Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

CompuLab MintBox 2 con CPU i5

di Nicola Zucchini Buriani, pubblicata il 01 Luglio 2013, all 09:14 nel canale MOBILE

“Presentata la nuova versione del mini PC con sistema operativo Linux Mint, non più dotata di un processore AMD, bensì di un Intel Core i5 con hard disk da 500GB e Dual Gigabit Ethernet”

CompuLab annuncia l'arrivo della seconda generazione di MintBox, i mini PC basati sul sistema operativo Linux Mint. In questa nuova versione verrà utilizzata l'ultima release del sistema operativo "openo-source", ovvero la 15 denominata Olivia. MintBox 2 non utilizzerà più i processori AMD ma un più prestante Intel Core i5 (non è specificato quale modello o quale architettura, se Ivy Bridge o Haswell). La scelta è ricaduta su un i5 per via dell'eccellente compromesso tra prestazioni e prezzo: rispetto a MintBox Pro, che montava un AMD T56, le prestazioni sono dichiarate 4 volte superiori, mentre il prezzo è rimasto sostanzialmente immutato. CompuLab ha dichiarato che, optando ad esempio per un i7, avrebbe dovuto alzare sensibilmente i costi a fronte di un incremento prestazionale di solo 5 punti percentuali. Secondo i benchmark di Geekbench, infatti, la configurazione con i5 fa registrare 7541 punti, mentre quella con i7 raggiunge i 7919 punti.

Accanto alla CPU troviamo 4GB di RAM, un hard-disk da 500GB e una Dual Gigabit Ethernet, il tutto con una garanzia di 5 anni. CompuLab sta inoltre lavorando per consentire agli europei di acquistare tramite Amazon.de, in modo da semplificare tutta la procedura (niente più dogana e relative tasse). Il costo del sistema è di 599 dollari.

Fonte: Linux Mint Blog



Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: mauromol pubblicato il 01 Luglio 2013, 12:56
"ma bensì"

Caspita, almeno voi che ci lavorate con l'italiano...
Commento # 2 di: Onslaught pubblicato il 01 Luglio 2013, 13:06
Mi scuso, è un classico typo, il bensì” c'era prima e non l'ho cancellato cambiando la frase, cosa che ho fatto nel testo dell'articolo