Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Il punto sull'audio-video in Italia

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 09 Luglio 2008, all 17:53 nel canale SOFTWARE

“L'Univideo - Associazione Italiana Editoria Audiovisiva - ha pubblicato il consueto rapporto annuale sulla situazione del mercato italiano, evidenziando il crollo del noleggio, la consacrazione del DVD e la crescita del Blu-ray. Ma per l'alta definizione è necessario maggior impegno”

Come ogni anno si è svolta la conferenza stampa dell'Univideo, in cui è stato presentato il rapporto 2008 sullo stato del mercato dell'editoria audiovisiva in Italia. Il dato più significativo espresso dal rapporto riguarda il crollo subito dal noleggio con un secco -20% di fatturato, che viene in gran parte imputato alla diffusione della pirateria. L'intero comportato Home Video (noleggio e vendite) ha subito una flessione in termini di fatturato del 3,7%, un pò per la congiuntura economica che ha ridotto la spesa delle famiglie, un pò trainato dal trend negativo del noleggio. Il DVD si è confermato il leader incontrastato del mercato Home Video con vendite pari a 772 milioni di Euro di fatturato, dato che si traduce in un + 3% di vendite nei negozi e + 2% di vendite in edicola (canale che non ha più saputo ripetere il boom del 2005 e 2006). Di queste vendite il 58% è rappresentato naturalmente dai film, mentre arrivano al 10% le vendite di serie TV.

Per ciò che riguarda gli altri supporti, il 2007 ha confermato la fuoriuscita del VHS, il cui fatturato – sceso a soli 3 milioni di Euro – si è rivelato inferiore a quello sviluppato dai restanti prodotti (Blu-ray Disc e gli uscenti HD DVD e UMD). I supporti ad alta definizione hanno sviluppato un giro d’affari di 3.4 milioni di euro nel canale vendita – pari a 124 mila pezzi acquistati – trainati dalle performance del Blu-ray Disc. Data l’immissione ancora graduale di titoli ed il disorientamento creato dalla coesistenza di due supporti “rivali”, non leggibili con il medesimo hardware, tali risultati segnalano una positiva accoglienza dei supporti ad alta definizione, sia pure ancora circoscritta ai consumatori più sensibili alla qualità dell’audiovisivo e più preparati alle nuove tecnologie. 

Sempre secondo quanto dichiarato dal rapporto, lo sviluppo dell’alta definizione rappresenta una grande sfida per tutta la filiera dell’audiovisivo, che il mondo dell’Home Video appare pronto a sostenere. Pur in presenza di un ciclo economico non brillante, che ha penalizzato gli acquisti di beni ad elevato valore medio unitario, le vendite di TV e di lettori per l’alta definizione sono cresciute considerevolmente nell’ultimo periodo, a fronte di una debolezza della programmazione televisiva in alta definizione. L’Home Video può colmare questa carenza, consentendo ai consumatori di apprezzare le potenzialità della nuova dotazione tecnologica ed avviando un “circolo virtuoso”, a vantaggio di tutto il mondo dell’alta definizione. La survey mette in luce come tutti i principali editori audiovisivi siano pronti ad aumentare le uscite di titoli in Blu-ray Disc già nell’anno in corso. Affinché il prodotto possa affermarsi presso una platea più ampia e non rimanere ad appannaggio di pochi appassionati, è però necessario che, nell’attuale fase di lancio, tutti i principali operatori del mercato – dai produttori di hardware e di software, agli editori audiovisivi, ai distributori, ai videonoleggiatori – agiscano di concerto per promuovere l’alta definizione, facendone apprezzare le potenzialità ai consumatori e permettendo che l’aumento dei titoli editati si traduca in positivi risultati di vendita. Un’accelerazione più consistente dovrebbe caratterizzare l’ultima parte dell’anno in corso e consentire di contrastare la maturità del DVD. E’ peraltro da considerare come educare i consumatori alla qualità possa rivelarsi anche un deterrente allo scarico illegale di materiale audiovisivo, spesso di contenuto e qualità scadente, elemento molto importante per far sì che essi siano disposti a riconoscerle un premium price.

Passando ad esaminare i player in alta definizione, i dati GFK relativi ai primi nove mesi del 2007 evidenziano come il mercato sia ancora in fase di avvio, con il Blu-ray preponderante sui lettori HD DVD, con 1.217 pezzi venduti rispetto ai soli 496 dello standard rivale (per un valore di 338 mila Euro). Il prezzo medio, in forte discesa nel corso di quest’anno, si attestava sui 681 Euro per l’HD DVD (portando il valore del mercato relativo ai primi nove mesi dello scorso anno sui 338 mila euro) e sui 707 per il Blu-ray (per un fatturato di 860 mila Euro). Riguardo all’HD DVD, ai lettori stand-alone va aggiunto un venduto della console Xbox 360 pari ad oltre 267 mila pezzi nel triennio 2005-’07 (però non viene specificato quanti add-on HD DVD siano stati venduti). Decisamente più rilevanti le vendite della PlayStation3, che si configura come il principale strumento per la visione di software in alta definizione del nostro paese: a fine anno 2007 le vendite hanno superato in Italia i 273 mila pezzi, alle quali vanno sommati gli oltre 57 mila pezzi venduti nei primi tre mesi del 2008.

Per maggiori informazioni: rapporto Univideo 2008

Fonte: Redazione



Commenti (10)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: MauMau pubblicato il 09 Luglio 2008, 18:32
interessante, il dvd rappresenta il 99,2% del fatturato home video.
Bluray e HDDVD insieme lo 0,4%, [U]la stessa quota delle cassette VHS[/U].

Fossi in loro, qualche preoccupazione ce l'avrei ...
Commento # 2 di: Gian Luca Di Felice pubblicato il 09 Luglio 2008, 18:51
Sono dati 2007...si spera che le vendite Blu-ray siano un pò cresciute nel frattempo.

Vi linko i dati pubblicati in Gran Bretagna dalla BVA (equivalente britannica della nostra Univideo) dove dichiarano anche i dati relativi ai primi 6 mesi del 2008: il mercato HD (Blu-ray) è pari al 1,2% del totale, con una crescita rispetto all'anno precedente del 506%

http://www.bva.org.uk/content.asp?id=145577

Ciao a tutti!
Gianluca
Commento # 3 di: pyoung pubblicato il 09 Luglio 2008, 19:49
Originariamente inviato da: MauMau
Fossi in loro, qualche preoccupazione ce l'avrei ...

Come annotato anche da Gian Luca, sono dati dell'anno scorso ora le cose stanno cambiando, le cifre in ballo si sono strarivoluzionate in questi ultimi mesi
Commento # 4 di: Duke Fleed pubblicato il 09 Luglio 2008, 21:46
Aspettiamo i dati del 2008 per tirare le somme, vedremo se durante il periodo natalizio ci sarà il boom (IMHO no, in Italia i soldi per l'alta definizione nella famiglia media non ci sono, con quei prezzi è troppo un lusso o comunque un prodotto per appassionati...).
Commento # 5 di: glfp pubblicato il 10 Luglio 2008, 09:07
Hanno rotto con 'sta storia della pirateria ...

Certo che la gente parla sempre perchè deve parlare ..... per caso hanno verificato se il calo del noleggio è andato di pari passo con l'aumento degli abbonati a Sky ?

Io personalmente da quando ho Sky, e di più da quando ho MySky, ho diminuito del 99% l'uso della videoteca .... il restante 1% era legato all'unico film all'anno che meritasse di ascoltarlo in 5.1 .... ora da qualche mese con MySkyHD non c'è più bisogno neanche di quello ... qualità (quasi) BluRay con audio 5.1 perfetto !!

Commento # 6 di: MauMau pubblicato il 11 Luglio 2008, 00:00
Originariamente inviato da: Gian Luca Di Felice
Sono dati 2007...si spera che le vendite Blu-ray siano un pò cresciute nel frattempo.

Originariamente inviato da: pyoung
ora le cose stanno cambiando

Originariamente inviato da: Duke Fleed
Aspettiamo i dati del 2008 per tirare le somme
a forza di aspettare qui le cose iniziano a puzzare !
Hanno investito valanghe di soldi in protezioni fallimentari, poi si sono svenati in una guerra intestina ....
.... non è che forse hanno sopravvalutato la capacità del nuovo gioiello della tecnologia di vendersi da solo ?

Solo pochi mesi fa qualcuno prospettava uno scenario a fine 2008 in cui il BD sarebbe già diventato un prodotto a diffusione popolare
Finchè viaggiamo attorno a percentuali da una cifra la vedo dura.
Commento # 7 di: Duke Fleed pubblicato il 11 Luglio 2008, 07:55
Quoto al 100% MauMau e rimango pessimista riguardo allo sviluppo del Blu-Ray (e dell'alta definizione in genere) in Italia.
Dalle mie parti la diffusione è ridotta all'osso e ho la netta impressione che i titoli restino ad ammuffire sugli scaffali (chi è disposto a pagare 32,90 euro per un film?).
Conosco solo una persona che, forse, tra qualche mese (ma solo se saranno scesi i prezzi dei film" passerà al Blu-Ray.
Per il resto, buio profondo...
Molti dicono che il passaggio VHS-->DVD sia stato più lento di come si sta dimostrando quello DVD-->Blu-Ray, ma secondo me l'aria che si respira non è la stessa. Il DVD era visto come una rivoluzione, mentre il Blu-Ray mi pare sia stato inquadrato come un lusso per appassionati.
Da qui alla massificazione del formato, la vedo molto lunga...se mai massificazione sarà (l'ombra di Laserdisc, Betamax e SACD si sta allungando sul Blu-Ray... ).
Marketing e calo dei prezzi dei film (e iniziare a sparare i pezzi grossi dei cataloghi, al momento IHMO scarsi) o morte (o meglio ghettizzazione" del formato: io la vedo così, almeno in Italia.
L'unica alternativa è l'imposizione del formato dall'alto, ma non mi pare che le case si stiano muovendo in questa direzione (troppo rischioso, visto che il DVD continua a vendere tantissimo, anche se i margini di profitto immagino si stiano riducendo sempre di più.
Commento # 8 di: gattapuffina pubblicato il 11 Luglio 2008, 13:41
Originariamente inviato da: MauMau
Bluray e HDDVD insieme lo 0,4%, [U]la stessa quota delle cassette VHS[/U]


E nessuno ha fatto il ragionamento che si sta parlando di quote di fatturato ?

Il problema è che una VHS è venduta oggi attorno ai 4-5 euro, mentre un Bluray come minimo a 20, il che vuol dire che la quota di mercato reale, cioè numero di utenti che comprano e quanto comprano cadauno, è 4-5 volte inferiore alle VHS.

E, secondo lo stesso metro, si vede di quanto sia preponderante il DVD, visto che fa il 99,2% del fatturato dell'home video, ma il singolo pezzo viene venduto più o meno alla metà del prezzo di un Bluray.

E vogliamo parlare del fatto che sono stati venduti in Italia più o meno 120 mila film, in entrambi i formati HD, ma ci sono in giro ben 300 mila PS3 (il migliaio di lettori stand-alone praticamente non conta...) ? Anche se per assurdo, e non è così, fossero tutti Bluray, vorrebbe dire che i possessori di PS3 hanno comprato MENO di MEZZO film a testa!
Commento # 9 di: MauMau pubblicato il 11 Luglio 2008, 13:51
un'altra riflessione che sto facendo in questi tempi: si dice di aspettare Natale per vedere il boom del bluray.
Ma perchè si verifichi un boom ci devono essere alcune condizioni, quantomeno ci dovrebbe essere:
1- un sensibile miglioramento di qualità rispetto al dvd, facilmente percepibile da tutti
2- un prezzo adeguato

Sul primo punto siamo qui noi stessi a discutere se il miglioramento c'è o meno. Le nostre mogli (nonostante l'allenamento dato da decine di visioni con commento tecnico da parte nostra) nemmeno si accorgono se stanno vedendo un dvd o un BD.
Non parliamo della massaia di Voghera ...

Sul secondo punto siamo daccordo che 30 euro per un film sono troppi. Sicuramente il prezzo scenderà nel tempo, ma dubito che arrivi ai 20 euro (valore secondo me accettabile da una buona parte degli appassionati) entro Natale.

Sui lettori stand alone, poi, stendiamo un velo pietoso. Ma questa situazione la dice lunga sulla determinazione con cui i colossi dell'elettronica supportano l'HD. A loro basta un logo da mettere sui tv piatti per spuntare qualche euro in più.

Quindi, su quali basi si potrà verificare un boom ?

Una speranza potrebbe essere che Sony se ne esca con qualche coniglio dal cappello, investendo ancora altri soldi per far decollare il suo formato, rimandando almeno di altro anno il momento della vendemmia degli utili.

Quello che mi pare evidente è che hanno [U]molto[/U] sottovalutato il supporto di marketing al lancio sul mercato, illudendosi che tutti non aspettavano altro che questa nuova tecnologia per buttare dalla finestra tutti i loro dvd.
Perchè hanno avuta tanta fretta ?
Commento # 10 di: antani pubblicato il 11 Luglio 2008, 14:28
Prima ero attendista. Ora sono pessimista. Non credo che il blu ray prenderà mai piede, soprattutto in Italia.

Secondo me avrà un percorso simile al laserdisc: rimarrà un prodotto per appassionati per poi essere sostituito dalla prossima rivoluzione tecnologica. A differenza del laserdisc però non credo sarà sostituito da un altro supporto fisico, ma dal digital download.