Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

RAM di nuova concezione da IBM

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 12 Dicembre 2006, all 10:22 nel canale MOBILE

“IBM insieme a Infineon e Macronix annuncia delle RAM di nuova concezione con informazioni non volatili che consentiranno applicazioni molto interessanti in ambito Home Entertainment”

Si chiamano Phase Change Memory (PCM) e sono state presentate in occasione dell'International Electronic Device Meeting di San Francisco e nascono dalla collaborazione tra IBM, Infineon e Macronix. A differenza delle memorie di tipo SRAM o DRAM, le PCM sono non volatili e quindi in grado di trattenere le informazioni anche senza elettricità. Inoltre, lo scambio dei dati è fino a 500 volte più veloce rispetto alle RAM tradizionali, consumando la metà dell'energia. Queste innovazioni avranno l'enorme vantaggio di consentire l'accensione istantanea di PC e dispositivi mobili, risolvendo definitivamente uno dei limiti patito dagli utenti HTPC.

Secondo quanto riportato da IBM, l'utilizzo di una nuova lega alla base delle PCM ha consentito di trattenere le informazioni grazie ad una struttura che da amorfa è diventata cristallina. Le "vecchie" RAM utilizzano una carica elettrica per registrare i dati 1 e 0 sul silicio, dove 1 ha una carica e 0 no. Al momento IBM non ha annunciato una data di rilascio commerciale delle nuove PCM, ma secondo indiscrezioni la tecnologia è al momento attuale talmente costosa da non prevedere introduzioni prima di almeno un decennio.

Fonte: Twice



Commenti (7)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: stealth82 pubblicato il 12 Dicembre 2006, 12:50
Limite solo degli HTPC?!?

Bella notizia, stavo per dire fotonico quando ho letto dei costi e dei tempi
Commento # 2 di: corgiov pubblicato il 12 Dicembre 2006, 14:23
Strano che IBM parli di costi elevati perché sarebbero immediatamente utilizzabili con le nuove schede PCI/RAM (non ricordo come si chiamano), ossia quelle schede che possono tenere fino un massimo di 8 Giga di RAM, e il sistema le vedrebbe come Hard Disk. Sarebbe bello registrarci Windows (anche se il Vista richiede 15 Giga liberi...): accensione immediata, elaborazione audio (PCM 16 bit, 32 bit, tanto il nome è lo stesso) ed elaborazione video... quanto applicazioni ci sarebbero!
Commento # 3 di: damon75 pubblicato il 12 Dicembre 2006, 16:06
Dai ragazzi,

visti i tempi di introduzione di queste nuove RAM, e visti soprattutto i tempi che una nuova tecnologia solitamente impiega per diventare popolare (leggasi prezzi accessibili), direi che i nostri figli avranno di che divertirsi!
Ah, dimenticavo, tutto ovviamente se non ci saranno ritardi.....

Bye!
Commento # 4 di: tritologol pubblicato il 12 Dicembre 2006, 22:35
Originariamente inviato da: corgiov
Strano che IBM parli di costi elevati perché sarebbero immediatamente utilizzabili con le nuove schede PCI/RAM (non ricordo come si chiamano), ossia quelle schede che possono tenere fino un massimo di 8 Giga di RAM, e il sistema le vedrebbe come Hard Disk. Sarebbe bello registrarci Windows (anche se il Vista richiede 15 Giga liberi...): accensione immediata, elaborazione audio (PCM 16 bit, 32 bit, tanto il nome è lo stesso) ed elaborazione video... quanto applicazioni ci sarebbero!


Il mio Vista occupa 10GB
Comunque non è tutto così semplice, lavoreranno pure velocemente, ma da ipotesi di scuola l'FSB della CPU castrerebbe non poco l'utilizzo da poter fare con queste memorie che sono 500 volte più veloci delle ram di oggi

quindi non è così facile produrle e farle lavorare al TOP ... e comunque si parla di RAM, anche se l'utilizzo da farne, e le caratteristiche, mi fanno pensare più ad un HD che a della ram, altrimenti qua se la cosa è fattibile, basterà uno solo di queste RAM non volatili e risolvi il problema di HD e RAM in un solo momento ...

Bella prospettiva ... ma inattuabile ora per due motivi

1) Fai fallire le fabbriche di HD e RAM
2) costi produttivi altissimi e non ancora soddisfacenti (ricordiamoci che sono solo TEST)
Commento # 5 di: corgiov pubblicato il 12 Dicembre 2006, 22:42
È vero che Windows Vista occupa 10 Giga, ma all'instalalzione ne sono richiesti possibilmente 15 liberi. Un'altra richiesta è avere un Hard Disk da 40 Giga su farlo lavorare. Tenendo presente che questo RAM basterebbero i soli 15 Giga minimi, il costo di tale quantità di RAM è pur sempre elevato (anche con le DDR 1, 2, 3, e altre RAM attuali).
Commento # 6 di: tritologol pubblicato il 12 Dicembre 2006, 23:39
Originariamente inviato da: corgiov
È vero che Windows Vista occupa 10 Giga, ma all'instalalzione ne sono richiesti possibilmente 15 liberi. Un'altra richiesta è avere un Hard Disk da 40 Giga su farlo lavorare. Tenendo presente che questo RAM basterebbero i soli 15 Giga minimi, il costo di tale quantità di RAM è pur sempre elevato (anche con le DDR 1, 2, 3, e altre RAM attuali).


Ma è inattuabile con le ram attuali .. appunto per la volatilità ..per ora si parla di dischi ibridi mezzi con dischi e mezzi con memorie non volatili. A meno che tu non voglia prendere un disco basato solo su memoria flash il mitico samsung da 32gb .. però il costo credo sia ancora un tantino elevato
http://www.tomshw.it/storage.php?guide=20060920

L'idea sarebbe di mettere vista sul 32 e gli altri hd normali come unità di storage ... cmq vista non è pesante, e non è richiesto un HD da 40 PER FARLO LAVORARE, ma per avere spazio necessario anche per altri programmi .. la mia partizione di test con vista è di 20GB ed è riempita per metà, quindi è consigliabile 40GB per l'utilizzo generale es altri programmi ecc.. ma cmq va tranquillamente
Commento # 7 di: corgiov pubblicato il 13 Dicembre 2006, 13:35
Va tranquillamente pure con i miei 630 Giga...