-fi.
Per ora oltre la confusione regnano sovrani i prezzi spropositati per gli accrocchi più evoluti che imho sarebbe meglio investire in ottimi supporti cd fisici in attesa di tempi migliori.

p.s.: per la cronaca le pennette usb non vengono lette solo dagli ampli ma anche dai lettori cd, per es. Denon 2010 e meglio ancora il Marantz CD6003-8003-Ki.Lite che leggono anche file lossless come wawe e con qualità al 95% pari a quella del cd originale.
Commento # 9 di: valebon pubblicato il 31 Marzo 2011, 23:19
Mah secondo me è più che altro una questione generazionale. Io sono legato ai miei 1200 CD ed ai miei 1000 LP (che i giovani sotto i 20 praticamente non sanno neanche cosa siano), per mio figlio di 14 anni il supporto fisico è solo un mezzo da rippare il prima possibile su chiavetta o sull'iPod.

Anyway non ne farei una tragedia: CD o USB, l'importante è che la registrazione (e la riproduzione) siano di qualità; quello che mi spaventa è che la grande massa - ora non vorrei apparire snob - non ha la più pallida idea di cosa sia l'alta fedeltà

byezz
Commento # 10 di: grezzo72 pubblicato il 01 Aprile 2011, 10:04
io sono favorevole alla musica liquida, ovviamente se si differenzia tra MP3, file wav a 44.1/16 e file loseless a 192/24....anzi non vedo perchè i negozi fisici non possano evolversi nel vendere questi file magari offrendo delle postazioni dove collegare le proprie penne USB e caricarci sopra la i dischi/file/formato che si vuole per mezzo di postazioni fai-da-te con pagamento POS/carta!

quoto Ziggy sulla confusione che c'è ancora nel mercato degli accrocchi per leggere la musica liquida!
auspico che si sviluppino maggiormente le macchine ibride tipo olive o squeezebox con DAC incorporato o che i CDP abbiano tutti gli ingressi digitali per essere sfruttati come DAC esterni.

PS: in USA l'anno prossimo ci sarà anche il sorpasso, ma qui da noi mi pare siamo ancora molto lontani anche da un semplice pareggio!
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »