Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Netflix rimuove circa 1800 titoli

di Nicola Zucchini Buriani, pubblicata il 03 Maggio 2013, all 10:10 nel canale SOFTWARE

“Il popolare portale di streaming VOD statunitense ha aggiornato in questi giorni il proprio catalogo, eliminando moltissimi titoli a causa di questioni legate ai diritti”

Lo scorso 1 Maggio, Netflix - il più noto e utilizzato tra i servizi di streaming VOD, seppur non ancora disponibile in Italia -  è intervenuto sul proprio catalogo eliminando circa 1800 titoli precedentemente disponibili. Tra quelli degni di menzione si possono citare alcuni film classici di James Bond (come Goldfinger), le 15 stagioni di South Park e diversi film classici di Warner Bros. L'eliminazione è dovuta al lancio di Archive Instant, un servizio in streaming di proprietà della stessa Warner (accessibile previo il pagamento di un canone di 10 dollari al mese), finalizzato proprio alla visione di contenuti rari e di difficile reperimento, i cui diritti appartengono ovviamente alla major statunitense (anche se la major ha, ad onor del vero, negato ufficialmente che via sia un nesso).

Netflix ha rilasciato un comunicato ufficiale per esprimere la propria posizione sul punto: ”La maggior parte dei titoli rimossi mercoledì sono vecchi classici che erano stati inseriti tramite gli accordi con Epix (trattasi di un canale via cavo a pagamento, n.d.r.). Recentemente abbiamo aggiunto molti titoli recenti, come ParaNorman (Universal), Hunger Games (Epix), Safe (Epix) e Bachelorette (Weinstein). Domani aggiungeremo anche Mission Impossible: 2, oltre a molti altri titoli”.

Secondo il sito InstaWatcher, che raccoglie i titoli aggiunti e rimossi da Netflix, la rimozione dei numerosissimi titoli di catalogo è dovuto alla scadenza degli accordi con major come MGM, Warner Bros. e Universal. Pur non essendo ancora un servizio accessibile dall'Italia (almeno ufficialmente), la questione legata alla gestione dei diritti appare ancora una volta centrale: da una parte abbiamo il web come simbolo dell'abbattimento delle barriere territoriali, dall'altra norme commerciali e legislazioni sui diritti che rimangono ancora ancorate ad anacronistiche protezioni territoriali, con i fornitori di servizi spesso costretti a negoziare l'acquisizione dei diritti nazione per nazione. Questo comporta notevoli ritardi, oppure addirittura l'impossibilità di accedere ai servizi da parte degli utenti, solo perché residenti in Italia, in Germania o in Giappone, piuttosto che negli Stati Uniti (o viceversa). Per non parlare poi dei singoli accordi con i detentori dei diritti, a colpi di esclusive, che rischiano di frammentare l'offerta, costringendo gli utenti a sottoscrivere abbonamenti diversi per poter usufruire di uno specifico catalogo di film o seguire una serie televisiva.

Ora, lungi da noi immaginare una gestione dei contenuti in streaming in regime di monopolio, con un unico portale di servizi detentore esclusivo di tutti i diritti, ma piuttosto una sana concorrenza in grado di poter acquisire i diritti con regole e costi chiari per tutti. Poi sarà ad ognuno di noi decidere liberamente se sottoscrivere un abbonamento con Netflix, piuttosto che Hulu o Vudu, Cubovision, Chili o Premium Play (per citare anche piattaforme disponibili in Italia) sulla base della qualità dei servizi o specifiche scelte editoriali. Non solo le limitazioni territoriali andrebbero superate quanto prima, ma anche la questione degli accordi sui diritti merita una riflessione: possibile che un abbonato a Netflix si ritrovi da un giorno all'altro con 1.800 titoli di catalogo in meno e che nessuno possa farci nulla? (se non magari decidere di non rinnovare l'abbonamento il mese successivo?) 

Per maggiori informazioni: notizia su CBC News

Fonte: CBC News



Commenti (6)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: sigpilu pubblicato il 03 Maggio 2013, 11:03
Questo è uno dei motivi per cui continuo a diffidare di questo genere di servizi e preferire di gran lunga la copia fisica dei film: una volta che ne hai acquistata una è tua e nessuno può sfilartela da sotto il naso...
Commento # 2 di: gg74 pubblicato il 03 Maggio 2013, 12:33
La cosa triste e' che l'unico abbonamento online che da un catalogo piu' o meno completo e' quello a emule...

Per la musica apple piu' o meno ce l'ha fatta, se vogliono vendere di piu' ste major cinematografiche dovranno necessariamente rilassare le loro pretese (5 o piu' euro a film li trovo assurdi) e soprattutto questa lotta di piattaforme... non mi risulta ci siano grossi problemi a comprare su amazon store, microsoft store, google store o itunes l'ultimo disco dei RHCP, perche' deve essere impossibile che lo stesso film sia disponibile su netflix e sto effimero nuovo servizio di warner bros?
Commento # 3 di: gio1981 pubblicato il 03 Maggio 2013, 19:35
ma Bluray tutta la vita !!!!chi li vuole sti file !!
Commento # 4 di: MDL pubblicato il 04 Maggio 2013, 17:53
Io ad esempio
Commento # 5 di: mauromol pubblicato il 07 Maggio 2013, 09:42
Come disponibile in Italia segnalo Acetrax Movies: ottimo funzionamento sia per i film SD che HD (su ADSL 10Mbit/s con Asus O!Play TV Pro), ma catalogo ancora una volta piuttosto limitato.
Commento # 6 di: alexdal pubblicato il 03 Giugno 2013, 10:57
La situazione in America e' molto meglio che in Italia. Con due o tre abbonamenti ad un prezzo di una ventina di dollari (che sono equivalenti a 12 euro che valgono negli usa come meno di dieci euro. hai un signor servizio.
In Europa con la frammentazione dei diritti o ti danno pochi titoli o viene a costare tanto.

Basta vedere I simpsons, benche' siano prodotti dalla FOX la fox non li puo' trasmettere in Italia se non 8 anni dopo messa in onda.
...o dr house o mille altri.