Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

DVD-R Ricoh da 200 GB!

di Emidio Frattaroli, pubblicata il 29 Novembre 2005, all 10:57 nel canale SOFTWARE

“Ricoh ha sviluppato un nuova tecnologia per dischi ottici che consente di utilizzare senza problemi fino ad 8 strati sovrapposti per una capacità complessiva di circa 200 GB”

Tokyo, novembre 2005. Ricoh, tra i principali produttori di supporti e tecnologie per la memorizzazione, ha recentemente sviluppato un nuovo disco ottico in grado di contenere fino a 200 GB di dati: 4 volte la capacità di un disco Blu-ray doppio strato.

La straordinaria capacità è stata raggiunta grazie all'utilizzo di ben 8 strati. Benché tecnicamente anche Blu.ray e HD-DVD prevedano la possibilità di utilizzare più strati, in realtà le riflessioni tra gli strati sovrapposti potrebbero limitare l'effettiva scalabilità del supporto.

Considerando inoltre che la maggior parte della tecnologia del drive sviluppato da Ricoh utilizza gli stessi principi di Blu-ray e HD-DVD, sarebbe estremamente semplice rendere i nuovi prodotti Ricoh compatibili con i due nuovo formati che arriveranno nei negozi il prossimo anno.

Il nuovo formato da 200 GB non sarà comunque commercializzato prima del 2008.

Fonte: Nihon Keizai Shimbun



Commenti (4)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Kuarl pubblicato il 29 Novembre 2005, 11:12
il blu ray da 8 strati se non sbaglio anche era di 200gb. In ogni caso sono già tanti 54gb... andare oltre per ora non ha molto senso
Commento # 2 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 29 Novembre 2005, 12:13
Per il momento, il Blu-ray annunciato da TDK (e due anni fa da Pioneer) è al massimo di 4 strati e da 100 GB. D'altra parte esistono già in vedita Blu-ray in Giappone a doppio strato da 50GB per i pochi videoregistratori esistenti.

Il nuovo supporto di Ricoh partirà direttamente da 8 strati a 200 GB ma credo sarà orientato più al mercato IT piuttosto che a quello consumer e da alcune analisi e previsioni effettuate, non sarebbe poi così facile raggiungere gli 8 strati anche sul Blu-ray.

Emidio
Commento # 3 di: corgiov pubblicato il 29 Novembre 2005, 18:45
Doppia riflessione

Mi pare di capire da questa notizia, e da altre sull'argomento, che ci si dovrà abituare al fatto che la sigla DVD-R non sempre ìndica il supporto contro di cui si era frapposto il DVD+R, bensì anche i DVD Blue-ray (non si erano già siglati come BD-R, BD-RE e BD-ROM?). A questo punto, ricordo le sigle ufficiali degli HD-DVD: HD DVD-R, HD DVD-RW, HD DVD-ROM.

Poco più di 5 anni lessi su Hardware Upgrade che un'azienda americana aveva inventato dei FD da circa 25-30 GB. Nel giro di un mese, nell'Home Page di Sony lessi che era stata sfruttata questa tecnologia, lanciando il primo Hi-FD (Hi-Fi FD), in grado lèggere dischi ottici FD da 200 GB! Per quanto in Italia, non sia mai arrivato quest'imponente impianto, durante il 2006 dovremmo iniziare finalmente a vedere questo genere di supporti. Intanto, però, chiedo: tutte queste notizie non mi apparvero secondarie, ma di grand'importanza. Ecco perché ritengo che ogni tanto vadano ricordate.
Commento # 4 di: corgiov pubblicato il 04 Dicembre 2005, 09:03
Un particolare sui FD

Aggiungo una precisazione. I dischi FD erano caratterizzati da una particolare trasparenza che permetteva di far aumentarne lo spazio. In pratica, erano dischi ottico-trasparenti. Il fatto particolare è, se ho capito bene, che avevano un solo strato, ossia 200 GB in un solo strato trasparente! Moltiplicando ciò per gli 8 strati del DVD della Ricoh, otteniamo 1.600 GB (un piccolo graffio e .... ciao ciao dai files memorizzati)! Probabilmente il materiale di fabbricazione di questi dischi non permetteva d'inserire tanti strati, o la trasperenza li abbandonava, ma è un vero peccato che siano finiti nel dimenticatoio, vista la capienza e la probabile maggior compatibilità con i lettori ottici.

Quanto mi mancano i CD-R della Yashi, trasparentissimi e facilissimi da masterizzare. La qualità era eccellente (non costavano poco) e oggi continuano a funzionare bene con tutti i lettori, anche quelli più schizzinosi.