Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

WiMax in Italia a Giugno

di Emidio Frattaroli, pubblicata il 02 Gennaio 2007, all 12:18 nel canale MOBILE

“Lo scorso Dicembre 2006 i Ministri Parisi e Gentiloni hanno raggiunto un’intesa per l’avvio in Italia delle nuove tecnologie di telecomunicazioni wireles: a Giugno 2007 le prime licenze”

Grazie ad un ultimo accordo tra il Ministero della Difesa e quello delle Comunicazioni, dal prossimo Giugno 2007 saranno assegnate le prime frequenze per il nuovo servizio di trasmissione wireless a largo raggio conosciuto meglio come WiMax.

I primi lotti di frequenze nella banda WiMax, tra 3,4 e 3,6 GHz, saranno di 70 MHz complessivi, suddivisi in due gruppi da 35 MHz e disponibili su più aree nazionali. Il calendario operativo sarà fissato entro il prossimo Febbraio.

L'accordo tra i due ministeri era fondamentale poiché parte delle frequenze dedicate ai servizi WiMax erano riservati alle infrastrutture delle comunicazioni tra le forze dell'ordine. Il Ministero della Difesa dovrà quindi destinare nuove frequenze per questo tipo di applicazioni.

Con l'avvio del nuovo servizio di comunicazione WiMax potremmo assistere anche in Italia all'ingresso di una valida alternativa alle connessioni ADSL e xDSL che in condizioni operative sarà molto più economica e con velocità che possono raggiungere anche i 75 Mbit/sec.

Fonte: www.key4biz.it

 



Commenti (9)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: guest_1000 pubblicato il 02 Gennaio 2007, 15:42
Finalmente qualcosa si muove... ora aspettiamo per i tempi di attuazione e di messa sul mercato, sperando che non siano biblici!
Commento # 2 di: guest_2102 pubblicato il 02 Gennaio 2007, 16:12
Originariamente inviato da: Maxi
Finalmente qualcosa si muove... ora aspettiamo per i tempi di attuazione e di messa sul mercato, sperando che non siano biblici!

Speriamo che i costi siano ragionevoli,in fondo anche la creazione delle infrastrutture wireless per gestori dovrebbero essere più semplici
Commento # 3 di: Andhaka pubblicato il 02 Gennaio 2007, 17:30
Mah.. mi lasci aun po' perplesso...

Dopo tutte le rogne sull'inquinamento dell'etere ecco che si organizzano per una rete Wifi nazionale ad alto potenziale che probabilmente rischierà di friggere i nostri già superstimolati centri nervosi...

Ma davvero ci serve tutto questo? Ovviamente escludendo quelle zone un po' ostiche per il cablaggio...

Cheers
Commento # 4 di: guest_2102 pubblicato il 02 Gennaio 2007, 17:57
Secondo me è necessario,il primo vero passo verso la liberalizzazione delle comunicazioni ed il primo passo per togliere a Telecom la posizione dominante che si è costruita con i nostri soldi
Commento # 5 di: Andhaka pubblicato il 02 Gennaio 2007, 19:06
Scusa, ma chi credi che stia facendo la rete Wimax?!?!

La sta implementado Telecom... quindi la liberalizzazione delle comunicazioni non credo proprio che avverrà in tempi ragionevoli.

Poi, francamente, il mio problema era legato all'inquinamento elettromagnetico di una rete ad alto potenziale come quella del Wimax.. sul discorso monopoli e liberalizzazione... tutto un altro paio di maniche...

Cheers
Commento # 6 di: guest_2102 pubblicato il 02 Gennaio 2007, 19:08
Originariamente inviato da: Andhaka
Scusa, ma chi credi che stia facendo la rete Wimax?!?!

Mi vorresti dire che gli altri gestori staranno a guardare e si faranno subaffittare i servizi da telecom?
Commento # 7 di: vincino pubblicato il 03 Gennaio 2007, 18:23
Originariamente inviato da: Andhaka
Mah.. mi lasci aun po' perplesso...

Dopo tutte le rogne sull'inquinamento dell'etere ecco che si organizzano per una rete Wifi nazionale ad alto potenziale che probabilmente rischierà di friggere i nostri già superstimolati centri nervosi...

Ma davvero ci serve tutto questo? Ovviamente escludendo quelle zone un po' ostiche per il cablaggio...

Cheers


Una domanda: Usi un telefonino?
Commento # 8 di: Andhaka pubblicato il 03 Gennaio 2007, 19:06
Originariamente inviato da: vincino
Una domanda: Usi un telefonino?


Dipende cosa intendi per usi...

Ho un telefonino... forse spendo 20 euro all'anno... praticamente non ricevo chiamate (do il numero solo per emergenze).

Lo so che cmnq inquina a livello onde, ma già c'è quello, perchè aumentarlo? Il Wimax è mooolto più potente del segnale di un cellulare o dei loro ripetitori e quindi andiamo a peggiorare una situazione già, secondo me, abbastanza critica.

Poi ovviamente capisco le esigenze di connessione moderna... ma non so quanto poi sarà il prezzo (non inteso in euro) che pagheremo.

Cheers
Commento # 9 di: igor pubblicato il 04 Gennaio 2007, 19:11
Originariamente inviato da: Andhaka
Scusa, ma chi credi che stia facendo la rete Wimax?!?!

La sta implementado Telecom... quindi la liberalizzazione delle comunicazioni non credo proprio che avverrà in tempi ragionevoli.

Poi, francamente, il mio problema era legato all'inquinamento elettromagnetico di una rete ad alto potenziale come quella del Wimax.. sul discorso monopoli e liberalizzazione... tutto un altro paio di maniche...

Cheers

non solo Telecom, noi di Assomax siamo stati chiamati a Roma dal FUB e dal Ministero e ci siamo seduti ad un tavolo con Siemens, Alvarion e altra gentina di questa categoria

se volete sapere cosa abbiamo fatto www.assomax.it

ciao

igor