Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

L'HD cresce più velocemente del DVD

di sabatino pizzano, pubblicata il 28 Gennaio 2008, all 15:03 nel canale SOFTWARE

“Da una ricerca condotta da Display Search è emerso come, in realtà, tenendo il considerazione i rispettivi cicli di vita, l'alta definizione abbia fatto registrare una crescita maggiore rispetto a quanto avvenuto per lo standard DVD”

L'alta definizione stenta a decollare. Le vendite di titoli HD sono briciole rispetto alla controparte su DVD. Tutte proposizioni vere, ma, secondo quanto emerso dall'ultima ricerca di mercato condotta da Display Search, tali considerazioni sono "miopi", e rischiano di diventare dei "luoghi comuni".

Paul Erickson, direttore della divisione inerente le ricerche di mercato su DVD e HD di Display Search, ha dichiarato che, se si tiene in considerazione il ciclo di vita delle due categorie, e quindi andando a spulciare come andava il mercato dei DVD a quasi due anni dalla sua introduzione, si può notare come, contrariamente a quanto viene un pò da tutti asserito, il mercato dell'alta definizione viaggi a tassi di crescita più elevati rispetto a quanto fatto registrare a suo tempo dallo standard DVD.

Secondo lo stesso Erickson, la motivazione di tale maggiore crescita, a differenza di quanto molti sostengono, va ricercata nella lotta tra i due formati rivali, HD DVD e Blu-Ray, la quale, in meno di due anni ha visto il prezzo dei player quasi dimezzarsi. Ai tempi del DVD, invece, non ci fu alcuna "lotta", e i prezzi si mantennero pressoché costanti per un periodo di tempo più lungo. Durante le ultime settimane del 2007, infatti, un lettore Blu-ray si è potuto acquistare per meno di 300 dollari, contro i 500 dollari di inizio anno, mentre un lettore HD DVD è stato in vendita addirittura a 99 dollari.

In più, non sono mancate in questi ultimi mesi offerte combinate di display Full HD e di player HD, le quali, nel corso di questo 2008, si prevede possano moltiplicarsi. Anche questo fattore - fa notare Erickson - non si è avuto con la diffusione dello standard DVD e potrebbe rappresentare un ulteriore traino per la crescita del mercato dell'alta definizione.

Fonte: Display Search



Commenti (15)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Bonfire pubblicato il 28 Gennaio 2008, 15:18
Bé in realtà c'è una differenzia sostanziale e cioé che i lettori HD sono retrocompatibili con i dvd mentre questi ultimi non lo erano con le vhs. Se anche un consumatore acquistasse per errore un lettore HD (BD o HD-DVD) per vedere dei dvd, non se accorgerebbe neanche. Ed ora che anche i prezzi dei lettori HD sta scendendo accorgersi delle differenze sarà ancora più difficile se non impossibile...
Commento # 2 di: TheRaptus pubblicato il 28 Gennaio 2008, 15:21
E? da auspicarsi un incremento maggiore ora che (pare) ci sia un vincitore nella lotta tra formati?

Perchè pare che WB abbia fatto la sua scelta per sbloccare la situazione: troppi utenti aspettavano uno standard imporsi prima di investire (spendere) e non buttar via soldi. In una delle ultime news mi pareva di capire che (leggendo tra le righe) si era venduto meno HW di prima: un piccolo aumento di blu ma un crollo dei HD.
http://www.avmagazine.it/news/sorge...u-ray_2906.html
Commento # 3 di: Lucagfc pubblicato il 28 Gennaio 2008, 15:26
Questi dati mi sembrano quanto mai inutili. Sono cambiate talmente tante cose in quest anni che non ha senso fare un raffonto.

1) Oggigiorno la tecnlogia ha preso molto piu piede di una volta. 10 anni fa anche tra gli utenti medi, se si avevano 100 mila lire da spendere in piu, si comprava un vestito o cose simili. Oggi invece si preferisce acquistare un bene tecnologico.

2) Quoto Bonfire, un player DVD non leggeva VHS mentre gli attuali lettori leggono anche i DVD normali quindi un utente medio che se lo può permettere se deve cambiare lettore DVD non prendere un lettore DVD ma un BD o un HD-DVD. L' utente medio non sa nemmeno delle differenze che ci sono nella riproduzione dei DVD tra lettore e lettore e prefersce acquistare un oggetto capace di svolgere piu funzioni senza interessarsi poi di come queste funzioni sono svolte (la qualità sostanzialmente)

3) Quando c' era il VHS la stragrande maggioranza delle persone non le comprava ma le noleggiava. Non c'era ancora (se non per una nicchia di appassionati) il concetto di collezzionare film pertanto subito i DVD non vendevano molto. Negli anni c'è stato un aumento epsonenziale di persone che oltre a vedere un film desidera poterlo avere sempre a disposizone e creare una collezione. Questo aiuta molto la diffusione dei format HD (ache se di fatto un utente medio difficilmente acquista un BD o un HD-DVD di un film che ha già
Commento # 4 di: GIANGI67 pubblicato il 28 Gennaio 2008, 15:27
Credo che Bonfire abbia centrato l'obiettivo con la sua risposta,ossia la retrocompatibilita' dei nuovi players con i classici dvd.Agli albori,il lettore dvd era veramente un oggetto nuovo,rivoluzionario,cosi' come rivoluzionario era il supporto rispetto al vhs.
Commento # 5 di: DartDVD pubblicato il 28 Gennaio 2008, 16:05
Per come la vedo io (che ormai mi sono buttato anima e corpo nell'HD) non ci sarà mai-e-poi-mai una corsa all'alta definizione analogia a quella che ci fu verso il DVD. Alla grande massa, semplicemente, non interessa. Per gli appassionati come me, che finalmente si possono portare la -pellicola- in casa, è un altro discorso ma, per gli utenti casuali, il DVD va benissimo... ahinoi.

In futuro, però, credo che il passaggio all'HD avverrà lo stesso, anche se solo per ragioni fisiologiche, ovvero il calo di prezzi, la retrocompatibilità dei lettori e la compatibilità, ormai intrinseca, di TUTTI i nuovi televisori. Tre ragioni che, insieme, costituiscono un cavallo di troia -quasi- infallibile. A mio parere, a un certo punto il grande pubblico comprerà i Bluray senza nemmeno rendersene conto (almeno in un certo senso) e senza nemmeno aver capito la reale differenza dal DVD. Lo comprerà perchè i dischi e la tecnologia per leggerli verranno infilati ovunque e ad un prezzo conveniente, non per un reale bisogno di alta definizione.
Commento # 6 di: mikke pubblicato il 28 Gennaio 2008, 16:38
quoto DartDVD
progressivamente spariranno i DVD in SD e ci saranno solo Blu-Ray (e forse HD DVD?) ma questo solo perché le ditte hanno bisogno di vendere qualcosa, sia essa davvero utile o no. Ma mentre con il passaggio da VHS a DVD c'era un notevole miglioramento, ora con il passaggio alla HD tutto sto miglioramento non lo vedo proprio...
Commento # 7 di: GIANGI67 pubblicato il 28 Gennaio 2008, 16:41
Piu' che altro prima era possibile comprendere il miglioramento da vhs a dvd utilizzando lo stesso display e gli stessi ingressi di prima,adesso e' purtroppo necessario investire somme anche importanti per cogliere appieno le migliorie.
Commento # 8 di: Sabatino Pizzano pubblicato il 28 Gennaio 2008, 16:55
Originariamente inviato da: DartDVD

In futuro, però, credo che il passaggio all'HD avverrà lo stesso, anche se solo per ragioni fisiologiche, ovvero il calo di prezzi, la retrocompatibilità dei lettori e la compatibilità, ormai intrinseca, di TUTTI i nuovi televisori. Tre ragioni che, insieme, costituiscono un cavallo di troia -quasi- infallibile. A mio parere, a un certo punto il grande pubblico comprerà i Bluray senza nemmeno rendersene conto (almeno in un certo senso) e senza nemmeno aver capito la reale differenza dal DVD. Lo comprerà perchè i dischi e la tecnologia per leggerli verranno infilati ovunque e ad un prezzo conveniente, non per un reale bisogno di alta definizione.


perfettamente d'accordo.
Commento # 9 di: naponappy pubblicato il 28 Gennaio 2008, 17:26
Certo che per i gusti italiani l'HD non serve a molto e non mi stupisce che il mercato da noi sia inesistente (praticamente tutti quelli che comprano HD li trovi in questo forum o su Af...).
Da Cinematografo.it:
Federico Moccia superstar al botteghino italiano. L'adattamento del bestseller Scusa ma ti chiamo amore, diretto dallo stesso scrittore e interpretato da Raoul Bova e Michela Quattrociocche, conquista la vetta degli incassi al debutto in sala con 4.629.286 euro e l'eccellente media per copia di 9.428 euro. Dietro Scusa ma ti chiamo amore, il vuoto: distante oltre due milioni e mezzo di euro, sul secondo gradino del podio è American Gangster di Ridley Scott, con Denzel Washington e Russell Crowe, che realizza 2.053.404 euro

Questa la situazione al cinema. In TV il velo pietoso si è incollato allo schermo da tempo e non so quale sia ora la situazione...
Commento # 10 di: bradipolpo pubblicato il 28 Gennaio 2008, 17:55
non capisco cosa c'entrino i gusti cinematografici degli italiani con la diffusione della tecnologia ad alta definizione
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »