Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Piattaforma Mobile NVidia APX 2500

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 13 Febbraio 2008, all 13:15 nel canale MOBILE

“A Barcellona, NVidia presenta la nuova piattaforma dedicata all'intrattenimento in mobilità con il nuovo chipset APX 2500 per l'accelerazione video hardware HD, elaborazioni audio e gestione dell'interfaccia HDMI”

Nvidia entra prepotentemente nel mercato dei dispositivi mobili annunciando l'arrivo del nuovo chipset APX 2500. Basato sull'architettura GeForce, questa CPU è stata sviluppata con particolare attenzione all'ottimizzazione dei consumi, determinante nell'uso in mobilità, ed eccelle soprattutto nelle applicazioni di cattura e riproduzione del materiale in HD con risoluzioni 720p. Secondo quanto riportato dai responsabili NVidia, la nuova piattaforma consentirebbe di riprodurre fino a 10 ore di filmati 720p e oltre 100 ore di musica compressa.

L'architettura APX è anche sufficientemente potente per gestire ed elaborare scatti fotografici fino a 12Mpixel ed è facilmente integrabile con funzionalità di "face detection" (molto in voga nelle più moderne compatte fotocamere digitali) e stabilizzazioni degli scatti. Altra caratteristica interessante del nuovo chip riguarda la gestione di un'eventuale interfaccia audio-video digitale HDMI che consente quindi di collegare il terminale ad una TV o monitor di ultima generazione e di riprodurre direttamente i filmati a 720p.


Un primo prototipo di cellulare funzionante basato sull'APX 2500 collegato in HDMI

In una prima fase, Nvidia intende utilizzare l'APX 2500 all'interno di cellulari evoluti basati su sistema operativo Windows Mobile grazie alla compatibilità con le istruzioni Direct3D. Il chipset è comunque perfettamente compatibile anche con le istruzioni OpenGL ES 2.0 e potrà essere pienamente sfruttato anche da sistemi operativi alternativi. Nvidia ha già rilasciato alcuni esemplari del nuovo chip ad alcune aziende (per ora tenute sotto il massimo riserbo) e la produzione di massa dovrebbe iniziare in primavera.

Fonte: Electronista



Commenti