Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Sony: il VOD non è ancora una minaccia

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 09 Giugno 2008, all 11:36 nel canale SOFTWARE

“Nel corso di un'intervista rilasciata al New York Times, il Presidente di Sony Howard Stringer ha fatto il punto sui servizi di download dei film via web dichiarando quanto sia prematuro ipotizzare che possano soppiantare il Blu-ray”

Interrogato dal New York Times, il CEO di Sony Corporate Howard Stringer ha espresso la sua opinione per quanto riguarda i servizi di Video On Demand via web, che potrebbero dare del filo da torcere alla crescita del mercato Blu-ray. Secondo Stringer, Internet non è ancora pronta per soppiantare un supporto HD e, nello specifico il Blu-ray, a causa dell'attuale lentezza delle connessioni. Il riferimento è in particolare al mercato statunitense: "Non credo che in questo paese il download possa essere competitivo", ha dichiarato Stringer.

Se Stringer la pensa in questo modo a proposito degli Stati Uniti, figuriamoci per quanto riguarda l'Europa e l'Italia in particolare! Il capo di Sony ha poi aggiunto che attualmente le infrastrutture non consentono alla maggior parte degli americani di scaricare velocemente contenuti HD via web, con tempi che possono richiedere dalle 10 alle 14 ore, a seconda degli abbonamenti (e del relativo bit-rate di connessione disponibile, n.d.r.).

Ad essere onesti, condividiamo il pensiero di Stringer, però la realtà è che il VOD per ora sta andando in un'altra direzione: la maggior parte dei contenuti è in SD e utilizza algoritmi di compressione molto efficienti (vedi DivX o WMV o Flash) ed il poco HD è a 720p con bit-rate molto basso che non richiede di certo quei tempi. Il problema semmai è che la massa non sembra percepire grandi differenze di qualità (o meglio interessa poco) e pur di non dover uscire di casa a noleggiare il film e poter accedere ai contenuti comodamente da telecomando potrebbe sempre più accontentarsi del VOD via web. Noi speriamo ovviamente che non sia così e crediamo ancora fermamente nella necessità di un supporto di qualità, ma quanto successo nel mercato musicale con la diffusione del Mp3 insegna e se non ricordo male Sony, ai tempi, si espresse in maniera molto simile...

Fonte: New York Times



Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: PDL pubblicato il 09 Giugno 2008, 13:43
Per contrastare meglio VOD, il blu-Ray deve puntare al massimo sulla qualità e su prezzi sostanzialmente allineati, così da spingere chi paga a scegliere il Supporto Fisico, se fossi in loro metterei 90 (1 ora e mezza) su 50GB invece di 25 (un 4 strati per un film di 3 ore ) e cercherei di puntare al massimo sullo sviluppo di algoritmi efficienti da implementare in futuro.
Un ' altro problema del Vod, che va a favore di SONY è che più si diffonde, più dura sarà per le società che gestiscono i sever con i film gestire il traffico internet.
Commento # 2 di: Dave76 pubblicato il 09 Giugno 2008, 14:14
Per me l'unico settore che può sentirsi minacciato dal VOD è il noleggio...tutti gli altri non hanno di che preoccuparsi....