Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

In arrivo supporti da 5TB?

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 28 Dicembre 2007, all 10:57 nel canale SOFTWARE

“In occasione del prossimo CES di Las Vegas, l'israeliana Mempile Inc. presenterà un nuovo supporto simil DVD/CD in grado di immagazzinare fino a 500GB di dati che in pochi anni potranno diventare 1TB ma anche 5TB”

Il Consumer Electronic Show di Las Vegas sarà l'occasione per l'israeliana Mempile Inc. per presentare al grande pubblico il suo supporto da 500GB. Questi inediti supporti, in classico formato CD/DVD, sono realizzati in polimeri con proprietà simili a quelle del Plexiglas e nel giro di pochi anni sarà possibile raddoppiare la capacità di stockaggio dati, arrivando fino a 1TB, per poi spingersi fino a 5TB e oltre 200 strati per disco. Questo tipo di supporti è soprattutto indicato per grandi aziende con necessità di grandi quantità di spazio per i backup, ma l'azienda israeliana punterebbe invece al mercato dell'elettronica di consumo.

Secondo quanto dichiarato dall'azienda, infatti, l'obiettivo è quello di poter diventare il supporto privilegiato per i contenuti ad altissima risoluzione della prossima decade. Se oggi 25 o 50GB possono sembrare sufficienti per riprodurre film in alta definizione, in un prossimo futuro, l'ulteriore inevitabile aumento di risoluzione richiederà supporti molto più performanti. Secondo gli analisti, entro 10 anni, la risoluzione dei contenuti aumenterà di 10 volte rispetto agli attuali 1920 x 1080. Se tecnicamente questi sono traguardi straordinari, commercialmente questa corsa alle novità in tempi sempre più brevi ci lascia un pò perplessi...

Fonte: HDTV UK



Commenti (8)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Vince 15 pubblicato il 28 Dicembre 2007, 11:25
Non riesco ad immaginare un video con una risoluzione 10 volte la 192x01080. Sarà come guardare la realtà con i propri occhi? Che bella la tecnologia.

Però con l'aumento della capacità occorre migliorare anche la velocità di trasferimento...
Commento # 2 di: vincent89 pubblicato il 28 Dicembre 2007, 11:50
Ma dai.... per uso domestico la risoluzione 1920x1080 è più che soddisfacente. Basti pensare che già su un 42 vedere un film a 720p o 1080p a distanza di visione non cambia moltissimo. Quindi alla fine per apprezzare le alte risoluzioni servono grandi monitor. Ricordiamoci che per la massa è già grande un 42
Alla fine questi supporti verranno utilizzati principalmente per il backup.
Commento # 3 di: kellone pubblicato il 28 Dicembre 2007, 12:27
Effettivamente avere in un solo disco la trilogia del Signore degli anelli in HD, con tutti i crismi associati ed allegati, oppure la saga del maghetto ecc. non sarebbe affatto male.
Immagino anche dei dischi tutto disney, tutto pixar.....

Ma anche per rimanere nel pratico di tutti i giorni, immagino i filmati delle vacanze girati in full HD e non compressi.... un ingombro da record.
Commento # 4 di: jedi pubblicato il 28 Dicembre 2007, 12:45
Giudizi

vorrei ricordare che per avere un vero surrogato del cinema ,non e' sicuramente il tv(anche se full hd),ma il proiettore(possibilmente superiore ai 100 pollici,e full hd)
Solo con questo si possono stabilire i limiti del software.
P.s. Ho visto al top audio un Lcd da 80pollici(con il b-ray 300),e poi rivisto a casa con il Jvc Hd1e' tutta un altra cosa
Mandy
Marco
Commento # 5 di: cobracalde pubblicato il 28 Dicembre 2007, 12:52
jedi, cerchiamo di rimanere in topic. Non cominciamo con la guerra TV vs VPR.
Commento # 6 di: corgiov pubblicato il 28 Dicembre 2007, 15:44
Ieri sera stavo preparando il mio primo DVD-Video con un sottomenu per i capitoli. Non l'avevo mai preparato.
Inizialmente, Nero Vision m'indicava più di 10 Giga (si rifiutava di dimenticarmi quanto realmente avrebbe indicato). Poi ho cambiato le impostazioni, e sono riuscito ad inserire il film di due ore nel vecchio DVD.
Il perché di questo racconto? Se avessi avuto a disposizione uno di questi dischi, oltre ad uno spazio equivalente di HDD, non mi sarei posto il problema.

L'altro giorno ho riempito una borsetta porta dischi e ne ho quasi riempita un'altra. Se avessi uno di questi dischi, potrei inscatolare tutte le centinaia di DVD e CD che ho, una volta copiate in un paio di dischi da 5TB.

A quando, però, un HDD da 5TB? Sempre che non potrò copiare direttamente tutti i miei dati su questi dischi, senza passare per l'Hard Disk. Futuristico? Oramai, sono in arrivo!
Commento # 7 di: maurice74 pubblicato il 28 Dicembre 2007, 16:55
ummmm

niente di nuovo per gli utenti, già siamo passati dal floppy al cd e dal cd al dvd...
ma abbiamo davvero visto diminuire il numero di supporti ?
io personalmente sono passato da centinaia di floppy a giro per l'ufficio a centinaia di cd e prossimamente a centinaia di dvd...perchè con questi supporti dovrebbe essere diverso ?
comunque sono favorevole, non tanto per la reale utilità del sistema, ma per lo sviluppo associato che si ripercuoterà su tante altre cose

come dire che il 90% delle cose che fa Excel comprat ieri le faceva anche Louts 123 ma senza tutto l'intorno, e principalmente la miniaturizzazione, tante delle cose che vediamo oggi nn ci sarebbero mai state.

però sarei curioso di sapere il principi fisico di questi nuvi supporti
Commento # 8 di: corgiov pubblicato il 29 Dicembre 2007, 12:52
Il principio fisico dovrebbe essere la [U]trasparenza[/U].
Vi sono due principali filosofie al riguardo. Secondo alcuni, rendendo più trasparente il disco, è possibile aumentare lo spazio immagazzinabile.
Secondo altri, aumentando la trasparenza, il disco perde in qualità. Come diretta conseguenza, si deve aggiungere uno strato di qualche materiale conservante oppure cambiare il colore del laser (vedi i dischi a laser blu).
Un'azienda, la YASHI, riuscì a sfruttare questo principio con i CD. Appoggiavo il CD di quest'azienda sul vassoio del masterizzatore. Il masterizzatore era all'interno del PC. Il PC era appoggiato sulla scrivania. Io vedevo perfettamente il pavimento. Il disco era traslucido (effetto simile a quello che si vede nel film Contact quando la Foster sta per partire nel viaggio nello spazio). Purtroppo, questi dischi scomparvero rapidmente dal commercio.
Un particolare: i dischi da 74 minuti non erano traslucidi, solo quelli da 80.
L'azienda israeliana della news credo abbia sfruttato un sistema simile, spostandosi però dai semplici 700 Mega di un CD ai 500-5.000 Giga.