Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Windows 8.1 sarà un upgrade gratuito

di Nicola Zucchini Buriani, pubblicata il 15 Maggio 2013, alle 09:16 nel canale MOBILE

“Microsoft conferma il nome della prossima versione del suo sistema operativo e la data per il rilascio della beta, annunciando anche che l'aggiornamento sarà distribuito gratuitamente”

Microsoft ha annunciato ufficialmente l'arrivo della nuova versione del suo sistema operativo, confermando anche il nome di Windows 8.1: la data prevista per il rilascio della beta viene confermata per il 26 Giugno, giorno in cui si terrà la conferenza per gli sviluppatori. Fin dai primi rumor ci si è chiesti se quello che prima era noto come Blue, e poi come 8.1, sarebbe stato rilasciato gratuitamente o come nuovo sistema operativo, da acquistare separatamente: Microsoft ha fugato ogni dubbio anche su questo aspetto, dichiarando che tutti i possessori di Windows 8 potranno aggiornare alla versione 8.1 senza ulteriori esborsi. L'uscita della versione completa è attesa per l'ultimo trimestre dell'anno, in tempo per il periodo "caldo" degli acquisti correlati alle festività.

Insieme alla versione per sistemi x86 (sia 32 che 64 bit) verrà lanciato anche un aggiornamento per l'OS utilizzato sui tablet Surface, ovvero Windows RT, che è progettato per funzionare su architettura ARM. Anche in questo caso il nome non cambia, ed avremo quindi un Windows RT 8.1. Per quanto Windows 8.1 venga descritto come un aggiornamento, da qui il nome che suggerisce continuità e la gratuità dell'aggiornamento, si tratterà, per Microsoft, di un secondo lancio di 8, o per meglio dire di un rilancio, atto ad invertire la tendenza che non sta premiando l'ultimo nato della casa di Redmond. Sulla carta le possibilità di incontrare i favori del pubblico sussistono tutte, grazie alle vociferate reintroduzioni del tasto Start e dell'avvio diretto sul desktop. Appuntamento al 26 Giugno, quindi, per scoprire le potenzialità di Windows 8.1

Fonte: The Wall Street Journal



Commenti