Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Vodafone e TIM portano l'iPhone in Italia

di sabatino pizzano, pubblicata il 07 Maggio 2008, all 15:49 nel canale MOBILE

“Le due compagnie telefoniche annunciano in due differenti comunicati l'accordo con Apple per la distribuzione del tanto atteso iPhone che arriverà in Italia e nel resto d'Europa entro fine anno”


È finalmente finita la lunga telenovela che ha caratterizzato l'ultima meravigliosa creatura della Apple, l'iPhone, ed il nostro paese. Vodafone e TIM, i due principali operatori telefonici in Italia, hanno infatti annunciato i rispettivi accordi con la casa di Cupertino per la distribuzione sul mercato italiano dell'innovativo cellulare "tutto fare" di Apple.

Dai due comunicati non sono state rese ulteriori informazioni ufficiali, ma sembrerebbe che le due case abbiano intenzione di distribuire il suddetto terminale con il blocco operatore che ne vincola il funzionamento solo sulle rispettive reti. Secondo informazioni ancora non confermate, in Italia arriverà la versione 2.0 dell'iPhone, ovvero quella 3G.

Restiamo in attesa di ulteriori dettagli in merito, sopratutto sul prezzo previsto e la data precisa di inizio commercializzazione, ipotizzata già per il prossimo mese di giugno.

Fonte: Telecom, Vodafone.



Commenti (26)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: GIANGI67 pubblicato il 07 Maggio 2008, 15:51
Sembrerebbe concretizzarsi cio' che si diceva,ossia telefono bloccato da Tim e Vodafone e,forse,disponibile tramite Apple Store,sbloccato ma piu' caro.
Commento # 2 di: naponappy pubblicato il 07 Maggio 2008, 16:23
Se lo tengano. Entro fine anno escono diversi smartphone di gran lunga più completi, dal Sony xperia x1 al HTC Raphael.
Commento # 3 di: GIANGI67 pubblicato il 07 Maggio 2008, 16:25
E' verissimo...tuttavia l'IPhone vendera' tanto in virtu' del design e dell'oggetto in se'...in Apple sono maestri in questo.
Commento # 4 di: Highlander pubblicato il 07 Maggio 2008, 16:51
Diversi amici carissimi, dopo l'entusiasmo iniziale, ne hanno riscontrato limiti e frustrazioni ... Morale ... bell'oggetto messo in vendita ..
Io continuo a Bombardarmi col mio Qtek 9000 che per come l'ho configurato mi fa pure il caffè ... quando non s'impalla .....
Commento # 5 di: OXO pubblicato il 07 Maggio 2008, 19:44
Io non è che abbia bisogno di un vero e proprio smartphone, ma credo che sarò fra quelli che cederanno implumi al fascino magnetico di uno splendido oggetto di design tecnologico...
Commento # 6 di: gattapuffina pubblicato il 07 Maggio 2008, 20:15
Evitare, please, di parlare di funzioni e completezza dell'iPhone, avendo come errato paragone il modello attuale americano.

Primo, perchè il modello italiano sarà 3G, avrà il firmware 2.0, quindi già di base sarà piuttosto diverso da quello attuale.

Secondo, perchè dopo il lancio italiano, o comunque da Giugno in poi, esce la versione definitiva dell'SDK, per cui ci saranno disponibili MIGLIAIA di applicazioni da sviluppatori indipendenti, SENZA richiedere lo sblocco del telefono, e ovviamente molto più affidabile, in quanto tutto è ufficialmente documentato da Apple.

Giusto per dare un'idea, il firmware 2.0 dell'iPhone supporta la grafica 3D in OpenGL...(scaricata oggi la beta 5, visti e compilati i demo sul simulatore che gira su Mac...)

La disponibilità di applicazioni di terze parti permetterà l'aggiunta di moltissime funzioni che mancano, e metterà una pietra sopra definitiva a l'unica obiezione da parte dei possessori di telefoni con Windows, cioè che funziona si male (l'interfaccia Windows è quanto di meno adatto ad un telefono), ma si possono caricare molti programmi aggiuntivi.

Da Giugno, l'iPhone diventerà aperto. E se ha avuto il successo che ha avuto finora, senza 3G ed essendo pure chiuso, ci vuol poco ad immaginare che sfracello farà, quando si aprirà ai programmi di terze parti.
Commento # 7 di: Highlander pubblicato il 07 Maggio 2008, 20:19
è li poi che cominceranno i problemi di compatibilità e stabilità ....
Cmq ... vabbè .... è prematuro ... vedremo
Commento # 8 di: gattapuffina pubblicato il 07 Maggio 2008, 20:44
Originariamente inviato da: Highlander
è li poi che cominceranno i problemi di compatibilità e stabilità ....


No, perchè, contrariamente ai cellulari con Windows, dove i programmi li trovi dove vuoi e li fa chiunque, quelli per iPhone saranno venduti solo tramite iTunes e gli sviluppatori devono pagare 99$ l'anno per rimanere sviluppatori, quindi Apple li può identificare singolarmente.

Dato che la Apple prenderà una percentuale da ogni programma venduto, ci saranno requisiti minimi di qualità da rispettare e, se si viene a scoprire che un programma fa casino, verrà rimosso dallo store finchè non verrà sistemato.

Non ci saranno programmi liberamente scaricabili dovunque, per quello sarà sempre necessario sbloccare il telefono, ma a quel punto l'utente che lo farà sarà consapevole di cosa va incontro.

Inoltre, esattamente come nel caso Windows contro Mac, mentre i cellulari Windows sono centinaia, con hardware, schermi, processori, e tastiere diversi, l'iPhone è sostanzialmente uno solo, per cui sarà molto più difficile che i programmi abbiano grossi problemi, perchè l'hardware su cui girano e con cui vanno testati e uguale per tutti.
Commento # 9 di: Highlander pubblicato il 07 Maggio 2008, 21:05
Ripeto ... vedremo ..
Nacqui, causa musucista, prima utente MAC e poi con dolore passai a MS .
Tuttavia, nonostante la politica Apple garantisca maggior controllo e stabilità è proprio quello uno dei limiti che mi faceva sbavare quando vedevo applicazioni di terze parzi Win only ...

Preferisco gestire io le cose e specie su un palmare plasmarlo alla bisogna con il meglio di quello che mi serve
Commento # 10 di: gattapuffina pubblicato il 07 Maggio 2008, 22:25
Originariamente inviato da: Highlander
Nacqui, causa musucista, prima utente MAC e poi con dolore passai a MS


Classico esempio di switch al contrario, che succedeva solo ai tempi di OS7-8-9, oggi non succede più. In quel momento, con Apple sull'orlo del fallimento, il motivo della scarsità di software per Mac, al di fuori di precise nicche di mercato, era dovuto SOLO alla precarietà della situazione di mercato della Apple e alla scarsa affidabilità di OS7/8/9.

P.S.
Ho fatto il musicista per professione per anni, ho anche lavorato alla Roland negli anni 90 e, fidati, i programmi musicali attuali per Mac rimangono i migliori e i più affidabili e ci sono alcuni casi eclatanti (es. Logic e DVD Studio) che sono passati, appunto, dall'essere programmi Windows, a programmi Mac-Only.


Tuttavia, nonostante la politica Apple garantisca maggior controllo e stabilità è proprio quello uno dei limiti che mi faceva sbavare quando vedevo applicazioni di terze parzi Win only ...


Oggi, nella realtà dei fatti, di Windows-only ci sono rimasti solo i giochi (che comunque è meglio usare su PS3 o Xbox), e i gestionali. Il mondo Mac, con OSX, è cambiato parecchio rispetto a quello che conoscevi tu, ed è cambiato DEL TUTTO, con il passaggio ai processori Intel.

In ogni caso, il paragone con il Mac è errato comunque, perchè in un *telefono*, un controllo minimo sulle applicazioni dà più vantaggi che svantaggi.


Preferisco gestire io le cose e specie su un palmare plasmarlo alla bisogna con il meglio di quello che mi serve


Questa, infatti, è l'illusione dei palmari/telefoni con Windows. Che tu possa fare tutto. In realtà, fai tutto male e, anche quello che fai, hai la palla al piede, non risolvibile, perchè inerente nel sistema, dell'inutilizzabile interfaccia Windows, che non ha alcun senso su un telefono, perchè pensata per tastiera+mouse+schermo grande.

Comunque, se uno vuole pasticciare liberamente con l'iPhone, basta sbloccarlo, e puoi installare liberamente tutta l'immondizia che vuoi, esattamente come con Windows.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »