Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

NTT Docomo sperimenta il 5G da 10Gbps

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 09 Maggio 2014, alle 10:42 nel canale MOBILE

“Il colosso della telecomunicazione giapponese conferma l'avvio della sperimentazione della connettività mobile 5G da oltre 10Gbps con bande di frequenze oltre i 6 GHz. Tra i partner tecnici figurano Alcatel-Lucent, Ericsson, Fujitsu, NEC, Nokia e Samsung. L'obiettivo è di proporre il 5G entro il 2020, in tempo per le Olimpiadi di Tokyo”

Mentre gran parte dei mercati sono ancora in piena fase di passaggio alla connettività 4G-LTE, c'è già chi guarda oltre, annunciando l'avvio delle sperimentazioni 5G. Il colosso giapponese NTT Docomo vuole farsi trovare pronta per le Olimpiadi di Tokyo del 2020 e annuncia l'avvio di collaborazioni tecniche con Alcatel-Lucent, Ericsson, Fujitsu, NEC, Nokia e Samsung, tutte impegnate nello sviluppo di infrastrutture di connettività 5G da oltre 10Gbps su frequenze oltre i 6 GHz e fino a 28GHz.

"Samsung è pienamente focalizzata nella ricerca e lo sviluppo di soluzioni 5G, che stiamo già sperimentando con successo. Siamo impegnati in prima persona nella standardizzazione e commercializzazione di tecnologie 5G e onorati della collaborazione con NTT Docomo, che potrà portare in futuro a importanti sinergie", ha dichiarato il colosso coreano a margine dell'annuncio dell'avvio della sperimentazione da parte del gigante delle telecomunicazioni giapponese.

Fonte: NTT Docomo



Commenti (4)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: John B pubblicato il 09 Maggio 2014, 22:57
Io spero soltanto che non fa male alla salute . Speriamo che non succede la stessa storia della benzina al piombo !
Magari tra trent'anni lo sapremo .
Commento # 2 di: adslinkato pubblicato il 09 Maggio 2014, 23:24
Ecco. Il mio dubbio era proprio quello... Ma la questione non era ke le frequenze erano più dannose a mano a mano che si saliva? I 450 meglio dei 900 mhz, che erano meglio dei 1800 e così via?
Commento # 3 di: John B pubblicato il 10 Maggio 2014, 00:00
Il dio denaro deciderà la nostra sorte ! Più che altro mi preoccupo delle nuove generazioni e nostri figli , che mondo gli lasceremo ?
Già sembra che il wifi casalingo può essere pericoloso , su certe condizioni . A sapere che un BD 4k sta bombardando le tue cellule non è confortante.A casa avevo un trato dove non avevo passato i cavi ethernet , e tanto bene in mezzo a quel percorso dove comunicava il pc con il router , dormiva il mio figlio . Vi giuro ragazzi che pur sapendo che in teoria il wifi di quella frequenza non fa male al corpo umano , il pensiero era sempre li . Per fortuna ho passato i cavi e non ho più quel senso di colpa , questa notizia un po' di preoccupazione mi dà .
Commento # 4 di: Kuarl pubblicato il 10 Maggio 2014, 11:49
per quanto riguarda gli effetti termici è il contrario, più è bassa la frequenza, più facilmente attraversa la materia e cede energia (effetto forno a microonde). Quindi se si sale le onde radio ci scivolano addosso senza attraversarci.

Altri tipi di danni non si conoscono ne sono stati dimostrati.