Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Il ritorno del DVD che si autodistrugge

di sabatino pizzano, pubblicata il 06 Giugno 2008, all 08:41 nel canale SOFTWARE

“Sperimentato con scarso successo alcuni anni fa, Flexplay Entertainment torna alla ribalta annunciando il ritorno del DVD che si autodistrugge dopo 48 ore, ad un prezzo stimato compreso tra i 4 e i 6 dollari a titolo”

Quella del DVD che si auto-distrugge dopo 48 dalla sua apertura non è di certo una novità assoluta. Questi infatti sono già apparsi sul mercato diversi anni fa (per la prima volta nel 1998), e sono stati disponibili per circa 5 anni. La loro adozione è stata scarsa da parte del pubblico, anche per via del costo richiesto per questo tipo di soluzione sensibilmente più elevato rispetto al videonoleggio.

Questa soluzione è pensata proprio come alternativa al canonico videonoleggio. La sua comodità consiste nella possibilità, una volta acquistato il DVD in questione, di visionarlo anche a distanza di mesi dall'acquisto, senza la necessità di dover tornare alla videoteca e procedere alla sua restituzione. Questo è possibile grazie all'adozione di alcuni materiali particolari che, a contatto con l'ossigeno, generano una reazione chimica che di fatto limita la vita del supporto a sole 48 ore dalla rimozione dei sigilli di chiusura, prima di divenire illeggibile.

Flexplay Entertainment, la società che ha lanciato questo sistema, ha annunciato il suo ritorno sul mercato con il rilascio di 26 nuovi titoli, con un prezzo previsto per l'acquisto inferiore rispetto a quanto si era avuto in precedenza, che varia dai 4 ai 6 dollari a seconda del titolo.

Per ulteriori informazioni: www.flexplay.com



Commenti (28)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: quiete pubblicato il 06 Giugno 2008, 08:53
non vorrei fare la solita polemica ambientalista... ma ormai l'ho fatta
Commento # 2 di: Sabatino Pizzano pubblicato il 06 Giugno 2008, 09:09
da campano, è la prima cosa a cui pensato anche io.
Commento # 3 di: gnomopol pubblicato il 06 Giugno 2008, 09:29
Nella mia città è da qualche mese che una piccola catena di videonoleggio ha reso disponibili film in tale supporto, e il costo è di 3 euro come il noleggio normale di un dvd.
Commento # 4 di: fanoI pubblicato il 06 Giugno 2008, 09:29
Allora al problema ambientale anche il costo non e` poco: 4-6 euro e poi si autodistrugge?

Pensate un po` che secondo un DVD vero dovrebbe costare quella cifra... altro che dischi che si auto distruggono

fanoI
Commento # 5 di: Uroboro pubblicato il 06 Giugno 2008, 09:31
altro che polemica ambientalista! è sacrosanto pensare a come una cretinata del genere sia assolutamente fuori dal mondo! ve lo immaginate se una cosa del genere avesse successo? è una vera follia..
Commento # 6 di: mcallan pubblicato il 06 Giugno 2008, 09:32
Originariamente inviato da: quiete
non vorrei fare la solita polemica ambientalista... ma ormai l'ho fatta
Lo stesso pensiero già dopo aver letto il titolo... spero solo che sparisca di nuovo..
Commento # 7 di: Trikkeballakke pubblicato il 06 Giugno 2008, 09:41
Nulla si crea e nulla si distrugge! Questa è una pensata che rasenta il patologico.....

Spero che il mercato se ne renda conto.
Commento # 8 di: blasel pubblicato il 06 Giugno 2008, 09:41
Esistono da anni aziende come ad esempio 'Cinema now' che ti consentono di scaricare, a pagamento, un film DVD e ti consentedi poterlo vedere per un tot numero di giorni, cosi come avviene per il noleggio, con la comodita' che non ti muovi da casa e non consumi nulla, non hai 'scart' di nessun genere etc etc

Questa e' un'alternativa all'acquisto, secondo me.
Commento # 9 di: Scandinavian Explorer pubblicato il 06 Giugno 2008, 09:44
Già...non ce n'è abbastanza in giro di plastica per il mondo....che questi idioti pensano bene di incrementare lo stupido e deleterio fenomeno dell'usa e getta...
Mi piacerebbe che gli rovesciassero in giardino una motrice di DVD avariati, poi forse capirebbero che disastri stanno incentivando...
Dove finiremo...poveri noi...

E poi...discorso ambientalista a parte, chi mi garantisce che alla 46esima ora il disco non si sta già mezzo distruggendo, che tutti i lettori riescano a leggerlo durante tutte le ore di vita, e che la qualità di visione resti invariata per tutto il periodo??
Allucinante.
Commento # 10 di: teto21 pubblicato il 06 Giugno 2008, 10:07
Ma chi se le inventa certe cose roba da pazzi
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »