Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Fox: Film in Digital HD prima dei Blu-ray

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 24 Settembre 2012, all 13:12 nel canale SOFTWARE

“20th Century Fox introduce anche in Italia il nuovo servizio Digital HD che consente di acquistare e scaricare i film da poter poi riprodurre su numerosi dispositivi multimediali HD. Ci saranno poi novità Home Video in formato Digital HD disponibili prima dell'uscita Blu-ray e DVD”

Twentieth Century Fox Home Entertainment ha annunciato il 18 settembre il lancio in tutto il mondo di DIGITAL HD - una nuova iniziativa che permette ai consumatori di scaricare i film Fox preferiti su una molteplicità di dispositivi connessi alla rete. Creato su misura per lo stile di vita “digitale” di oggi, in Italia sono già disponibili su piattaforma iTunes oltre 200 titoli Fox di catalogo da godersi ovunque. L’action movie "La Leggenda del Cacciatore di Vampiri" sarà il primo titolo novità Fox ad uscire in Italia prima in DIGITAL HD, il 2 novembre, e successivamente, il 14 novembre in Blu-ray e DVD.

"Con quasi 800 milioni di dispositivi a banda larga connessi a livello globale, e milioni di persone che accedono all'intrattenimento grazie ad essi, sentiamo che il momento giusto sia arrivato", ha detto Mike Dunn, Presidente Worldwide di Twentieth Century Fox Home Entertainment. "DIGITAL HD ridefinisce il concetto di proprietà digitale per presentare ai consumatori una gamma completa in modo coerente, e per lasciare loro la possibilità di costruire library digitali di film che possono essere letteralmente portate in un palmo di mano".

"Disponibile in più di 50 Paesi, DIGITAL HD è un marchio che definirà la convenienza e la selezione, specifiche della proprietà digitale", ha aggiunto Mary Daily, Presidente Worldwide Marketing e Chief Marketing Officer di Twentieth Century Fox Home Entertainment. "Nel tempo, DIGITAL HD incarnerà i benefici della qualità HD e il meglio dell’intrattenimento grazie al all-acces.”" "Pensiamo che il DIGITAL HD darà un contributo fondamentale allo sviluppo dell’alta definizione in Italia. La facile accessibilità, l’ampia offerta di film, il prezzo competitivo e l’alta qualità ridefiniranno il modo di fruire dell’home entertainment. L’aumento del numero di film disponibili in modo legale contribuirà inoltre alla lotta alla pirateria”, commenta Gianmaria Donà dalle Rose, Amministratore Delegato di 20th Century Fox Home Entertainment Italia che aggiunge: "Continueremo ovviamente a sostenere il prodotto fisico, soprattutto il Blu-ray, arricchendolo di contenuti extra esclusivi e della copia digitale."

Fonte: 20th Century Fox H.E. Italia



Commenti (20)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: gio1981 pubblicato il 24 Settembre 2012, 15:17
ma che schifo !!io sono un collezionista !!se pago voglio il bluray con la custodia e la cover !!bel trattamento che ci riservano !!grazie Fox !! e chissenefrega di vedre il film sull' iphone o sul portatile !!
Commento # 2 di: SydneyBlue120d pubblicato il 24 Settembre 2012, 15:30
Scusa gio1981 ma hai letto l'articolo? Si tratta di una eccellente iniziativa, queste sono le migliori strategie per combattere la pirateria. Poi chiaramente saranno da verificare costi e modalità di fruizione, ma comunque vanno nella direzione giusta.
Commento # 3 di: gio1981 pubblicato il 24 Settembre 2012, 16:11
ma pensa un po !!io pago per il bluray 3D piu' di 20.00 e me lo devo vedere 6 mesi dopo l' uscita al cinema e anche dopo l' uscita in digital delivery ?? e poi chi pirata di certo non si compra la versione Digital Delivery ma si scarica comunque il film dai soliti siti...
Commento # 4 di: wercide pubblicato il 24 Settembre 2012, 16:48
Originariamente inviato da: gio1981;3641104
e poi chi pirata di certo non si compra la versione Digital Delivery ma si scarica comunque il film dai soliti siti...

Su questo concordo pienamente anche io.

Molti miei amici mi dicono sempre la frase:

- Ma perché paghi se puoi avere la stessa cosa gratis?

Quindi figurati se uno che non compra il disco fisico, scarica un film pagando.
Commento # 5 di: SydneyBlue120d pubblicato il 24 Settembre 2012, 16:53
C'è gente che tra scaricare pirate e guardare legalmente gratis sceglierebbe comunque pirata, per quelli non c'è soluzione.
Inoltre le windows sono di 4 mesi in Italia, quindi i film di solito escono 4 mesi dopo l'uscita al Cinema, non 6. Suggerisco quindi di informarsi meglio
Il preferire il digital delivery prima del supporto fisico è una chiara strategia promozionale per ridurre la window, che effettivamente, così com'è al momento, ossia tendenzialmente fissa a 4 mesi secchi, è troppo rigida per le esigenze del mercato. Almento IMVHO.
Commento # 6 di: Pixies pubblicato il 24 Settembre 2012, 16:53
Una iniziativa che davvero allontana sempre più gli appassionati...

Bisognerebbe:
- chiudere la produzione dei dvd (i lettori blu ray si trovano a meno di 50 euro, non ha più senso produrre dvd)
- livellare il prezzo dei blu ray a quello degli attuali dvd
- mettere sempre tracce audio in italiano lossless
- aumentare la produzione di pure audio blu ray

Commento # 7 di: gio1981 pubblicato il 24 Settembre 2012, 18:09
e si, BASTA CON STI DVD !!! ormai quasi tutti hanno tv hd che senso ha vendere ancora i dvd ??e poi perchè devo spendere di piu' perchè mi vendono il bluray + l' inutile dvd che non usero' mai ?? e abbassiamo i prezzi dei bluray, dei bluray 3d poi non ne parliamo !!ne ho visti a 30.00 !!!meno male che c'è Amazon.it
Commento # 8 di: mariettiello pubblicato il 24 Settembre 2012, 18:22
in USA il film Prometheus è uscito con 3 settimane di anticipo rispetto al blu-ray, in una versione pseudo HD con audio 5.1 dolby digital in un file di dimensioni di circa 3/5 GB.

Dopo averlo visto al massimo del suo splendore in una sala iSens UCI (il miglior 3D in circolazione imho), e conoscendo a memoria le potenzialità del blu-ray, ho visionato la versione inglese digital delivery e dopo l'illusione iniziale durata pochi secondi (su plasma 50 kuro) dove la definizione sembrava ottima, dopo pochi minuti di visione sono nati i primi problemi di compressione, qualità dei neri, colori, nitidezza, sfumature, audio in stile e qualità dei primi DVD 5.1 etc...

insomma, nauseato dalla pessima qualità che un prodotto del genere propone (per evidenti problemi e costi legati alla tecnologia non ancora matura per offrire in digital delivery la vera qualità HD) ho avuto la netta sensazione che per noi appassionati arriveranno tempi amari, vivremo quello che hanno vissuto con gli mp3 gli appassionati di musica...speriamo che il formato blu-ray tenga, ormai la corsa al digital delivery è iniziata, la gente comune non noterà mai nulla di strano, abituata all'hd delle pay tv...

La beffa delle beffe poi è la sofferenza e l'umiliazione per la finestra di esclusiva digital delivery, una vera punizione per chi è pronto con i suoi 20/30 euro in mano per acquistare prodotti fisici e ben confezionati, la vera alta definizione, quella che già si inizia a rimpiangere...
E stavolta la pirateria avrà ancora un'altra freccia per affossare i blu-ray, che arriveranno soltanto un mese dopo l'invasione nelle case dei pirati di tutto il mondo
Commento # 9 di: mortimer86 pubblicato il 24 Settembre 2012, 18:33
Credo che questa sia un'ottima iniziativa per diffondere il sistema di acquisto digitale, sempre che vengano applicati prezzi consoni a tale sistema distributivo.

Il rischio (per le casi produttrici) è che l'utilizzatore medio preferirà rivolgersi comunque al download illegale per varie ragioni:
- non viene percepito il valore di queste copie digitali in confronto ai filmati scaricati (niente supporto fisico, niente package... insomma... nulla di concreto in più, io difficilmente sarei disposto a spendere più di quello che spendo per noleggiare un film.
- il file scaricato è molto più semplice da riprodurre in ogni luogo e soprattutto la maggior parte dei tv ormai permette di collegarci una chiavetta e leggere i più diffusi formati video. Il file acquistato, sicuramente avrà dei DRM che richedereanno l'utilizzo di un pc o una connessione internet per essere visionati sul tv di casa.

Il fattore discriminante lo farà il prezzo (forse una forma di abbonamento renderebbe il sistema veramente vincente) e la facilità con cui i filmati possano essere riprodotti.

Per quanto mi riguarda le 2-3 settimane di ritardo non mi tangono: non compro quasi mai un BD appena uscit, attendo sempre qualche offerta o il calo naturale del prezzo.
Commento # 10 di: PAOLINO64 pubblicato il 24 Settembre 2012, 19:14
Be se fosse almeno una copia 1:1 del BRD e costasse qualcosina meno del disco impacchettato ci farei un pensierino.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »